Trump impeachment process Accordo per continuare senza testimoni e iniziare a concludere le discussioni

(Washington) I senatori democratici e repubblicani hanno finalmente deciso di continuare il processo di impeachment dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump senza chiamare alcun testimone.




Charlotte Plantiff
France Media

Le discussioni finali sono iniziate nel primo pomeriggio.

E sabato il Senato Usa aveva approvato la possibilità di convocare testimoni nel processo a Donald Trump, accusato di “incitamento alla ribellione”. La mossa avrebbe ritardato il voto finale sulla sentenza di diversi giorni, se non settimane, poiché il leader repubblicano Mitch McConnell ha annunciato che avrebbe votato per l’assoluzione dell’ex presidente.

In un voto che ha causato confusione all’interno dello stesso Senato, tutti i 50 democratici e cinque repubblicani, su 100, hanno votato a favore di una mozione per consentire la convocazione di testimoni.

In una rapida serie, questo voto è arrivato dopo l’annuncio a sorpresa da parte del leader degli Elected Democrats che lanciava un’accusa contro Donald Trump, Jimmy Ruskin, che voleva convocare un parlamentare repubblicano a testimoniare.

All’apertura del quinto giorno del processo dell’ex presidente per il suo ruolo nell’assalto fatale a Capitol Hill, il signor Ruskin ha annunciato di voler convocare il repubblicano Jaime Herrera Beutler.

Questo membro eletto della Camera dei rappresentanti ha riferito di un forte scambio tra il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy e Donald Trump durante l’attacco del 6 gennaio.

Citando una conversazione di cui gli era stato parlato, Jaime Herrera Beutler ha spiegato che McCarthy ha chiamato il presidente repubblicano aggredito per chiedergli di esortare pubblicamente i rivoltosi a calmarsi.

Poi il signor Trump ha affermato di aver sentito che questi manifestanti erano in realtà “Antifa”, un movimento di estrema sinistra. Secondo quanto riferito, McCarthy ha risposto che erano davvero sostenitori di Trump.

READ  L'arrivo di Kamala Harris in Vietnam ritardato a causa della possibile sindrome dell'Avana

Jaime Herrera Beutler ha scritto in una dichiarazione sabato: “A quel tempo, secondo il signor McCarthy, il presidente ha detto: ‘Bene, Kevin, immagino che queste persone siano ancora più arrabbiate con te per l’elezione’ che è stata vinta dal suo rivale Joe Biden. ”

Quest’ultimo è stato uno dei 10 repubblicani, su 211, a votare per il processo di Donald Trump del 13 gennaio alla Camera dei Rappresentanti.

I democratici ora vogliono sentirlo.

Cinque repubblicani si sono uniti ai democratici nel voto per chiamare i testimoni: Susan Collins, Lisa Murkowski, Mitt Romney e Ben Sassy e Lindsay Graham, il grande alleato di Donald Trump, dopo un’inversione di tendenza dell’ultimo minuto.

Il processo politico, che si è svolto rapidamente questa settimana, può continuare ora, con gli avvocati repubblicani che indicano che possono anche convocare più testimoni.

McConnell voterà per l’assoluzione

Sabato scorso, il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell ha annunciato che voterà per l’assoluzione di Donald Trump, accusato di “incitamento alla rivolta” durante l’attacco a Capitol Hill, in una lettera al suo gruppo parlamentare che è stata riportata dai media statunitensi poco prima. Riprende il processo storico.

PHOTO MANDEL NGAN, agenzia di stampa francese

Il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell

L’annuncio dell’influente stratega è la campana a morto per le speranze dei Democratici di incriminare l’ex presidente, poiché ora sembra più improbabile che 17 senatori repubblicani e 50 democratici voteranno per condannarlo. Spiegando che credeva che il Senato non avesse il potere di governare un ex presidente in caso di impeachment, ha scritto: “Alla luce di queste conclusioni, voterò per l’assoluzione”.

READ  Disarmare | Gorbaciov pensa che dovrebbe incontrare Putin e Biden

“Sebbene questa sia una decisione difficile, sono convinto che i processi di impeachment siano uno strumento mirato principalmente a rimuovere un” funzionario dalle sue posizioni “e quindi non possediamo le competenze richieste”, spiega Republican.

Di conseguenza, il senatore segue l’argomento costituzionale avanzato da 45 avvocatiH Presidente degli Stati Uniti.

Ma Mitch McConnell ci tiene a sottolineare che un presidente potrebbe essere citato in giudizio dopo aver lasciato la Casa Bianca. Un modo per rispondere ai pubblici ministeri democratici, che hanno affermato che riconoscere che il presidente non può essere processato in Senato dopo la sua partenza significa che i leader statunitensi avranno la discrezione di commettere crimini nelle ultime settimane del loro mandato.

“La costituzione chiarisce che i crimini presidenziali commessi in carica possono essere perseguiti dopo che il presidente ha lasciato l’incarico”, dice Mitch McConnell.

Il senatore, ex stretto alleato di Donald Trump, non gli ha parlato da quando ha riconosciuto la vittoria del suo rivale, Joe Biden, a metà dicembre.

Per settimane, il signor McConnell ha messo in dubbio il suo voto a questo processo e ha affermato che i rivoltosi di Capitol Hill, manifestanti pro-Trump, erano stati “inondati di bugie” e “esortati” ad agire “dal presidente e da altri potenti”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *