Pechino afferma che le esercitazioni militari intorno a Taiwan sono state “completate con successo”

Pechino afferma che le esercitazioni militari intorno a Taiwan sono state “completate con successo”

L’esercito cinese ha dichiarato lunedì di aver “completato con successo” le sue manovre militari volte a circondare per tre giorni l’isola autogovernata di Taiwan, che Pechino rivendica come provincia cinese.

Dall’8 al 10 aprile, la leadership militare cinese “ha completato con successo vari compiti” di prontezza militare “intorno all’isola di Taiwan attraverso un’esercitazione congiunta con la spada”, hanno detto i militari in un post sui social media.

La leadership cinese ha aggiunto di aver “ampiamente testato la sua” capacità di combattimento “congiunta in condizioni reali.

Deplorate sia da Taiwan che dagli Stati Uniti, che hanno chiesto “moderazione” durante il dispiegamento del cacciatorpediniere nelle acque rivendicate da Pechino, le manovre che hanno mobilitato lunedì decine di navi da guerra e fino a circa 70 aerei hanno ricevuto un esplicito sostegno politico dalla Russia.

“La Cina ha il diritto sovrano di rispondere (alle) azioni provocatorie” degli Stati Uniti, “in particolare conducendo manovre”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

Le manovre cinesi, iniziate sabato, avevano lo scopo di protestare contro l’incontro di mercoledì del presidente taiwanese Tsai Ing-wen con il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Kevin McCarthy.

obbiettivo? Simulando una “chiusura” del territorio di 23 milioni di persone rivendicato da Pechino, hanno spiegato i militari cinesi. E in particolare un “blocco aereo”, secondo la televisione di Stato Cctv.

“L’indipendenza di Taiwan, la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan sono reciproche”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin in un briefing regolare, aggiungendo che è necessario “opporsi fermamente a qualsiasi forma di secessione per il bene dell’indipendenza di Taiwan”.

READ  6 gennaio Comitato | Nuova audizione dell'ex collaboratore della Casa Bianca

L’Eastern Theater Command dell’esercito ha dichiarato che la Shandong, una delle due portaerei cinesi, “ha partecipato alle esercitazioni di oggi”.

Durante le manovre, aerei da combattimento e navi da guerra hanno simulato operazioni di bombardamento mirato sull’isola.

Sembra che anche gli Stati Uniti vogliano mostrare la propria forza: il cacciatorpediniere americano USS Milius ha effettuato lunedì una “operazione di libertà di navigazione” in una zona del Mar Cinese Meridionale rivendicata da Pechino. Una “ingerenza” che la Cina ha subito denunciato.

Il Giappone ha dichiarato di aver lanciato nei giorni scorsi aerei da combattimento in risposta a coloro che sono decollati e atterrati dalla portaerei Shandong.

In un video pubblicato lunedì sull’account WeChat dell’Eastern Theatre Command dell’esercito, un pilota cinese ha affermato di essere “arrivato vicino alla parte settentrionale dell’isola di Taiwan” con i missili “bloccati”.

In un altro video, con una musica drammatica, il fischio di un ufficiale fa correre il personale militare in posizione mentre sullo schermo appare un finto sbarramento su Taiwan.

Qualcosa di cui i residenti sono preoccupati: “Noi gente comune vogliamo solo una vita semplice e stabile”, ha detto Lin Ke-qiang, 60 anni, residente a Began Island nell’arcipelago di Matsu, che appartiene a Taiwan ma può essere visto dalla costa cinese AFP.

E quest’uomo, che lavora come chef, aggiunge: “Se scoppia una guerra, e ora che i loro missili sono così avanzati, non abbiamo possibilità di resistenza, verremo schiacciati”.

Sabato, Tsai Ing-wen ha denunciato “l’espansione autoritaria” della Cina e ha sottolineato che Taiwan “continuerà a lavorare con gli Stati Uniti e altri Paesi (…) per sostenere i valori di libertà e democrazia”.

READ  Incendio in California: più di 500 case evacuate

La Cina guarda con dispiacere al riavvicinamento avvenuto negli ultimi anni tra le autorità taiwanesi e gli Stati Uniti, che, nonostante l’assenza di relazioni ufficiali, fornisce all’isola un significativo appoggio militare.

Taiwan è una provincia che non riesce ancora a riunificarsi con il resto del suo territorio dalla fine della guerra civile cinese nel 1949. Pechino punta a questa riunificazione con la forza se necessario.

Le esercitazioni a fuoco vivo erano previste per lunedì nello Stretto di Taiwan vicino alla costa del Fujian (est), la provincia di fronte all’isola, secondo le autorità marittime cinesi locali.

Il portavoce militare cinese Shi Yi ha avvertito delle manovre “come seri avvertimenti contro la collusione tra le forze separatiste che cercano l'”indipendenza di Taiwan” e le forze esterne, così come le loro attività provocatorie”.

L’ultima grande epidemia intorno all’isola si è verificata ad agosto, quando la Cina si è impegnata in esercitazioni militari senza precedenti intorno a Taiwan e ha lanciato missili come rappresaglia per una visita sull’isola dell’allora presidente della Camera da letto, la democratica Nancy Pelosi.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *