Haiti | Il ritorno del colera diventa un “disastro”

(Port-au-Prince) Una situazione “allarmante”, “caotica”, “disastro”: ad Haiti i funzionari umanitari in prima linea nell’epidemia di colera, scoppiata tre settimane fa nel Paese, non hanno forti parole sufficienti per esprimere la loro preoccupazione.

Inserito ieri alle 22:41.

Jean-Daniel Senat con Lucy Obourg a Washington
Agenzia media francese

Un intero settore della popolazione è attualmente isolato a causa del controllo di bande armate su vaste aree e della mancanza di carburante. Tuttavia, i pazienti possono morire per disidratazione entro poche ore se non trattati.

“E’ un disastro. Ha detto il dottorS Jean-William Pope, la cui ONG haitiana Gheskio gestisce due centri per la cura del colera (CTC), nelle due settimane che sono stati allestiti nel Paese.

In uno, nella capitale, Port-au-Prince, “abbiamo 80 posti letto, sono tutti occupati”, spiega. “A causa della mancanza di carburante, gli abitanti delle baraccopoli mi hanno detto che ci sono stati molti morti nelle loro zone, perché non potevamo trasportare i malati”.

Per settimane una banda armata ha chiuso la stazione petrolifera di Farro, paralizzando il Paese.

Sebbene Haiti non abbia registrato alcun caso di colera dal 2019, il Ministero della Salute ha scoperto circa 960 casi sospetti e 33 decessi nelle tre settimane fino al 19 ottobre.

Un numero che può essere molto sottovalutato, secondo Bruno Maes, Rappresentante dell’UNICEF ad Haiti.

La situazione si fa frustrante perché la gestione dei pazienti con diarrea acuta è semplice (trattamento di reidratazione per pochi giorni al massimo), ed esiste un vaccino contro il colera. Ma è in vigore solo da cinque anni e l’ultima grande campagna di vaccinazione mirata ad Haiti risale al 2017.

READ  Una detenuta iraniano-britannica in Iran: Londra chiede alla famiglia di tacere, secondo il marito

mezze figlie

Circa la metà dei casi rilevati riguarda bambini di età inferiore ai 14 anni, molti dei quali sono particolarmente deboli a causa di un sistema immunitario indebolito a causa della mancanza di cibo, a causa della povertà.

“Molti di loro sono gravemente malnutriti”, afferma il dottS Papa. “È difficile trovare le loro vene per curarli” – iniezione di liquidi per via endovenosa.

Secondo le Nazioni Unite, circa 4,7 milioni di persone, quasi la metà della popolazione del Paese, soffre di un livello acuto di insicurezza alimentare.

MSF gestisce quattro centri (250 posti letto in totale) e una ventina di punti di reidratazione orale, ha spiegato Moha Zamraj, vice capomissione.

L’une des priorités est selon lui de «permettre un accès à l’eau potable» dans alcuni quartiers contrôlés par des gangs, come Brooklyn, dans la commune de Cité Soleil (agglomération de Port-au-Prince), sans eau potable depuis ” Tre mesi “.

Il colera è causato dall’ingestione di acqua o cibo contaminato da batteri.vibrione del colera).

A causa dell’insicurezza e dei frequenti rapimenti, le ONG non possono recarsi in questi quartieri per disinfettare le case con il cloro.

MSF ha predisposto un sistema di bus navetta per portare il suo personale ai centri sanitari, ma “in poche settimane” la mancanza di carburante potrebbe rendere impossibili quei viaggi, spiega Moha Zamraj.

Cresce anche la preoccupazione per la popolazione rurale, che spesso si ritrova, senza carburante, a camminare per giorni senza alcun aiuto. I primi casi sono stati rilevati nelle regioni di Neb (sud) o Artibonite (nord).

Bruno Maes spiega che le strade verso il sud e il nord di Haiti sono bloccate da gruppi armati: “Port-au-Prince è assediata e soffocata”. Gli uffici dell’UNICEF sono stati saccheggiati e le medicine non sono state consegnate al porto.

READ  Kim afferma che la Corea del Nord dovrebbe prepararsi al "dialogo e al confronto" con Washington

Corridoi umani

La recrudescenza del colera fa rivivere la memoria da incubo dell’epidemia introdotta dai Caschi Blu nel 2010, dopo il terremoto. Ha ucciso oltre 10.000 persone nel 2019.

Sylvain Aldejiri, vicedirettore per le emergenze della salute pubblica presso la Pan American Health Organization, ha affermato che questa volta il Paese non sta vedendo la stessa “esplosione” nel numero di casi.

Le autorità hanno “10 anni di esperienza con il colera”, e l’importante è “riattivare i meccanismi conosciuti”.

Devi ancora essere in grado di farlo.

Venerdì le Nazioni Unite hanno imposto sanzioni alle bande come embargo sulle armi, ma finora rimangono divise sull’invio di una forza internazionale.

Una misura che, secondo Al-Deghairi, consentirebbe “di creare corridoi umanitari verso aree complesse” e le attrezzature “potrebbero lasciare il porto”. Ha detto che i primi velivoli equipaggiati con l’equipaggiamento dovrebbero attualmente apparire “nei prossimi giorni”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.