TikTok sta facendo causa al Montana

TikTok sta facendo causa al Montana

TikTok, una consociata del gruppo cinese ByteDance, ha presentato lunedì una denuncia contro lo stato americano del Montana, che la scorsa settimana ha promulgato una legge per vietare l’adescamento il prossimo anno.

• Leggi anche: Dati personali: Meta ha multato la cifra record di 1,8 miliardi di dollari in Europa

• Leggi anche: L’utente fa appello contro il divieto di TikTok nel Montana

Questo divieto “viola la Costituzione degli Stati Uniti in molti modi”, afferma la società, e in particolare il Primo Emendamento che garantisce la “libertà di parola”, secondo il documento esaminato da AFP.

Molti legislatori statunitensi ritengono che la piattaforma video breve e divertente, che conta 150 milioni di americani, consenta a Pechino di spiare e manipolare gli utenti. La piattaforma ha sempre negato queste accuse.

Ma il parlamento del Montana ha adottato a metà aprile un testo che ordina agli app store per dispositivi mobili (Apple e Google) di interrompere la distribuzione di TikTok a partire dal 1° gennaio 2024, mentre il Congresso e la Casa Bianca stanno valutando proposte simili.

“TikTok esercita il proprio giudizio editoriale, che è un diritto costituzionalmente protetto, per distribuire e promuovere contenuti creati da terze parti”, affermano gli avvocati dell’azienda.

Sostengono inoltre che lo stato degli Stati Uniti non ha l’autorità legale per bloccare l’app per motivi di sicurezza nazionale, che è una questione federale.

La censura richiama anche il principio di equità. “Invece di regolamentare i social network in generale, la legge vieta TikTok, e solo TikTok per motivi punitivi (…) sulla base di preoccupazioni speculative sulla sicurezza dei dati e sulla modifica dei contenuti”, sostengono gli avvocati.

READ  La Russia blocca 49 siti web collegati a Navalny

Funzionari eletti nello stato del Montana accusano anche TikTok di avere effetti dannosi sulla salute dei giovani (dipendenze e depressione). Alcuni rappresentanti democratici hanno risposto che altri social network, come Instagram, meritano di essere regolamentati su tutti questi argomenti.

Anche il potente gruppo per i diritti civili ACLU ha accusato lo stato di censura.

“Con questo divieto, il governatore Gianforte e il legislatore del Montana stanno calpestando la libertà di espressione di centinaia di migliaia di montanari che usano questa app per esprimersi, trovare informazioni e promuovere le loro piccole imprese, in nome del sentimento anti-cinese”. ha dichiarato mercoledì Keegan Medrano della sezione locale dell’ACLU.

Poco dopo che il governatore di questo stato degli Stati Uniti nord-occidentali, Greg Gianforte, ha firmato la legge, cinque utenti di TikTok hanno presentato ricorso al tribunale federale del Montana chiedendo l’annullamento della decisione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *