Università del Michigan | Manifestazione filo-palestinese durante la cerimonia di laurea

Università del Michigan |  Manifestazione filo-palestinese durante la cerimonia di laurea

Sabato i manifestanti hanno cantato messaggi contro la guerra e sventolato bandiere palestinesi durante la cerimonia di laurea dell’Università del Michigan.


La protesta ha avuto luogo all’inizio dell’evento al Michigan Stadium di Ann Arbor. Circa 75 persone, molte delle quali indossavano la tradizionale kefiah araba e berretti da laurea, hanno camminato lungo la navata principale verso il palco dove sono stati consegnati i diplomi.

Cantavano: “Governanti, governanti, non potete nascondervi!” Stai finanziando un genocidio! Mentre hanno innalzato striscioni, uno dei quali portava il messaggio: “Niente più università a Gaza”.

Sopra le loro teste, gli aerei trasmettono messaggi contrastanti, tra cui “Disinvestite i vostri investimenti da Israele adesso!” Liberate la Palestina! » e «Siamo dalla parte di Israele. “Le vite degli ebrei contano”.

Le autorità hanno affermato che nessuno è stato arrestato e che la manifestazione non ha disturbato gravemente l’evento, che è durato quasi due ore e ha visto la partecipazione di decine di migliaia di persone, alcune delle quali sventolavano bandiere israeliane.

La polizia di stato ha impedito ai manifestanti di raggiungere il palco e la portavoce dell’università Colleen Mastone ha detto che il personale di pubblica sicurezza ha scortato i manifestanti sul retro dello stadio, dove sono rimasti fino alla fine dell’evento.

“Proteste pacifiche come questa si verificano da decenni durante le cerimonie di laurea all’Università del Michigan”, ha aggiunto.

Il segretario della Marina americana Carlos del Toro si è fermato più volte durante il suo discorso, ad un certo punto ha detto: “Signore e signori, se poteste riportare la vostra attenzione sul podio”.

READ  Il riscaldamento globale è uno dei principali responsabili degli incendi nel West americano

Prima di giurare sui diplomati delle forze armate, ha detto che avrebbero “protetto le libertà che ci stanno così a cuore”, compreso “il diritto alla protesta pacifica”.

L’università ha permesso ai manifestanti di accamparsi nel campus, ma la polizia ha contribuito a disperdere un grande raduno durante la cerimonia di laurea venerdì sera. Una persona è stata arrestata.

Oltre 2.400 arresti

L’Università del Michigan era tra le istituzioni che si preparavano alle proteste durante le cerimonie di laurea di questo fine settimana, tra cui l’Indiana University, l’Ohio State University e la Northeastern University di Boston. Altri sono in programma nelle prossime settimane.

All’Università dell’Indiana, i manifestanti hanno esortato i loro sostenitori a indossare la kefiah e ad andarsene durante il discorso della presidente Pamela Whitten sabato sera. Il campus della Bloomington University in Indiana ha designato un’area di protesta fuori dal Memorial Stadium, dove si terrà la cerimonia.

Campi di manifestanti che chiedono che le università smettano di fare affari con Israele o con aziende che sostengono sostengano la guerra a Gaza si sono diffusi nei campus di tutti gli Stati Uniti nelle ultime settimane, in un movimento studentesco senza precedenti in questo secolo. Alcune istituzioni hanno raggiunto accordi con i manifestanti per porre fine alle proteste e ridurre il rischio di interrompere gli esami finali.

Molti campi sono stati smantellati e centinaia di manifestanti sono stati arrestati negli ultimi giorni. L’Associated Press (AP) ha contato almeno 61 incidenti in cui sono avvenuti arresti durante le proteste nei campus di tutto il Paese. Più di 2.400 persone sono state arrestate in 47 diversi campus universitari. Questi numeri si basano sui rapporti AP e sui dati delle università e delle forze dell’ordine.

READ  8 corpi scoperti in un parco nazionale messicano

“Digiuno solidale”

A Princeton, nel New Jersey, 18 studenti hanno iniziato uno sciopero della fame nel tentativo di fare pressione sull’università affinché disinvestisse dalle società legate a Israele.

Uno di loro, David Chmielewski, ha detto in una e-mail sabato che la protesta è iniziata venerdì mattina e che i partecipanti consumavano solo acqua.

Lui ha sottolineato che questo sciopero della fame continuerà fino a quando gli amministratori universitari non incontreranno gli studenti sulle loro richieste, che includono la sospensione delle accuse penali e disciplinari contro i manifestanti.

Ha aggiunto che altri manifestanti stanno partecipando a un “digiuno di solidarietà” che durerà 24 ore.

Questa settimana gli studenti di Princeton hanno allestito un campo di protesta e alcuni hanno occupato un edificio per uffici, provocando l’arresto di circa 15 persone.

Separatamente, sabato la polizia ha interrotto una manifestazione all’Università della Virginia, definendola una “assemblea illegale” in un messaggio pubblicato sulla piattaforma X.

Le autorità non hanno detto quante persone sono state arrestate.

Nel frattempo, vicino a Boston, venerdì sera gli studenti della Tufts University hanno distrutto pacificamente il loro campo di protesta senza l’intervento della polizia. Gli organizzatori della protesta hanno dichiarato in un comunicato di essere “estremamente arrabbiati e delusi” dal fallimento dei negoziati con l’università.

Le proteste fanno seguito al conflitto tra Israele e Hamas iniziato il 7 ottobre, quando i militanti di Hamas hanno attaccato il sud di Israele, uccidendo circa 1.200 persone, la maggior parte civili, e prendendo in ostaggio circa altri 250.

Israele ha promesso di distruggere Hamas e ha lanciato un attacco su Gaza che ha ucciso più di 34.500 palestinesi, circa due terzi dei quali erano donne e bambini, secondo il Ministero della Sanità dell’enclave gestita da Hamas. Gli attacchi israeliani hanno provocato lo sfollamento della maggior parte dei residenti di Gaza.

READ  Haiti | Un giudice investigativo è stato nominato per indagare sull'uccisione del presidente Moses

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *