Cinque miti sul cambiamento climatico

Parigi, Francia | Con l’avvicinarsi della COP26, l’AFP Fact Check sta esaminando alcune delle affermazioni più comuni per mettere in discussione il riscaldamento globale causato dall’uomo.

• Leggi anche – Clima: quando le temperature in aumento diventano insostenibili

stratagemma o cospirazione

Per alcuni, la crisi climatica è solo un costrutto per gli scienziati per giustificare i propri finanziamenti, o anche una cospirazione dei governi per controllare le persone. Ciò può presupporre un’organizzazione di una complessità senza precedenti, coordinata da successivi governi in un gran numero di paesi con la complicità di un vero e proprio esercito di studiosi.

Tuttavia, decine di migliaia di studi, ogni volta rivisti e corretti da altri scienziati, hanno portato a un consenso quasi unanime sulla realtà del cambiamento climatico causato dall’uomo. Lungi dall’essere segreto, questo processo è illustrato dal lavoro dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, aperto a tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite.

Creato nel 1988, premio Nobel per la pace 2007, questo panel intergovernativo sui cambiamenti climatici riunisce, su base volontaria, centinaia di scienziati che riesaminano lo stato delle conoscenze con una metodologia e riferimenti generali, per trovare www.ipcc.ch

Il suo più recente rapporto di 3.500 pagine, pubblicato ad agosto, è stato scritto da 234 autori di 66 paesi e approvato da delegati di 195 paesi.

Il clima è sempre cambiato

Il pianeta Terra ha una lunga storia di periodi alternati di ghiacciai e periodi più caldi, con circa un evento glaciale ogni 10.000 anni. Quindi, l’attuale periodo di riscaldamento è solo un’altra fase di questo ciclo che dura da circa un milione di anni?

READ  L'idea di un'aliquota fiscale minima sulle società a livello globale sta guadagnando terreno

Nessuna risposta per gli esperti, perché la velocità, l’ampiezza e la natura globale dell’attuale riscaldamento lo rendono eccezionale. “Dal 1970, la temperatura globale è aumentata più velocemente di qualsiasi altro periodo di 50 anni negli ultimi due millenni”, afferma l’Intergovernmental Panel on Climate Change, sulla base di registrazioni meteorologiche (dalla sua esistenza) e studi di sedimenti, carote di ghiaccio o altri precedenti elementi. . periodi.

Le cause umane non sono state dimostrate

Poiché le prove del riscaldamento si stanno accumulando, alcuni mettono in dubbio la sua origine umana e le emissioni di gas serra delle attività umane a partire dalla rivoluzione industriale basata sui combustibili fossili.

Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ha sviluppato un modello per misurare gli effetti di vari fattori sul riscaldamento globale. Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici ha scritto in un “Riassunto per i responsabili delle decisioni” nel suo ultimo rapporto pubblicato ad agosto (pp. 7 e 8 di questo documento, in inglese. https://u.afp.com/wZ6N).

Un po’ di calore non guasta

“Gran parte del paese ha un’enorme quantità di neve e grandine vicino ai tronchi… Un po’ di questo buon vecchio riscaldamento non farebbe male!”

Il 20 gennaio 2018, il famigerato allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha pubblicato su Twitter questa presunta idea di buon senso: se il pianeta si sta riscaldando, perché ci sono sempre attacchi di freddo gelido?

Ma il clima ei suoi cambiamenti possono essere osservati a lungo termine, mentre i fenomeni meteorologici hanno meccanismi propri e più urgenti, anche se alcuni di essi possono essere esacerbati dal cambiamento climatico.

READ  In Malesia, un incidente in metropolitana a Kuala Lumpur ha ferito più di 200 persone

E il riscaldamento della gelida Siberia non avrà solo vantaggi. Il permafrost, uno strato di terreno permanentemente ghiacciato, contiene enormi quantità di gas serra che verrebbero emessi dal suo scongelamento, per non parlare dei potenziali virus…

Un mondo a +2°C rispetto ai tempi preindustriali aumenterebbe il livello del mare di mezzo metro o più, minacciando milioni di persone che vivono nelle zone costiere.

Gli scienziati mettono in dubbio la realtà del cambiamento climatico

Alcuni hanno espresso i loro dubbi sui forum, ma in generale questi non sono esperti di clima. Storicamente, la conoscenza scientifica è costruita dall’argomentazione, seguita dalla costruzione del consenso sulla conoscenza.

E sul cambiamento climatico, quel consenso ora è schiacciante. Secondo un recentissimo studio della Cornell University negli Stati Uniti, oltre il 99% degli articoli sui cambiamenti climatici pubblicati dal 2012 da riviste scientifiche peer-reviewed concordano nell’attribuire questo fenomeno alle conseguenze dell’azione umana (https://u.afp.com/wZ6p).

Guarda anche…

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *