Trump è stato incoronato il più grande vincitore del Super Tuesday tra i repubblicani

Trump è stato incoronato il più grande vincitore del Super Tuesday tra i repubblicani

Donald Trump è quasi certo di una rivincita con Joe Biden alle elezioni presidenziali americane dopo la sua trionfale vittoria alle primarie del “Super Tuesday” contro la sua ultima rivale repubblicana, Nikki Haley.

L’ex presidente Trump (2017-2021), candidato alle elezioni di novembre, ha vinto quasi tutti gli stati – 14 su 15 – martedì durante questa grande giornata elettorale. Tra questi ci sono California, Carolina del Nord, Texas e Alaska.

Donald Trump, tra i suoi sostenitori riuniti nella sua lussuosa residenza in Florida, ha elogiato la “serata meravigliosa e la giornata straordinaria”.

Non ha menzionato nemmeno una volta Nikki Haley, l'ultima repubblicana a ostacolare la nomina del suo partito, e ha dedicato tutti i suoi attacchi al suo potenziale rivale presidenziale, l'attuale presidente Joe Biden.

Ma il cinquantenne ha privato Donald Trump (77 anni) di uno dei quattro campionati maggiori vincendo lo stato scarsamente popolato del Vermont, al confine con il Canada.

“Distruggere la nostra democrazia”

Sul versante democratico, il presidente Joe Biden (81 anni) sta cercando di vincere un secondo mandato e non deve affrontare alcuna seria opposizione.

Non sorprende che martedì abbia vinto tutti gli stati in gioco per il suo partito, concedendo una sconfitta inaspettata a uno sconosciuto nelle Samoa americane, un territorio nell'Oceano Pacifico.

Mentre si avviava verso l’atteso duello con Donald Trump, Joe Biden ha sottolineato che il suo rivale è “determinato a distruggere la nostra democrazia”, accusandolo di essere “concentrato sulla sua vendetta e ritorsione, non sul popolo americano”.

La rivincita del 2020, che secondo i sondaggi d'opinione non suscita l'interesse degli americani, è quasi certa, anche se la corsa repubblicana non è ufficialmente finita.

READ  Mosca denuncia i colloqui ucraini a Malta

Dal 15 gennaio, nonostante i suoi problemi legali, Donald Trump ha vinto quasi tutte le primarie del suo partito.

Nikki Haley, ex ambasciatrice di Trump alle Nazioni Unite, presenta un candidato capace di ripristinare la “normalità” di fronte al “caos di Trump”. Ma la maggior parte degli elettori repubblicani sta facendo orecchi da mercante al suo appello.

Rimarrà in gara dopo i suoi pessimi risultati?

La candidata non ha parlato martedì sera, sollevando speculazioni sul suo futuro.

Ma il suo team elettorale ha affermato in un comunicato che c’era ancora “un numero significativo di elettori repubblicani che esprimevano profonde preoccupazioni nei confronti di Donald Trump”.

“ultima fermata”

Alla cerimonia, organizzata a casa di Trump in Florida, non c'erano dubbi sulla vittoria finale di quest'ultimo.

Nella sala da ballo Mar-a-Lago, sotto enormi lampadari e decorazioni dorate, molti ospiti hanno mostrato con orgoglio i loro cappelli rossi “Make America Great Again”.

“Mi aspetto che Nikki Haley si ritiri dalle elezioni”, ha detto Kenny Neal, capo di una sezione locale del Partito Repubblicano. “Il presidente Trump sarà l’ultimo a restare alle primarie repubblicane”.

In teoria le primarie potrebbero prolungarsi fino all’estate. Ma la squadra di Trump intende dichiarare la vittoria al più tardi “il 19 marzo”, dopo due voti, soprattutto in Georgia e Florida.

Biden affronterà giovedì gli americani

Donald Trump vuole potersi concentrare il più rapidamente possibile sul suo duello con il presidente Biden, prima di essere travolto dai suoi incontri legali.

Il suo primo processo penale inizierà il 25 marzo a New York.

Donald Trump afferma di essere “più popolare” poiché è stato incriminato penalmente quattro volte, ma diversi sondaggi mostrano che il sostegno alla sua candidatura crollerebbe drasticamente se venisse condannato in uno dei suoi casi penali.

READ  Dopo polemiche, il presidente di Harvard si dimette

Joe Biden, in difficoltà nei sondaggi, difenderà il suo record e svelerà la sua visione per l’America giovedì durante il suo tradizionale discorso sullo stato dell’Unione al Congresso.

La politologa Wendy Schiller ha affermato che il presidente uscente “deve cogliere quest’ultima opportunità per rivolgersi a milioni di americani per presentare la contraddizione tra la sua visione e come sarà la vita sotto Donald Trump”.

Un brillante outsider sconfigge Biden alle Samoa americane

Da vedere in video

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *