Un ghiacciaio himalayano si squarcia: almeno sette morti e cento dispersi

Più di cento persone sono andate perse domenica nel nord dell’India dopo che un ghiacciaio è crollato sull’Himalaya, provocando una piena improvvisa quando è caduto in un fiume.

Quando la notte ha impedito ulteriori perquisizioni, sono stati trovati sette corpi, secondo le autorità statali dell’Uttarakhand, che hanno riferito che tra le 125 e le 200 persone erano disperse, secondo le fonti.

Enormi acque hanno distrutto la valle del fiume Dauliganga, distruggendo tutto sul suo percorso, allagando un complesso idroelettrico e spazzando via strade e ponti, secondo le foto scattate da gente del posto terrorizzata.

“C’era una nuvola di polvere quando è entrata in acqua”. Un residente ha detto alla TV indiana, Om Agarwal, “Il terreno tremava come un terremoto”.

Secondo le autorità, decine di lavoratori delle due centrali elettriche installate sulla diga di Richiganga sono andati perduti e gli abitanti della zona sono stati spazzati via dall’acqua mentre si prendevano cura del loro bestiame.

La diga è stata distrutta dall’alluvione causata dalla caduta di un enorme pezzo di ghiaccio che si è separato dalla parete di una montagna alla sorgente.

Mancano almeno 125 persone, Trivindra Singh Rawat, primo ministro dello stato di Uttarakhand, ma il numero potrebbe aumentare.

Il capo della polizia locale, Ashok Kumar, aveva precedentemente affermato che 200 dispersi nelle sole centrali elettriche.

Circa 20 dipendenti sono bloccati in un tunnel, ma 12 vengono salvati.

Quando la strada principale è stata spazzata via, il tunnel è stato riempito di fango e rocce. I soccorritori hanno dovuto usare delle corde per raggiungere l’ingresso.

Centinaia di soldati e paramilitari, oltre a elicotteri e aerei militari, sono stati mobilitati nell’area.

READ  I ristoranti di New York possono riaprire al chiuso il giorno di San Valentino

Uttarakhand si trova nella catena montuosa dell’Himalaya, che è uno stato indiano in cui sorge il fiume Gange. Il fiume Dauliganga è un affluente del fiume Gange.

Le autorità hanno svuotato due dighe per impedire alle acque agitate di gonfiare il fiume Gange nelle città di Rishikesh e Haridwar e hanno vietato ai residenti di entrambe le città di avvicinarsi alle rive del fiume Sacro.

Domenica sera, le autorità hanno detto che i villaggi sulle montagne che si affacciano sul fiume erano stati evacuati, ma che il pericolo di inondazioni era passato.

Molti utenti dei social media hanno filmato o fotografato il disastro. I video mostrano specchi d’acqua che attraversano un canyon sotto la centrale elettrica, lasciando strade e ponti in rovina sul loro percorso.

Il primo ministro Narendra Modi ha detto che sta proseguendo le operazioni di soccorso. “L’India è al fianco del popolo dell’Uttarakhand e la nazione prega per la sicurezza di tutti in questa regione”, ha detto su Twitter.

Quattordici ghiacciai si affacciano sul fiume nel Parco Nazionale di Nanda Devi. Sono oggetto di studi scientifici, a causa delle crescenti preoccupazioni per il cambiamento climatico e la deforestazione. Un quarto del ghiaccio dell’Himalaya si è sciolto negli ultimi quattro decenni a causa dell’aumento delle temperature.

“Le valanghe sono un fenomeno comune nell’area spartiacque”, ha detto all’Afp MBS Bicht, direttore dell’Uttarakhand Center for Space Applications. “Sono comuni anche grandi smottamenti”.

Nel 2013, le devastanti inondazioni monsoniche hanno ucciso 6.000 persone nello stato, spingendo a chiedere una revisione dei progetti di sviluppo nell’Uttarakhand, soprattutto in aree isolate come la diga di Rishi Ganga.

READ  Sette bambini sono stati rapiti da un orfanotrofio per un riscatto

Uma Bharti, ex ministro delle risorse idriche, durante il governo ha detto di aver chiesto il congelamento dei progetti idroelettrici nelle regioni “sensibili” dell’Himalaya come il fiume Gange e i suoi affluenti.

Per Vimlindo Jha, fondatore di Swechha, un’organizzazione ambientale non governativa, questo disastro è un “cupo promemoria” degli impatti del cambiamento climatico e “dello sviluppo incoerente di strade, ferrovie e centrali elettriche in aree sensibili dal punto di vista ambientale”.

“Attivisti e residenti hanno continuato a opporsi a grandi progetti nella valle del fiume”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *