Un’aria d’Italia / Eventi / Cultura continua

il 20 gennaio 2023

in
Conservatorio di Lilla

Viaggio alle origini della canzone italiana con Cristina Marocco

Il Consolato Generale d’Italia a Parigi con il patrocinio del Comune di Lille, nell’ambito delle relazioni internazionali sviluppate con Torino (città gemellata), e la collaborazione del Conservatorio di Lille vi invita ad assistere al concerto Un’aria d’Italia – Viaggio alle origini della canzone italiana.

Con l’aiuto del musicista Gabriele Natilla (chitarra antica, tiorba, arciliuto), la cantante e attrice Cristina Marocco ci accompagna nell’epoca d’oro del canto partenopeo interpretando brani scritti tra il 1835 (Te voglio bene assaje) e il 1945 (Monasterio e’ Santa Chiara ). Queste composizioni tipicamente napoletane, quando non sfiorano il sublime, come in I’te vurria vasà (Russo – Di Capua) o Era de Maggio (Costa-Di Giacomo), celebrano l’amore, la malinconia, la nostalgia o la gioia, mescolando senza paura la passione con il grottesco, la tragedia con l’umorismo, raggiungendo così l’universale.

Ma il viaggio non finisce qui. Se la città di Napoli ebbe un’importanza capitale nello sviluppo della canzone in Italia, altri tempi e altri luoghi contribuirono a gettare le fondamenta della canzone italiana. Cristina Marocco ci porta poi un po’ più a nord del suo paese per un’incursione nel repertorio di Monteverdi, Falconieri, Barbara Strozzi o Alessandro Scarlatti.

Informazioni utili :
Venerdì 20 gennaio 2023, alle 20:00
Auditorium del Conservatorio di Lille, ingresso Place du Concert
Porte aperte dalle 19:15

Prenotazione obbligatoria entro il 14 gennaio 2023.

Informazioni pratiche

Posizione

Conservatorio di Lilla

Indirizzo

Rue Alphonse-Colas
59000 Lilla

Vedi il piano

Contatto

[email protected]

Accesso

Metropolitana: linea 1 – fermata Rihour

PubblicoDa a anni

READ  Giro d'Italia | Sei tappe in montagna nel 2022

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.