Ucraina, Israele e TikTok: cosa c'è nel grande piano del Congresso americano

Ucraina, Israele e TikTok: cosa c'è nel grande piano del Congresso americano

Sabato la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti voterà un importante piano di aiuti per Ucraina, Israele e Taiwan, oltre a un possibile divieto del social network TikTok.

• Leggi anche: Stati Uniti: sabato voto alla Camera dei Rappresentanti sugli aiuti all'Ucraina

• Leggi anche: Il Congresso degli Stati Uniti sta ancora una volta valutando la possibilità di vietare TikTok

Un aggiornamento su questa busta da 95 miliardi di dollari divisa in quattro testi e sui bizzarri emendamenti che i parlamentari stanno cercando di allegarvi.

Ucraina

Quasi 61 miliardi di dollari, la maggior parte dei fondi previsti, sono stati stanziati per la guerra in Ucraina. Questi soldi sono richiesti da mesi dal presidente Volodymyr Zelenskyj, il quale afferma che senza questa somma “l’Ucraina perderà” il conflitto con la Russia.

Gli Stati Uniti sono il principale sostenitore militare di Kiev, ma il Congresso non approva un pacchetto importante per il suo alleato dal dicembre 2022, principalmente a causa di divergenze di parte.

Questi aiuti sono stati distribuiti fino al 2023, ma ormai i rubinetti si sono seccati.

Il testo presentato mercoledì prevede uno stanziamento di circa 14 miliardi di dollari per addestrare, equipaggiare e pagare gli stipendi dell'esercito ucraino.

Circa 10 miliardi di dollari di aiuti economici destinati ai settori dell’energia e delle infrastrutture verranno inviati sotto forma di prestito.

L'idea è stata proposta da Donald Trump, il quale ritiene che gli Stati Uniti dovrebbero “smettere di distribuire denaro senza aspettarsi di riaverlo indietro”. Tuttavia, questo debito può essere cancellato.

Gran parte della busta verrà utilizzata anche per ricostituire le scorte dell’esercito americano e tornerà alle fabbriche di armi negli Stati Uniti.

READ  TikTokor arrestato a Dubai per un video satirico sugli Emirati Arabi

Il piano di aiuti consente inoltre al presidente Biden di sequestrare e vendere beni russi, in modo che possano essere utilizzati per finanziare la ricostruzione dell’Ucraina – un’idea che sta guadagnando sempre più terreno anche presso altri paesi del G7.

Israele

Il piano discusso al Congresso prevede 13 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele, storico alleato degli Stati Uniti, in stato di guerra con Hamas.

Questi fondi serviranno in particolare a rafforzare lo scudo antimissile israeliano Iron Dome.

Sono inoltre previsti più di 9 miliardi di dollari “per rispondere all’urgente bisogno di assistenza umanitaria a Gaza e ad altre popolazioni vulnerabili in tutto il mondo”, secondo la sintesi del testo.

Tuttavia, il progetto vieta qualsiasi finanziamento diretto da parte degli Stati Uniti all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati in Palestina, UNRWA. Israele accusa alcuni suoi dipendenti di coinvolgimento nell'attacco del 7 ottobre compiuto da Hamas.

Taiwan, TikTok

Come richiesto da Joe Biden, questo testo stanzia più di 8 miliardi di dollari per resistere militarmente alla Cina investendo in sottomarini e a livello economico competendo con i grandi progetti cinesi nei paesi in via di sviluppo.

Diversi miliardi di dollari sono stati stanziati a Taiwan, un'isola di 23 milioni di abitanti che la Cina considera una delle sue province.

Il disegno di legge prevede inoltre che TikTok venga bandito negli Stati Uniti se il social network non taglierà i legami con la sua società madre, ByteDance, e più in generale con la Cina.

TikTok è da mesi nel mirino delle autorità statunitensi, con molti funzionari che credono che la piattaforma video breve e divertente consenta a Pechino di spiare e manipolare i suoi 170 utenti statunitensi.

READ  The stimulus dispute in Italy over the Coronavirus could push the government to collapse
Modifiche generose

Questa enorme circostanza, derivante dal compromesso tra democratici e repubblicani, è stata aspramente criticata dagli eletti più conservatori, sostenitori di una sorta di isolazionismo. Per protesta hanno presentato una serie di emendamenti inverosimili… che non hanno alcuna possibilità di essere adottati.

La repubblicana Marjorie Taylor Greene, nota come uno dei funzionari eletti più vicini a Donald Trump, ha introdotto un emendamento che obbligherebbe qualsiasi rappresentante eletto al Congresso che sostenga il piano di aiuti a Kiev ad unirsi all'esercito ucraino.

“Se vuoi finanziare guerre infinite all’estero, devi andare a combattere”, ha detto il parlamentare in un post su X.

In risposta, il democratico Jared Moskowitz ha introdotto un emendamento per rinominare l’ufficio del collega Trump “Neville Chamberlain” – un riferimento al primo ministro britannico, uno dei firmatari degli accordi di Monaco del 1938.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *