Verso la riunificazione irlandese?

Verso la riunificazione irlandese?

Poco più di un secolo fa, nel 1921, al termine della Guerra d’Indipendenza che portò Londra ad arrendersi ai nazionalisti irlandesi, l’Irlanda si divise in due. L'Irlanda ottenne l'indipendenza sotto forma di Stato libero, culminata nella dichiarazione di repubblica nel 1948, e fu riconosciuta da Londra nel 1949.

Ma al momento dell’indipendenza, il nord, in parte abitato da coloni britannici, scelse la spartizione.

Su scala storica, questo non dovrebbe davvero sorprendere. Gli inglesi che si stabilirono nel nord del paese, come la minoranza coloniale invasore, non avevano intenzione di diventare una minoranza nel nuovo paese. Questa è quella che potremmo chiamare la logica imperiale britannica. Quindi, come abbiamo detto ancora, scommettono sul risultato.

dividere

La divisione dell’Irlanda faceva parte del sistema politico post-rivoluzionario e avrebbe portato a una vera tragedia nel XX secolo – quello che fu chiamato il periodo dei “Troubles”.

Ma è passato un secolo, i dati demografici si sono evoluti e, come apprendiamo nel 2022, i cattolici, o in altre parole gli irlandesi, sono ora in inferiorità numerica rispetto ai protestanti nell’Irlanda del Nord – in altre parole, i protestanti, compresi gli inglesi, sono ora in minoranza . .

Certo, il vocabolario attuale impone di usare termini religiosi piuttosto che nazionali per parlare di queste popolazioni, ma questo significherebbe fare una concessione agli inglesi, che neutralizzeranno così il significato del termine irlandese, come se si applicasse indipendentemente all’intero territorio. popolazione del Regno Unito. L'isola, indipendentemente dagli storici irlandesi, che furono così convertiti alla loro fede.

A proposito, questa è la stessa logica che ha permesso al Canada di trasformare la popolazione del Quebec in “francofoni” – ma tornerò ancora sulla questione.

READ  Il Pentagono purifica i comitati consultivi degli alleati che Trump ha nominato

E torno al punto principale: gli irlandesi hanno potuto, per la prima volta, eleggere un primo ministro nazionalista, membro del partito Sinn Féin, al termine di una crisi politica durata due anni, legata ai termini dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Questa è Michelle O'Neill. Eletta nel 2022, entra finalmente in carica. Sicuramente gioca la carta della “moderazione”, ma dichiara comunque l'intenzione di indire un referendum, entro dieci anni, per garantire la riunificazione dell'Irlanda, che sarebbe la naturale chiamata per l'isola.. Naturalmente gli abitanti dell’Inghilterra settentrionale sono già contrari a ciò e Londra ufficialmente rifiuta di sentirne parlare.

Dati demografici

Ma i dati demografici fanno la storia e potrebbero portare, nel medio e lungo termine, all'unico sbocco naturale nella storia del Paese. Se l'Irlanda riuscirà a riunificare le due parti del paese entro dieci o vent'anni, possiamo dire che l'indipendenza irlandese sarà completa, come se la rivoluzione iniziata nella Pasqua del 1916 avesse impiegato più di un secolo per raggiungere la completa liberazione del paese.

Da questo impareremo una semplice lezione: la storia dura a lungo e la storia dei popoli attraversa molte svolte e svolte. La lotta per l’indipendenza, e poi per riconquistare tutte le sue terre, può continuare per diversi decenni, e forse anche più di un secolo, ma può avere successo finché i nazionalisti non si arrendono e finché non si arrendono .

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *