Vertice di Oslo | La NATO cerca di compromettere l’adesione dell’Ucraina

Vertice di Oslo |  La NATO cerca di compromettere l’adesione dell’Ucraina

(Oslo) L’adesione dell’Ucraina, la successione di Jens Stoltenberg e il balzo delle spese militari: l’incontro di giovedì a Oslo dei Paesi Nato ha cercato di fare progressi su questi temi che ancora li dividono, esprimendo al riguardo la sua insofferenza.


L’Ucraina diventerà membro della NATO, ha confermato nella capitale norvegese il segretario generale di questa organizzazione occidentale, Jens Stoltenberg.

ma quando ? La questione rimane divisa all’interno della NATO.

Volodymyr Zelensky, presente con lui lo stesso giorno a un vertice europeo in Moldavia, ha avvertito: “Ogni dubbio che mostriamo è una trincea che la Russia cercherà di occupare”.

Il capo di Stato ucraino ha detto di essere in attesa di un “messaggio molto chiaro” che il suo Paese aderisca all’alleanza “dopo la guerra”.

Giovedì i colloqui a livello dei ministri degli Esteri norvegesi si sono concentrati sulle garanzie di sicurezza e protezione per accompagnarla nel percorso verso l’adesione ed evitare un nuovo conflitto con la Russia.

È stato un incontro informale. “Non c’è alcuna decisione, ma abbiamo scambi aperti con l’obiettivo di trovare un consenso”, ha spiegato Jens Stoltenberg.

“Garantire la sicurezza dell’Ucraina”

“Non sappiamo quando finirà la guerra, ma dobbiamo garantire che vengano prese disposizioni affidabili per garantire la sicurezza futura dell’Ucraina”, ha sottolineato.

Ha riconosciuto che “i dettagli di come questo sarà fatto, il tipo di meccanismi, è tutto ancora da definire”.

La posizione americana sarà decisiva. Gli Stati Uniti aspettano l’ultimo minuto. Sono in grado di “ascoltare i loro partner”, ha detto uno dei ministri all’AFP dopo l’incontro, a condizione di anonimato.

READ  I talebani chiedono aiuti umanitari senza "pregiudizi politici"

Washington attualmente rifiuta di dare alla NATO tali garanzie di sicurezza all’Ucraina, e il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha eluso la questione.

Ha insistito sul fatto che la priorità degli Stati Uniti era quella di rafforzare la capacità di Kiev in modo che, quando la guerra fosse finita, “l’Ucraina avesse la piena capacità di scoraggiare e, se necessario, difendersi da qualsiasi futura aggressione”.

“La cosa più importante al momento è il nostro impegno per aiutare l’Ucraina a difendersi e riconquistare il suo territorio”, ha aggiunto Jens Stoltenberg.

Tali garanzie, che consistono nel manifestare formalmente il proprio sostegno a un paese in caso di aggressione, sono state recentemente concesse da diverse nazioni alleate alla Svezia, la cui adesione è stata bandita da Turchia e Ungheria.

Giovedì diversi ministri hanno chiesto che il regno scandinavo sia un “membro a pieno titolo” prima del vertice di Vilnius a metà luglio.

Jens Stoltenberg, che ha parlato con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo la sua rielezione, ha annunciato che stava preparando un viaggio ad Ankara per cercare di sbloccare la situazione.

Ma le conseguenze dell’allargamento dei confini della Russia con l’integrazione dell’Ucraina stanno dividendo ancora di più gli alleati.

Danese nella NATO?

Il ministro lussemburghese Jean Asselborn ha affermato che la posta in gioco è alta.

“La NATO avrà 75 anni e nessun paese si unirà mai ad essa in un conflitto armato, perché può far scattare l’articolo 5 il giorno in cui si unirà, e nel caso dell’Ucraina, sarà guerra tra NATO e Russia”, ha detto.

Quindi una decisione in poco più di un mese rimane improbabile.

READ  Abrogazione del diritto all'aborto: "È la volontà di Dio", afferma Trump

“A Vilnius probabilmente non ci sarà una data o un calendario per l’adesione perché molte cose sono ancora da decidere”, ha detto il ministro francese Catherine Colonna.

Jens Stoltenberg si rifiuta di avanzare. “Nessuno è in grado di dirvi esattamente quale sarà la decisione finale al vertice di Vilnius su questo tema”, ha detto.

Nominato nel 2014, il 64enne norvegese si sta avvicinando alla fine del suo rinnovo per tre volte.

Il suo successore dovrebbe essere un europeo, ei Paesi dell’Unione Europea vorrebbero nominare una donna tra le loro fila.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che avrà l’ultima parola, riceverà il primo ministro danese Mette Frederiksen, attualmente al centro delle speculazioni, il 5 giugno.

“La scelta viene sempre fatta all’ultimo minuto e una riconferma di Jens Stoltenberg è ancora sul tavolo”, hanno detto i diplomatici della NATO.

Intanto l’interessato ribadisce di volersi ritirare.

La spesa militare del suo paese è un criterio di selezione per la persona che vorrà dirigere questa organizzazione.

Gli alleati hanno promesso loro il 2% del loro PIL nel 2024 e il piano è di fare il minimo indispensabile.

Tuttavia, solo sette paesi, inclusi gli Stati Uniti, hanno raggiunto questo obiettivo.

Danimarca da mIO Frederiksen è ben lungi dal raggiungere la sua quota dello sforzo richiesto dell’1,4%. Ma il tempestivo annuncio di questa settimana che triplicherà la sua spesa militare entro il 2033.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *