Un evento guidato dalla scienza collega gli studenti delle scuole superiori neri e africani della Nuova Scozia alla comunità Dal – Dal News

Un evento guidato dalla scienza collega gli studenti delle scuole superiori neri e africani della Nuova Scozia alla comunità Dal – Dal News

Il Dalhousie College of Science ha ospitato il suo primo evento di coinvolgimento dedicato progettato per creare connessioni tra potenziali studenti neri e africani della Nuova Scozia e membri della comunità Dal.

Più di 100 partecipanti hanno partecipato all'evento di una giornata martedì (26 marzo) nella McInnes Room dello Student Union Building, dove hanno avuto l'opportunità di incontrare gli attuali studenti, ex studenti e docenti.

“L'obiettivo di oggi è quello di darvi un'idea di ciò che la Dalhousie University ha da offrire”, ha affermato il Preside della Facoltà di Scienze, Dr. Chuck McDonald, nel suo discorso di apertura. “E speriamo che tu ti diverta un po' lungo la strada.”

Dopo essere arrivati ​​tramite Dahl Bus, i partecipanti hanno esplorato gli stand gestiti da rappresentanti dei programmi e dei gruppi del College of Science, tra cui Accademia del patrimonio ImhotepUfficio dei piani sanitari mondialiE l’iniziativa Percorsi completi per le professioni mediche. Dopo pranzo, gli studenti hanno ascoltato il parere del comitato di reclutamento dei laureati, hanno partecipato a un giro di informazioni scientifiche e si sono divisi in gruppi per visitare l'Aquatron, saltoLaboratori di chimica e biologia. La giornata si è conclusa con una breve visita al Centro di consulenza per gli studenti neri.


I partecipanti parlano con gli studenti del programma Science Scholars and Leaders di Dalhousie.

Gli studenti della Auburn Drive High School Ikenna Chini, Sydney Stonehouse e Adena Mokoena erano tra gli oltre 50 potenziali studenti di cinque scuole superiori locali che hanno frequentato.

Ikenna è determinata a venire al Dal per studiare scienze farmaceutiche (“Ho intenzione di ottenere una borsa di studio, ma anche se non lo faccio, sono sicuro che verrò qui”, ha detto), mentre Sydney è indecisa su quale università sceglierà partecipare ma prevede di studiare ingegneria meccanica.

READ  79 anatre macellate dopo il secondo rapporto in Gironda

“Come giovane donna nera, sono interessata a conoscere le malattie che colpiscono la comunità nera”, ha detto Adena. “È stato meraviglioso partecipare a un evento così coinvolgente e vedere la rappresentanza nera nella scienza in un’importante università”.

I tre studenti sono stati incoraggiati a partecipare da Karen Hudson (BA'88, BED'91, MES'02), preside della Auburn Drive High e creatrice del gruppo di matematica incentrato sull'Africa della scuola.

“Come alunno della Dalhousie, è stato emozionante vedere così tanti studenti neri partecipare all'evento di coinvolgimento del College of Science della Dalhousie University”, ha detto Hudson in seguito. “Queste opportunità sono valide per fornire consapevolezza delle potenziali carriere degli studenti afroamericani per fare rete e discutere programmi. Hanno fornito un'esposizione eccellente e vivace ai nostri studenti.

costruire la società

La dottoressa Sophia Stone, professoressa presso il Dipartimento di Biologia e preside associato degli studi universitari e delle relazioni globali presso il College of Science, ha incoraggiato gli studenti a stabilire contatti con docenti ed ex studenti.


La dottoressa Sophia Stone.

“Non sempre sapevo cosa volevo fare o come farlo, ed è qui che incontrare persone e porre domande è importante”, ha affermato la dottoressa Stone, rivelando che il conseguimento di una laurea in scienze l'ha portata sulla strada verso una dottorato. E con esso l'opportunità di vedere il mondo. “Siamo qui per aiutarti a capire dove vuoi andare se sei interessato alla scienza, quindi approfitta di noi.”

Eve Wedderburn, una studentessa di scienze mediche del primo anno, ha fatto eco a un tema simile, sottolineando l’importanza di creare connessioni. “Ci vuole coraggio per uscire allo scoperto e parlare con i tuoi professori o presidi”, ha detto Wedderburn. “Credimi, non esiteranno a darti consigli o a guidarti nei compiti.”

READ  Sabato in Quebec è stata osservata un'eclissi solare parziale

Ha anche sottolineato la formazione di legami con gli altri studenti.

“La comunità Dal è molto grande e ci sono molti modi diversi per entrare in contatto con essa. Puoi incontrare altri studenti neri e costruire relazioni con persone su cui puoi fare affidamento, con cui studiare e con cui avere conversazioni difficili”.


Eva Wedderburn.

Scambiare esperienze e punti di vista

L'idea di questo evento è venuta al Dr. Kevin Hewitt, preside associato per l'equità e l'inclusione nel College of Science e professore presso il Dipartimento di fisica e scienze dell'atmosfera, e Jocelyn Adams Moss, direttrice dell'impegno dei laureati al College of Science.

Un sostenitore della sensibilizzazione che ha co-fondato Dal Accademia del patrimonio ImhotepIl dottor Hewitt ha fatto riferimento al libro di Ebony McGee “Nero, marrone, ferito: come l’istruzione STEM razzista soffoca l’innovazionenelle sue osservazioni di apertura, spiegando che gli studenti sottorappresentati sono spesso motivati ​​a utilizzare le loro future carriere per scopi di giustizia sociale.

“Sono qui per dirvi che la scienza vi offre questa opportunità”, ha detto il dottor Hewitt, sottolineando che il lavoro del suo laboratorio di biofotonica si è recentemente concentrato sulla scoperta di condizioni mediche che colpiscono in modo sproporzionato le donne nere.


Dottor Kevin Hewitt.

Durante il pranzo, il dottor Hewitt ha moderato una tavola rotonda con quattro ex studenti Dahl: Gracius Kashiki (BSc'20), Leanne Lucas (MA'13), Tiara Mulder (BSc'21) e la dottoressa Tessia Rolle (DDS'12).

I quattro hanno discusso di ciò che li ha portati a studiare scienze, dell'importanza del tutoraggio, del superamento delle avversità e dei loro percorsi di carriera a volte tortuosi.

READ  Secondo la scienza, l'herpes labiale è apparso come risultato di un nuovo rapporto sessuale

“Ci sono molti supporti che possono aiutarti a superare le sfide”, ha detto Mulder. “Non arrenderti solo perché le cose sono difficili. A volte, alla fine, vale la pena affrontare le cose difficili.”


Da sinistra a destra: il direttore del comitato, il dottor Kevin Hewitt, con gli ex studenti Gracius Kashiki, la dottoressa Tessia Rule, Tiara Mulder e Leanne Lucas.

“Questo è solo l'inizio”

“Il prossimo anno sarà più grande e migliore”, ha detto in seguito il dottor Hewitt, riflettendo sul successo dell'evento inaugurale reso possibile dagli sforzi di molti docenti, personale e volontari. “Dobbiamo continuare a mostrare ai giovani neri e africani della Nuova Scozia cosa è possibile fare quando si vedono nei campi STEM. Questo è solo l'inizio.”


Da sinistra a destra: organizzatori e relatori Dott.ssa Sophia Stone, Dott. Kevin Hewitt, Eve Wedderburn, Karen Hudson, Dott. Chuck McDonald e Jocelyn Adams Moss.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *