Un residente dell’Haute-Vienne pedalerà per 5.000 chilometri in Canada per sensibilizzare sulla sclerosi multipla e raccogliere fondi

Un residente dell’Haute-Vienne pedalerà per 5.000 chilometri in Canada per sensibilizzare sulla sclerosi multipla e raccogliere fondi

Lunedì 3 giugno, Pierre Pasquet, originario di Belanges, inizia un viaggio in bicicletta di due mesi. 5.000 chilometri, questa la distanza che il giovane francese percorrerà in Canada. l’obiettivo? Sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi multipla (SM) e raccogliere fondi per la Società francese dei pazienti con sclerosi multipla (AFSEP).

“Ho perso mia madre a causa di questa malattia. Ho sempre avuto questo obiettivo in mente, e aveva senso farlo per questa causa”, spiega Pierre Pasquet durante un’intervista telefonica.

Lunedì 3 giugno inizia la sua avventura da Montreal, in Canada. Completare questo viaggio di 5.000 km in bicicletta è stato un gioco da ragazzi per il giovane. “Sono del Limosino, per spostarmi usavo sempre la bicicletta. Poi ho vissuto qualche anno a Tolosa, e quello era il mio mezzo di trasporto. Usare la bicicletta” è attraente, ti permette di incontrare gente più facilmente , e per me aveva senso”, afferma.

Questo non è il suo primo progetto. Nel 2021, partite con la Vélodyssée, che collega Roscoff a Hendaye in 28 giorni. Questo viaggio di 1.200 chilometri aveva lo stesso obiettivo: sensibilizzare l’opinione pubblica sulla sclerosi multipla e raccogliere fondi per aiutare a combattere la malattia. Ha così raccolto circa 3.300 euro di donazioni.
“Ho sempre amato il ciclismo. E poi vedere le persone mi è piaciuto molto far parte del progetto”, spiega in tono scherzoso il giovane Belangio.

Quest’anno verrà lanciato nel Canada orientale. Questo lungo viaggio attraverserà diverse province del Paese tra cui Quebec, New Brunswick e Isola del Principe Edoardo.

Sclerosi multipla, una malattia complessa

Pierre ha dedicato il suo secondo viaggio al ciclismo per lo stesso motivo. Questa volta conta di raccogliere 5.000 euro, ovvero l’equivalente dei chilometri percorsi, grazie a una campagna di raccolta fondi online. Le donazioni saranno devolute all’AFSEP, associazione dedita alla lotta contro la sclerosi multipla. Secondo il dossier del Ministero della Salute e della Solidarietà, circa “120.000 persone in Francia soffrono di sclerosi multipla” e questa malattia viene spesso diagnosticata “tra i 25 e i 35 anni”. La sclerosi multipla è una malattia neurologica causata da un fallimento del sistema immunitario. Questo attacca il sistema nervoso centrale, cioè il cervello e il midollo spinale. In definitiva, le lesioni causano “disturbi motori, sensoriali e cognitivi”, afferma AFSEP.

READ  Per Genevieve Fioraso, "Dobbiamo fare chiarezza all'università".

L’associazione offre molti servizi come “una linea di assistenza che offre supporto psicologico, consulenza sul benessere, laboratori video e un centro legale per sostenere le persone con SM e i loro accompagnatori”.

Un bisogno di consapevolezza

“Lo sanno tutti?” “Non lo so”, chiede Pierre Pasquet, “ne parliamo spesso durante i periodi di sensibilizzazione, ma ci sono molte persone che lottano per far sì che la malattia regredisca”, spiega Pierre conta sul fatto che la sua avventura unica avrà ampia diffusione e farà conoscere più persone.

Il viaggio “durerà circa due mesi. In un certo senso lo farò Riepilogo ogni due o tre giorni su Instagram “, spiega il giovane Belangio. Condividere la sua avventura sulle reti può anche aiutarlo a diffondere la sua causa. “La maggior parte delle giovani generazioni utilizza i social network e sono un mezzo di comunicazione. “I social media possono avere un impatto positivo”, afferma. Per lui l’importante è che tutti si rendano conto “che può succedere a chi ci circonda”. “Chiedo alle persone che hanno l’opportunità di donare a questa causa”, conclude.

Ancora due mesi prima dell’intensa avventura in terra canadese, Pierre Pasquet stava già pensando a un altro viaggio in bicicletta sulla famosa strada per Saint-Jacques-de-Compostel tra due o tre anni. “In un lontano futuro, perché non percorrere anche la rotta EuroVélo 1, da Capo Nord al Portogallo”, aggiunge.

Beric Moiza

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *