Uno studente di 18 anni si presenta in tribunale per aver criticato l’attacco russo

Uno studente di 18 anni si presenta in tribunale per aver criticato l’attacco russo

Lunedì a Odintsovo, un sobborgo occidentale di Mosca, è iniziato il processo contro uno studente di 18 anni, il più giovane russo ad essere processato con l’accusa di aver diffuso “false informazioni” sull’esercito russo.

• Leggi anche: “Mega tempesta” uccide otto persone in Russia e Crimea

• Leggi anche: Il segretario generale della NATO ha affermato che l’Ucraina continua a infliggere “enormi perdite” alla Russia

Maxim Lipkan, che rischia fino a 10 anni di carcere, è stato arrestato lo scorso febbraio, poco dopo aver festeggiato il suo 18esimo compleanno, mentre progettava di organizzare una protesta contro l’attacco russo in Ucraina.

L’udienza si è svolta a porte chiuse e senza la presenza dell’imputato, che venerdì è stato ricoverato nell’ospedale psichiatrico di Cechov, vicino alla capitale russa, su richiesta del tribunale.

Il suo avvocato, Alan Kaczmazov, presente alla seduta, ha detto all’AFP che “il processo si svolgerà a porte chiuse perché, secondo l’esperienza (medico-giudiziaria), è stato parzialmente riconosciuto che non è responsabile delle sue azioni”.

Secondo Kaczmazov, il suo cliente è accusato di aver diffuso “false informazioni sull’esercito russo”, per aver pubblicato sul suo canale Telegram e su YouTube informazioni su “un noto ospedale di maternità (in Ucraina) che, secondo il signor Kaczmazov. Kaczmazov, Maxim, sarebbe stato bombardato dai soldati”. Russi.

“Siamo molto preoccupati per Maxim”, ha detto sua madre Elena prima dell’udienza.

Secondo un altro degli avvocati di Maxim, Antonina Levochskaya, il giovane “si è fatto rasare i capelli con la forza” e ha avuto “disaccordi con i suoi vicini di cella” mentre era in custodia cautelare.

La difesa spera che Maxim venga rilasciato a causa della sua diagnosi sconosciuta.

READ  Guerra in Ucraina: risoluzione Onu affinché la Russia paghi le riparazioni

A parte i suoi genitori, solo una persona è venuta a sostenere Maxim in tribunale: Lyudmila Ivanova, una pensionata di 67 anni. Ha detto che assiste regolarmente ai processi contro gli attivisti anti-attacco. “Sono venuta qui per sostenere gli accusati, ma anche per essere sostenuta da persone che hanno lo stesso punto di vista di coloro che si sono trovati sotto il martello” della giustizia russa, ha detto piangendo.

Maxime Lipkan, un attivista contro l’attentato, aveva appena terminato gli studi e stava per studiare giurisprudenza all’università per diventare avvocato.

Prima del suo arresto, aveva intenzione di organizzare una protesta in occasione del secondo anniversario dell’inizio dell’intervento russo in Ucraina, il 24 febbraio, sotto il titolo “L’anno dell’inferno”, ma le autorità di Mosca hanno proibito questo incontro. Maxime ha quindi presentato una denuncia legale contro il Consiglio comunale di Washington, ma ha perso la causa.

Nel febbraio 2023 ha rilasciato un’intervista a Radio Free Europe, un media finanziato dal Congresso degli Stati Uniti, in cui ha spiegato perché stava manifestando contro il Cremlino.

“Sono rimasto così scioccato dalle vittime tra il popolo ucraino a Kharkiv, Bucha e in altre città ucraine che ho deciso di protestare attivamente”, ha detto in questa intervista, invitando i suoi connazionali a fare lo stesso.

Il giovane ha sottolineato: “Comprendo tutti i rischi, ma non ho paura di organizzare movimenti contro la guerra”.

La polizia è andata alla sua porta alle 6 del mattino del 21 febbraio e lo ha arrestato.

La prossima sessione è prevista per mercoledì.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *