James Webb rivela una folla galattica formata attorno a un quasar distante

Il telescopio spaziale James Webb ha rilevato la missione dal telescopio Hubble. Ci permette di rivisitare alcune sue osservazioni mostrandole sotto una nuova luce. Questo è il caso oggi di un quasar che è stato rilevato al centro di un gruppo primario di galassie nella formazione. Sebbene sia stato osservato 11,5 miliardi di anni fa, dovrebbe aiutare a capire cosa è successo con i primi buchi neri supermassicci e la formazione di galassie più di 13 miliardi di anni fa.

La teoria del Big Bang è diventata centrale nella cosmologia, così come l’eliocentrismo. Tuttavia, afferma che il nostro universo osservabile era più caldo, più denso, senza atomi e ancora meno stelle e galassie circa 13,8 miliardi di anni fa. Allora, sia perché La presenza di particelle di materia oscura Oppure proprietà di una teoria relativistica della gravità diversa dalla teoria di Einstein, stelle e galassie si formeranno secondo lo scenario presentato nel video CEA qui sotto. Non c’è dubbio sull’inizio assoluto del tempo o sull’espansione di tutto lo spazio.

Non capiamo ancora del tutto cosa sia successo durante i primi 500 milioni di anni del nostro universo, ma grazie al James Webb Telescope che ha preso il posto di Hubble per approfondire Strati di luce dell’universo visibileIniziamo ad esplorare questa terra Incognita. Tra gli ultimi sviluppi di questo viaggio nello spazio-tempo, un team di astronomi ha appena annunciato di aver effettuato osservazioni sorprendenti di un quasar distante i cui fotoni hanno impiegato circa 11,5 miliardi di anni per raggiungerci nonostante l’espansione dell’universo tra questa stella e la Via Lattea oggi.

Tecnicamente, in un catalogo già compilato utilizzando Sloan Digital Sky Survey (SDSS, un programma di rilevamento celeste che utilizza un telescopio di 2,5 metri per osservare il visibile, situato presso l’Apache Point Observatory negli Stati Uniti d’America) e iniziato nel 2000, il quasar si chiama SDSS J165202.64 + 172852.3 e siamo ne parliamo oggi in relazione a JWST nell’articolo su arXiv.

READ  Questo eccellente gioco cooperativo è offerto per un periodo di tempo limitato

Quasar “rossi”.

Ricordiamo che le radiosorgenti quasi stellari (quasar secondo il nome proposto dall’astrofisico di origine cinese Hong Yi Qiu nel 1964) furono scoperte all’inizio degli anni ’60 sotto forma di radiosorgenti, e poi trovando i loro analoghi in il visibile che sembrava una stella. Ma lo studio dello spostamento verso il rosso spettrale mostra che dovevano trovarsi a miliardi di anni luce di distanza, e dovevano essere stelle incredibilmente luminose, troppe per una singola stella, almeno 5 milioni di volte di più del Sole, o, in altre parole , 1.000 volte Dalla luminosità di centinaia di miliardi di stelle nella nostra Via Lattea!

Oggi sappiamo che orbitano attorno a buchi neri supermassicci che accumulano grandi quantità di materia in diversi scenari possibili, ad esempio Attraverso Filamenti di materia oscura fredda.

È vero che SDSS J165202.64 + 172852.3, come osservato 11,5 miliardi di anni fa, è ancora nella regione raggiungibile da Hubble alle osservazioni VLT della Terra, ma le nuove osservazioni che utilizzano James-Webb ce lo mostrano con crescente precisione e ci consentono di saperne di più. è successo nell’universo primordiale: ora sembra sempre più chiaro che questo quasar si trova al centro di un ammasso di protoni di galassie che si formano secondo processi che erano già al lavoro meno di 500 milioni di anni fa dopo il Big Bang.

Secondo uno degli scenari studiati, i buchi neri supermassicci dovrebbero apparire “rossastri” (non solo spostando il loro spettro verso l’infrarosso a causa dell’espansione dello spazio durante il lungo viaggio della loro luce verso di noi) perché sono circondati da una grande quantità di polvere dalle frenetiche esplosioni di stelle causate dalle recenti fusioni galattiche. Poco dopo, queste galassie appariranno meno rossastre e con un quasar più luminoso, una volta che grandi quantità di polvere e gas saranno rilasciate dall’esplosione di radiazioni dei quasar, che alla fine fermeranno la formazione stellare svuotando alcune delle galassie del loro gas.

READ  I Voce Ventu hanno rivelato il loro ultimo album


Questo ESOcast è il quasar più lontano scoperto nel 2011. Questo luminoso faro è alimentato da un buco nero due miliardi di volte la massa del Sole. È di gran lunga l’oggetto più luminoso scoperto nell’universo primordiale il 29 giugno 2011. Per una traduzione francese abbastanza accurata, fai clic sul rettangolo bianco in basso a destra. A questo punto dovrebbe apparire la traduzione in inglese. Quindi fare clic sul dado a destra del rettangolo, quindi fare clic su “Sottotitoli” e infine su “Traduci automaticamente”. Scegli “Francese”. © Osservatorio Europeo Meridionale (ESO)

Quattro galassie in stretta interazione

SDSS J165202.64 + 172852.3 è un esempio di quasar “rossi” più recenti di quelli dell’universo primordiale che possono ancora essere utilizzati per testare scenari avanzati su buchi neri supermassicci riguardanti la famosa era della reionizzazione. Particolarmente luminosi nell’infrarosso, sono bersagli preferiti per JWST dotati di spettrofotometro nel vicino infrarosso (NIRSpec), che permette non solo di identificare elementi chimici ma anche di misurare l’effetto Doppler sulle velocità di distribuzione della materia associate ai quasar, per esempio, grazie alle linee di ossigeno ionizzato negli spettri formati di NIRSpec.

Precedenti osservazioni con Hubble e sulla Terra usando il telescopio Gemini-Nord hanno suggerito che dietro SDSS J165202.64 + 172852.3 c’erano due galassie interagenti, ma quelle del James Webb Telescope ora suggeriscono fortemente che ci siano tre galassie interagenti con il quasar (dal modo, esempi Tripli quasar) e la condivisione di flussi di gas e stelle.

I movimenti della materia mappata alla fine hanno portato alla conclusione che SDSS J165202.64 + 172852.3 fosse in realtà parte di un denso nodo di formazione di galassie, più specificamente un gruppo protogalattico.

READ  Lavoro e budget... La nostra selezione di app per organizzare la tua vita quotidiana

Ci sono pochi ammassi protogalattici conosciuti in questo momento. Sono difficili da trovare e pochissimi hanno avuto il tempo di formarsi dal Big Bang. Questo potrebbe aiutarci a capire come si evolvono le galassie in ambienti densi… Questo è un risultato entusiasmante ‘”, spiega l’astronomo in un comunicato stampa Dominica Wilsalek dell’Università di Heidelberg in Germania, che ha guidato lo studio di questo quasar.

La stessa versione mostra che le tre galassie attorno al quasar ruotano a velocità incredibilmente elevate, il che indica la presenza di una grande quantità di massa. Poiché questa massa esiste insieme alla vicinanza con cui le galassie si raggruppano nella regione intorno a questo quasar, il team ritiene che ciò riveli una delle regioni di formazione di galassie più dense dell’universo. ” Anche un denso nodo di materia oscura non è sufficiente per spiegarlo. Pensiamo di poter vedere un’area in cui due enormi aloni di materia oscura si stanno fondendo dice Wylezalek.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.