“Nel sud Italia è una vita calcistica dove le persone sono… / Italia / Montecalcio / SOFOOT.com

Formatosi all’ASSE prima di trasferirsi al Genoa quando non era nemmeno maggiorenne, Stéphane Coquin sapeva scrivere una guida Michelin del calcio semiprofessionista italiano. E non a caso, il nativo di Courbevoie si è evoluto in 29 diversi club transalpini, con una predilezione per la Campania, da cui tuttora vive calcio oggi.


Modificata

È dopo la sua formazione, al momento delaperitivo, che Stéphane Coquin arriva a Pozzuoli. L’attaccante francese non lo dice subito, ma quel giorno compie 40 anni. Di cui più della metà trascorsi sui prati d’Italia. Questo non impedisce alle sue gambe di essere ancora lì. “Avevo pensato di fermarmi a quell’età, ma vedrò a fine stagione. Sto bene fisicamente, eh, ma è un po’ più in termini di motivazione e desiderio di quanto non sia più come prima. » Tuttavia, questa estate, quello che pensa di diventare un agente dopo la sua carriera è tornato per una stagione. È il Montecalcio, club diEccellenza (5e nazionale), che passa in vantaggio e lo riporta in Campania. L’occasione perfetta per tornare con lui nella sua carriera in Italia.
Hai passato più della metà della tua vita in Italia. Quando hai firmato per il Genoa nel 1999, potevi immaginare che saresti ancora qui 23 anni dopo?
Certo che no, per me era solo un passaggio.

“Di tanto in tanto, quando non sapevo cosa fare, prendevo un biglietto aereo per Genova e tornavo a Parigi per un giorno. »

Come sei finito a firmare per il Genoa?
Ero al centro di allenamento ASSE da tre anni, a 700 chilometri da casa mia, giocavo nella Francia U15 con Philippe Mexès e Wilfried Dalmat, ma non avevo alcun contratto. È stato un reclutatore, Michael Manuello, l’attuale agente di Olivier Giroud, a farmi firmare lì. All’epoca lavorava con il Genoa, viveva a Mentone e stava appena iniziando a trovare talenti francesi da firmare in Italia. Erano interessati anche Nantes, Bordeaux, PSG, Stella Rossa o Strasburgo, ma nessuno di loro mi ha offerto un contratto da professionista. Così quando il Genoa mi ha offerto un contratto da professionista di 6 anni e uno stipendio mensile di 3 milioni di lire, non ho esitato. Ha fatto rumore, perché sono stato uno dei primi giocatori francesi ad andare all’estero così giovane, e in particolare in Italia, come Zoumana Camara, Vincent Péricard, Ousmane Dabo o Sébastien Frey.

READ  Gastronomia. Magazzino Beaune porta le tue papille gustative in un viaggio nel cuore dell'Italia

Ci sei andato da solo o i tuoi genitori ti hanno accompagnato?
No, me ne sono andato da solo. All’inizio è stato un po’ difficile perché ero giovane e non parlavo la lingua, ma i miei genitori mi hanno aiutato molto. Sono cresciuto in una famiglia di sportivi, mio ​​padre è un ex pugile professionista e mia madre ha praticato atletica leggera. Ho anche iniziato con la boxe, poi con la boxe francese, prima di giocare a calcio per fare come mio fratello maggiore. Fu solo dopo che mio padre mi disse di decidere.

E non hai optato per la boxe.
Quando ho iniziato a giocare a calcio, il Racing Club de Paris mi ha supervisionato grazie a un amico con cui sono cresciuto, Karim Ziani, e suo padre. È stato quando ho firmato lì che ho scelto naturalmente il calcio. Ho giocato in U13 DH, poi in nazionale U15 con Karim e il fratello di Michaël Ciani. A fine stagione una dozzina di club di Ligue 1 e Ligue 2 mi volevano.

Perché hai scelto ASSE?
Prima c’erano le condizioni che ci offriva il club: biglietti aerei pagati per la mia famiglia, scuola, libri, dovevo solo giocare a calcio. Poi è stato un centro di formazione nuovo di zecca, uno dei primi in Francia dove la scuola è stata fornita internamente, un po’ come all’Ajax. Era stato costruito per i Mondiali del 1998 e ricordo che furono gli argentini Batistuta e Véron ad allenarsi con noi, è stato incredibile.

Al Nord ci sono squadre di serie D dove lavorano i giocatori. Qui, al Sud, è impensabile, fare il calciatore nelle categorie inferiori è davvero un lavoro. »

Come spieghi che non sei riuscito a sfondare a Genova?
Il problema quando sei giovane è che non ti rendi conto di quello che hai. Non mi importava, avevo un contratto da professionista di sei anni davanti a me, il club contava molto su di me e il mio stipendio scendeva ogni mese. Di tanto in tanto, quando non sapevo cosa fare e mi annoiavo, prendevo un biglietto aereo per Genova e tornavo a Parigi per un giorno. Roba un po’ strana. Non mi rendevo conto delle cose, non calcolavo le opportunità, quindi ho preferito non giocare e avere il mio contratto da professionista. Che è stato un grosso errore perché è importante giocare. Dopo, non ho avuto fortuna. Perché durante il mio ultimo anno di contratto la prima squadra è salita in Serie A, ma nell’ultima partita hanno portato una valigia al Venezia. Ciao: 3-0, Genoa retrocesso in Serie C, multa di non so quanto e tutti i contratti rescissi. Fu dopo che iniziò il mio giro in Italia.

READ  Nuoto artistico | L'Italia aiuta la squadra ucraina a viaggiare a Roma

Questo giro d’Italia ti ha visto suonare in 29 club e 10 regioni d’Italia, con una predilezione per Puglia, Sardegna e soprattutto Campania. Perché questa attrazione per il Sud?
Perché al Sud, calcisticamente, è un’altra cosa. Al Nord ho giocato a Genova e Alessandria, due club molto popolari e ben strutturati. Ma al Sud, è un’altra vita. Una vita calcistica dove le persone sono malate. E ne segue, sia in termini di copertura mediatica che anche a livello economico. Al Nord, ad esempio, ci sono squadre di serie D dove lavorano i giocatori, mentre in Italia è un grande livello. Qui, al Sud, dove è più povero, è impensabile, fare il calciatore nelle categorie inferiori è davvero un lavoro.

Vuol dire che per vent’anni, ogni stagione, vivi esclusivamente di calcio?
Sì.

“Mentre guardo il campionato francese in TV, vedo Évian Thonon Gaillard. Ecco, ho pianto. »

E se dovessi ricordare solo un club in cui hai giocato, quale sarebbe?
Direi il Palmese. Era il primo anno che venivo in Campania ed è lì che ho scoperto la differenza tra il Nord e il Sud, e soprattutto la Campania. Non era una grande città, ma in allenamento c’erano tra le 50 e le 100 persone e nelle partite ce n’erano 3.000 o 4.000, sembrava di giocare in Ligue 1. Oltre a questo, avevamo un presidente cinese, che aveva comprato il club dopo un affare immobiliare con il sindaco della città, che era un vero sostenitore del club. La rivista QG è venuto addirittura a fare una relazione, perché è stato il primo presidente straniero alla guida di un club italiano. All’inizio era Real, tutto quello che chiedevamo, lo ottenevamo. Ma presto ci furono promesse non mantenute e problemi finanziari.

READ  L'attrice Gina Lollobrigida, 95 anni, candidata al Senato in Italia

A parte l’Italia, hai giocato quattro brevi mesi in Lituania. Non hai mai avuto l’opportunità di suonare di nuovo in Francia?
Sì. Quando ero a Genova c’era il Lorient, che giocava in Ligue 2, ma che mi trovava troppo giovane. Un’altra volta, Michael Manuello mi ha chiamato per dirmi che avevo l’opportunità di firmare per Évian Thonon Gaillard. Ha insistito perché andassi a giocare lì in Nazionale, ma siccome mi davano meno di quello che guadagnavo a Genova, ho detto di no. A fine stagione salgono in Ligue 2 e quando Manuello mi ha richiamato gli ho detto: “Vai avanti, per favore mandami lì, io vado.” » Lui mi ha detto “Non puoi, hai rifiutato, è morto!” » E l’agosto successivo, mentre guardavo il campionato francese in tv, ho visto Évian Thonon Gaillard. Ecco, ho pianto.

E oggi, mentre si avvicina la fine della tua carriera, hai pensato di tornare in Francia? O l’Italia è per la vita?
Al momento non credo, perché ho tutto qui. Poi l’ambientazione e lo stile di vita sono completamente diversi, il tempo è bello e caldo. Ecco perché la mia famiglia viene spesso. Sono più abituato al clima francese. Ogni volta che torno in Francia, è miseria. Mi segna, voglio tornare in Italia.

Intervista di Maxime Renaudet, a Pozzuoli.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.