Vantaggi dello sciroppo d'acero: le Prime Nazioni utilizzavano la linfa d'acero bollita nella medicina tradizionale

Vantaggi dello sciroppo d'acero: le Prime Nazioni utilizzavano la linfa d'acero bollita nella medicina tradizionale

Una leggenda molto antica, tramandata dai Primi Popoli d'America, narra che scoprirono il buon sapore dell'acqua d'acero osservando gli scoiattoli berne la linfa in una bella giornata invernale. Una volta bevuta l'acqua, notarono che i piccoli roditori sembravano rinfrescati. Gli ha fatto venire voglia di assaggiarlo.

il popolo originario

I primi abitanti dell'America vissero per migliaia di anni in perfetta simbiosi con la natura prima dell'arrivo dei coloni europei. Sapevano quali piante potevano nutrirli, curarli e persino essere utili per creare cose.

Quando affrontiamo la questione del cibo per gli indigeni del Quebec nei nostri libri di testo, abbiamo a che fare con la raccolta di bacche o la coltivazione di zucca, mais e fagioli rampicanti. A volte vengono menzionati il ​​girasole e il tabacco. Devi infatti sapere che i primi abitanti del continente consumavano almeno 500 piante selvatiche. Sapevano nutrirsi di piante, tuberi, noci, semi, riso selvatico e funghi che si trovavano nelle nostre foreste. Le loro conoscenze botaniche andavano oltre gli usi alimentari. Sapevano quali piante potevano essere utilizzate per realizzare oggetti utili come la corda e quali piante potevano essere intrecciate in cestini, materassi e, naturalmente, vestiti. Conoscevano anche le virtù di alcune resine che utilizzavano per produrre sigillanti impermeabili. Hanno sempre utilizzato elementi presi dalla natura, preparando coloranti, profumi, pesticidi e realizzando gioielli. Non dimentichiamo la corteccia di betulla, che veniva utilizzata per costruire canoe e per preparare tisane e sciroppo di betulla.



Gli aceri producono circa 9 litri di acqua zuccherata al giorno in primavera.

Dominio pubblico

Dolce elisir

Sappiamo quindi che la linfa dell'acero zuccherino era conosciuta dalle popolazioni indigene delle foreste orientali dell'America molto prima dell'arrivo dei primi coloni europei. L'esploratore di Malouin Jacques Cartier ha lasciato una testimonianza che ci parla di un albero che produce una linfa che ha lo stesso sapore del vino. Marc Lescarbott spiega che, nel 1606, le Prime Nazioni distillarono l'acqua d'acero con pietre calde.

Sappiamo che già nell'antichità le popolazioni indigene trasmettevano oralmente le loro conoscenze. Pertanto non esiste alcuna traccia scritta della sua collocazione nel tempo fino al momento della scoperta dell'acqua d'acero zuccherino. Si ritiene che nel tempo abbiano sviluppato tecniche ingegnose per estrarre quest'acqua e trasformarla poi in linfa d'acero, che assomiglia allo sciroppo che conosciamo. Ogni clan aveva una piccola area coperta vicino alla propria casa per estrarre la preziosa risorsa. La responsabilità della raccolta e della lavorazione della linfa d'acero spetta alle donne. Usavano conchiglie o pietre taglienti per tagliare la corteccia degli aceri per rilasciare l'acqua in primavera. Questa linfa veniva raccolta in vasche di argilla o corteccia. Per far evaporare l'acqua posta in recipienti (di pietra o di argilla) venivano utilizzate rocce molto calde. L'acqua d'acero bollita e diluita veniva utilizzata, tra le altre cose, nella medicina tradizionale, ma forse raramente per arricchire le ricette perché, secondo quello che sappiamo della loro dieta, le Prime Nazioni non erano necessariamente molto golose. Sappiamo però che il prezioso sciroppo può essere prodotto in grandi quantità e ha il vantaggio di conservarsi in buone condizioni tutto l'anno.



Tecnica originale che utilizza botti di metallo

Credito: cronachebeauceronnes.wordpress.com

Bevanda canadese

Lo sciroppo e lo zucchero duro, che i coloni canadesi producevano dalla linfa d'acero, furono prodotti nei primi decenni della colonizzazione principalmente perché lo zucchero importato costava una piccola fortuna. Le loro tecniche di lavorazione imitavano quelle dei produttori di melassa di canna da zucchero in Martinica o Guadalupa. Sappiamo che in quel periodo piccole quantità di sciroppo d'acero arrivarono alla corte del re di Francia. Ad esempio, Luigi XIV amava mangiare le caramelle di zucchero d'acero inviategli da una delle prime imprenditrici di Montreal, Agatha de Saint-Pere.

Fino alla metà del XIX secolo, le tecniche di produzione dello sciroppo non si erano sviluppate molto, quindi fu inventato un cannello in ferro di forma ovale per massimizzare la raccolta della linfa d’acero. Il bollitore in metallo sostituirà il secchio di legno. La modernizzazione delle attrezzature portò quindi a preferire la costruzione di cabine modeste che fossero meglio isolate per evitare perdite di calore quando la linfa dell'acero bolliva. Queste sono le casette che diventeranno le nostre prime baracche di zucchero. Famiglie e amici si riuniranno lì per raccogliere e lavorare la linfa d'acero e condividere un buon pasto cucinato allo sciroppo.



Baracca dello zucchero vicino a Bromptonville (1871-1872)

Credito: Collezione del Museo McCord



Bevanda di canna. Negli anni '20 e '30, l'inscatolamento dello sciroppo d'acero ne rese più facile la conservazione e la commercializzazione.

Dominio pubblico

Oggi lo sciroppo d’acero del Quebec è venduto in 60 paesi e rappresenta circa il 72% della produzione mondiale.

READ  Les Myceliades, un completo festival di fantascienza al Grand Palais Cinema - Medialot

Nel corso degli anni lo sciroppo d’acero è diventato un elemento simbolico nella nostra cultura. Rendiamo omaggio alle Prime Nazioni della parte orientale del paese per averci fornito un elisir di felicità derivato dalla natura.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *