Una detenuta iraniano-britannica in Iran: Londra chiede alla famiglia di tacere, secondo il marito

Londra | Il marito di Nazanin Zaghari-Ratcliffe, un britannico-iraniano che è sotto la giurisdizione iraniana dal 2016, ha indicato che le autorità britanniche gli avevano chiesto di prendere riserve nella sua battaglia per il suo rilascio, per paura di compromettere il suo rilascio. All’inizio di marzo.

“Il Dipartimento di Stato ci ha informato questa settimana di minacce contro Nazanin e la sua famiglia se continuiamo ad annunciare la sua data di rilascio”, ha detto domenica l’account Twitter, gestito dal marito Richard Ratcliffe.

“Crediamo ancora che la trasparenza sia la migliore protezione contro gli abusi”, ha detto Richard Ratcliffe in questa serie di tweet.

In contatto con Agence France-Presse, il Ministero degli Affari Esteri non ha ancora risposto alle richieste.

Nazanin Zaghari-Ratcliffe è stata arrestata con sua figlia nell’aprile 2016 in Iran, dove aveva appena fatto visita alla sua famiglia, e poi è stata condannata a cinque anni di carcere, che si concluderà, secondo la sua famiglia, il 7 marzo.

Dopo essere stata accusata di aver cercato di rovesciare il regime di Teheran, come sostiene, questa dipendente della Thomson Reuters Foundation – il braccio caritatevole dell’omonima agenzia di stampa canadese-britannica – è attualmente soggetta a un braccialetto elettronico.

È stata temporaneamente rilasciata dalla prigione di Evin a Teheran la scorsa primavera a causa della nuova pandemia di coronavirus, dopo di che è stata posta agli arresti domiciliari con i suoi genitori.

È stata sottoposta a un secondo processo giudiziario in Iran, accusata di aver diffuso propaganda contro il regime, ma questo processo è stato rinviato all’inizio di novembre, senza informarla di alcuna nuova data, il che fa sperare che queste misure vengano abbandonate.

READ  Joe Biden vuole "ricalibrare" il rapporto con l'Arabia Saudita

Ora spera, secondo la sua famiglia, di poter tornare nel Regno Unito entro cinque settimane, alla fine dei suoi cinque anni di prigione.

Ratcliffe ha aggiunto: “Se succede qualcosa a Nazanin e alla sua famiglia, o se non viene riportata nel Regno Unito il 7 marzo, allora ci devono essere delle conseguenze”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *