Vaiolo delle scimmie: rischio di infezione “molto basso” per la popolazione generale

Stoccolma | Lunedì, l’agenzia di controllo delle malattie dell’Unione europea ha stimato che il rischio di trasmissione dell’infezione da virus del vaiolo delle scimmie era “estremamente basso” nella popolazione generale, ma “alto” nelle persone con più partner sessuali.

• Leggi anche: Vaiolo delle scimmie: un avvertimento contro l’omofobia e il razzismo

• Leggi anche: Biden avverte che il vaiolo delle scimmie potrebbe essere “significativo”

• Leggi anche: Monkeypox: nuovi casi ogni giorno nel Regno Unito

«Pour la population en général, la probabilité de contagion est très faible», indica il Centre européen de prévention et de contrôle des maladies (ECDC), dans sa première évaluation des risques depuis l’apparition habituelle de en dizaines Europe North Amarica.

“Tuttavia, il potenziale di trasmissione del virus in caso di stretto contatto, ad esempio durante i rapporti sessuali con persone con più partner, è considerato alto”, ha affermato l’agenzia nel suo rapporto.

Monkeypox inizialmente appare come una febbre alta e progredisce rapidamente in un’eruzione cutanea, con la formazione di squame, specialmente sul viso.

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (ECDC) raccomanda l’isolamento di tutti i casi fino a quando le lesioni causate dalla malattia non saranno “completamente guarite”.

Un totale di 67 casi sono stati identificati finora in nove paesi dell’Unione Europea (Francia, Belgio, Austria, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Portogallo e Svezia), secondo l’ECDC. Anche le autorità sanitarie danesi hanno annunciato il primo caso lunedì.

Questa malattia, cugina meno pericolosa del vaiolo, debellata circa quarant’anni fa, è endemica dell’Africa occidentale e centrale.

Ma il proliferare di casi al di fuori del consueto ambito di distribuzione preoccupa gli esperti.

READ  Concorso di fantascienza: da quale film è questa immagine spaziale? Notizie cinematografiche

Sono già stati registrati casi nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada e in Australia.

Oltre alle relazioni sessuali, il contatto con le mucose, le ferite infette o anche le grandi goccioline trasmesse durante il contatto faccia a faccia sono potenziali vettori, secondo l’agenzia.

“Sono preoccupato per l’aumento del numero di casi di vaiolo delle scimmie segnalati nell’Unione europea e nel mondo”, ha commentato il commissario europeo per la Salute Stella Kyriakido in un comunicato stampa del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie.

“Stiamo monitorando da vicino la situazione e, sebbene la possibilità di trasmissione al pubblico sia bassa, la situazione sta cambiando”, ha avvertito.

Sebbene la maggior parte dei casi sia lieve, il vaiolo delle scimmie può essere grave nei bambini piccoli, nelle donne in gravidanza e nelle persone immunocompromesse, osserva il CDC.

L’Agenzia europea chiede anche vigilanza sulla possibile trasmissione dall’uomo agli animali.

“Se si verifica la trasmissione da uomo ad animale e il virus si diffonde tra gli animali, c’è il rischio che la malattia diventi endemica in Europa”, ha affermato.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.