Tra migrazione e cooperazione economica, qual è la strategia dell’Italia in Africa? Giovane Africa

Con la nomina di Luigi Di Maio a Responsabile degli Affari Esteri, si è sviluppata una strategia oltralpe per stabilire una presenza nel continente, iniziata nel 2013. Anche se l’immigrazione rimane una priorità per Roma.


I rapporti tra Italia e Africa sono come un ottovolante. Sale e scende secondo i colori e le agende politiche dei diversi governi che si susseguono in Italia a ritmo costante. Solo negli ultimi cinque anni, le priorità si sono spostate dalla cooperazione economica sotto i democratici Matteo Renzi e Paolo Gentiloni alla sicurezza sotto il loro successore, l’indipendente Giuseppe Conte e il populista ministro dell’Interno Matteo Salvini. L’uscita di quest’ultimo, nel settembre 2019, ha permesso al secondo governo di Conte da allora di trovare un equilibrio tra queste due questioni, la cui importanza oscilla a seconda della frequenza delle ondate di immigrazione in calo sul suolo italiano.

I politici italiani sanno da tempo che le due questioni sono strettamente correlate. Il ricercatore Giovanni Carboni riassume: “Lo sviluppo dell’Africa deve permettere di riformare la popolazione africana in Africa”. Questa è la linea di comportamento seguita dai vari governi italiani all’inizio di questo decennio.

Prima l’immigrazione

Nel 2013 Emma Bonino ha utilizzato i pochi mesi trascorsi a capo del Dipartimento di Stato per richiedere segretamente ai suoi servizi la “Strategia per l’Italia e l’Africa”, la prima del genere nella penisola. “Un guscio vuoto, secondo Giovanni Carboni, ma che aspetta di essere riempito”. L’essenziale, secondo gli autori del documento, è che sulla scia della crisi finanziaria del 2008 “l’Africa rappresenta un’opportunità da cogliere l’economia italiana ”e quindi è necessario rendere il continente accessibile alle imprese attraverso le Alpi.

READ  La CGT prevede di manifestare il 1 ° maggio e chiama altri sindacati

Anche nel 2013 Emma Bonino ha seguito la stessa logica pensando di creare un incontro regolare tra il suo Paese e il continente. La prima edizione si terrà poi nel 2016, data di rinnovati rapporti italo-africani dopo diversi decenni di cortese attenzione da parte di Roma. L’iniziativa non vedrà mai la luce.

Luigi Di Maio sta prestando maggiore attenzione al settore privato che ha fretta di trovare opportunità in Africa

Le ricorrenti crisi che scuotono le istituzioni politiche italiane e l’urgenza provocata dai flussi regolari di migranti che sbarcano nel sud del Paese supereranno i buoni propositi che fino ad allora si erano manifestati “, allora la questione dell’immigrazione avrà la precedenza su tutto. Giovanni Carboni continua.

Nuovi punti vendita

L’arrivo di Luigi Di Maio al Ministero degli Affari Esteri, nel settembre 2019, quando l’Unione Europea (UE) ha iniziato a istituire alcuni meccanismi di solidarietà comunitaria in materia di immigrazione, ha rimescolato le carte. Il nuovo ministro degli Esteri italiano, già responsabile dello sviluppo economico nel suo Paese, sembra prestare maggiore attenzione al settore privato, che ha fretta di trovare nuovi sbocchi sull’altra sponda del Mediterraneo.

La questione dell’immigrazione resta “il principale marchio italiano in Africa”, per usare l’espressione Giovanni Carboni, ma ciò non impedisce al diplomatico italiano di proporre, all’inizio del 2020, una bozza del Libro bianco che è stata tenuta molto segreta. rapporti con la tessitura con il continente, soprattutto in materia economica. Da allora lo scoppio dell’epidemia dopo pochi mesi lo ha trascurato.

Ambasciate e missioni militari

Se il virus sembra aver da tempo messo tra parentesi le ambizioni economiche dell’Italia in Africa, la penisola si è accorta di non potersi accontentare di restare ben oltre i propri confini marittimi. Roma ha quindi deciso di rafforzare la sua presenza diplomatica e militare in Africa, soprattutto nei paesi del Sahel, al fine di mettere meglio in sicurezza la regione e limitare così le ragioni della partenza dei suoi residenti.

L’Italia ha aumentato il proprio contributo militare, in particolare nelle regioni del Sahel e del Golfo di Guinea

L’Italia aveva 34 ambasciate in tutto il continente. Ne ha lanciati altri tre negli ultimi anni, in Guinea, Niger e Burkina Faso, in attesa del governo maliano, che presto aprirà i battenti. Nel 2017 è stata istituita anche una rappresentanza permanente presso l’Unione africana ad Addis Abeba.

READ  Somerset Police Officer buys Christmas dinner for the family after a robbery call

Parallelamente, l’Italia ha incrementato il proprio contributo militare al continente, nell’ambito di diverse operazioni delle Nazioni Unite o europee, con costante interesse per le regioni del Sahel e del Golfo di Guinea. Le sue forze stanno quindi partecipando sempre più attivamente al MINUSMA in Mali e nel G5 Sahel, mentre guidano importanti missioni di addestramento in Niger e sorveglianza costiera in Somalia e Guinea.

L’Italia non può andare in Africa da sola. Quindi non ha altra scelta che unire le forze, soprattutto con altri paesi europei, se vogliono che la loro presenza dipenda dal continente “, dice oggi Giovanni Carboni. Una notizia moderatamente apprezzata dal settore privato in transito sulle Alpi, che non dimentica che le aziende provengono da diverse I paesi partner dello stato italiano rimangono soprattutto i loro principali concorrenti in Africa.

Giuseppe Mistretta, Mister Africa

Giuseppe Mistretta conosce l’Africa come il palmo della sua mano. Il diplomatico italiano ha lavorato in questo campo per quasi vent’anni, prima come consulente e poi come ambasciatore per il suo Paese. Dopo aver iniziato la sua carriera a Roma, nell’ufficio Africa del Ministero degli Esteri, ha prestato servizio in Zaire sotto la guida del feldmaresciallo Mobutu, e poi in Libia sotto la guida del leader supremo della rivoluzione, Muammar Gheddafi. Dopo qualche tradimento del continente, a Detroit o Londra, è tornato in Africa dal 2009, per rappresentare l’Italia con due dei suoi principali partner africani, prima l’Angola per le sue riserve di idrocarburi, e poi l’Etiopia per i suoi legami storici. È tornato a una sessione completa nel 2017 con la nomina a Direttore dell’Africa subsahariana presso il Ministero degli Affari Esteri. Giuseppe Mistretta, 62 anni, può affermare senza timore di paradossi che oggi è il diplomatico italiano più esperto nelle questioni africane. Non esita a condividere le sue conoscenze, poiché ha pubblicato diversi libri sui diversi paesi che ha attraversato. Una testimonianza distinta e sulla durata dello sviluppo delle relazioni diplomatiche ed economiche tra le due parti, a conferma che “non sono cambiati gli interessi dell’Italia in Africa, ma piuttosto le sue priorità” nel contesto “che si è sviluppato in tutto il continente” e che egli cerca di spiegare nel suo recente libro, presto tradotto in inglese: “Africa’s Roads”. In modo che questo sia meno difficile per i suoi cittadini.

READ  Visualizza lavoro | Studio legale

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *