un ex vicino al re italiano dello sprint nel mirino di un’inchiesta per traffico di steroidi anabolizzanti – Rilascio

Giochi Olimpici di Tokyo 2021fascicolo

La polizia italiana sta indagando su un nutrizionista bodybuilder che ha lavorato fino allo scorso marzo con il campione olimpico dei 100 m, l’italiano Lamont Marcell Jacobs, ha rivelato sabato al quotidiano britannico “The Times”. Al centro delle indagini una possibile distribuzione illegale di steroidi anabolizzanti.

L’incoronazione di Lamont Marcell Jacobs, domenica scorsa sulla distanza di punta dell’atletica leggera, poi la vittoria a sorpresa dei tedofori italiani nella finale dei 4×100 metri di venerdì allo stadio Olimpico di Tokyo hanno alimentato sospetti, almeno interrogativi. Come un velocista che è sceso per la prima volta sotto i dieci secondi lo scorso maggio (9″95) e che pochi si erano visti arrivare ha potuto diventare in 9″80 il primo campione olimpico europeo nei 100 metri dopo Linford Christie nel 1992, stabilendosi il record europeo e la finale più veloce nella storia dei Giochi, fatta eccezione per le prestazioni del giamaicano Usain Bolt? Ai Mondiali di Doha del 2019, come un anno prima agli Europei di Berlino, Jacobs è stato eliminato in semifinale.

Nella sua edizione del sabato, il quotidiano britannico I tempi rivela che un nutrizionista vicino al corridore fino allo scorso marzo è nel mirino di un’indagine della polizia italiana per sospetta distribuzione illegale di steroidi anabolizzanti. L’articolo non prende di mira la due volte medaglia d’oro ai Giochi di Tokyo.

Secondo il suo agente, Lamont Marcell Jacobs ha interrotto ogni collaborazione con Spazzini lo scorso marzo non appena ha saputo di questa indagine.

Il quotidiano britannico sottolinea che Giacomo Spazzini, evolvendosi nel mondo del bodybuidling e dichiarandosi un nutrizionista per un periodo vicino a Jacobs, è al centro di un’indagine della polizia italiana per traffico di steroidi anabolizzanti.

READ  Giro d'Italia - Mercoledì 17a tappa, terribile arrivo alla Sega di Ala

“Giacomo Spazzini, bodybuilder professionista titolare di un centro fitness e di un’azienda di nutrizione sportiva, scrivono i giornalisti del Volte, si è affrettato a rivendicare parte del merito, rilasciando interviste ai media in Italia sul suo ruolo nella trasformazione di Jacobs. L’anno scorso ha pubblicato un video con il velocista italiano che illustrava la loro strategia per rompere la barriera dei dieci secondi. “

“Nessuna conoscenza del file”

“Per quanto riguarda il rapporto professionale con Giacomo Spazzini, è stato interrotto nel marzo 2021, non appena Marcell è venuto a conoscenza di questa indagine”Lo ha detto l’agente dell’atleta Marcello Magnani Volte. “Indagine, lui continua, mai preso di mira Marcell e quindi non abbiamo conoscenza del caso. ” E l’agente ha aggiunto che qualsiasi domanda sull’uso di sostanze dopanti è “pazzo”.

La velocista italiana non è l’unica ad aver fatto prendere dal panico i tempi sul giro allo stadio Olimpico, che ha visto in particolare Karsten Warholm poi Sydney McLoughlin infrangere i record mondiali dei 400 m ostacoli mentre la giamaicana Elaine Thompson-Herah ha firmato sui 100 m (10 ″60) la seconda esibizione di tutti i tempi.

Tra i fattori addotti per spiegare queste prestazioni, il caldo di Tokyo (più di 30°C all’ombra sulla pista dello stadio olimpico), associato ad un alto tasso di umidità (dal 60 al 70%), che favorisce gli sforzi velocità ed esplosività. Citate anche le nuove tecnologie sviluppate dai produttori di attrezzature per realizzare una nuova generazione di scarpe – le punte della norvegese Warholm sono il risultato di un’alleanza industriale tra il fornitore tedesco Puma e il team Mercedes F1 – e la qualità della pista dello stadio .

READ  L'Italia riceve 25 miliardi di euro da Bruxelles

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *