Elezioni di medio termine | Donald Trump esce debole

(Washington) Le elezioni di medio termine avrebbero dovuto aprirgli la strada per lanciare la sua campagna presidenziale del 2024. Invece, la notte delle elezioni è stata deludente per Donald Trump, che vede il suo principale sfidante repubblicano influenzato dai risultati del sondaggio.

Inserito alle 13:29

Lucia Obourg
Agenzia media francese

L’ex conduttore della Casa Bianca, che è stato personalmente coinvolto durante la campagna, aveva sognato una vittoria schiacciante per il suo pony, prima di promettere il suo “annuncio molto grande” la prossima settimana, ipotizzando la possibilità di una candidatura presidenziale.

Ma la dichiarata “onda rossa” non ha travolto il Paese, anche se i repubblicani sono in una buona posizione per accaparrarsi la maggioranza alla Camera, a priori con la testa corta. Il controllo del Senato rimane altamente incerto.

La vittoria più sorprendente quella notte per la parte conservatrice è stata quella di Ron DeSantis, 44 anni, che è stato rieletto governatore della Florida. È il principale e più forte oppositore di Donald Trump nella corsa alla nomination presidenziale repubblicana del 2024.

La sua schiacciante vittoria sul democratico Charlie Crist ha consolidato il suo status di stella nascente e un editoriale pubblicato da Fox New mercoledì mattina ha incoronato il signor DeSantis come il nuovo “leader del Partito Repubblicano”.

Sebbene non ci siano risultati definitivi e completi, il panorama politico tracciato mercoledì mattina chiaramente non corrisponde alle aspettative.

Mentre i midterm sono generalmente favorevoli all’opposizione, John Rogowski, professore di scienze politiche all’Università di Chicago, ha commentato che “non avrebbe dovuto essere così difficile per i repubblicani”. E peggiora nel contesto dell’aumento dell’inflazione, combinato con lo scarso indice di popolarità del presidente democratico Joe Biden.

READ  Ucraina: "Preoccupata", la Moldova convoca l'ambasciatore russo

Ron Rogowski ha affermato che “molti dei candidati” sostenuti da Donald Trump “hanno sottoperformato e sono costati al loro partito una possibilità di vincere un seggio che avrebbe potuto essere facilmente conquistato”. Nel frattempo, altri candidati repubblicani con cui litiga pubblicamente hanno vinto facilmente i loro seggi. »

Esempio: Brian Kemp, un esplicito oppositore di Donald Trump, ha mantenuto la sua posizione di governatore della Georgia. L’ex presidente ha criticato a lungo il ruolo di Kemp nella ratifica delle elezioni del 2020 e ha cercato di sloggiarlo sostenendo un altro candidato alle primarie.

La “qualità” dei candidati

I risultati mostrano che “puoi essere conservatore, essere di principio, andare contro Trump e vincere”, ha detto all’AFP Peter Loegue, professore della George Washington University.

“È davvero un punto di svolta per il Partito Repubblicano”, ha affermato Jeff Duncan, vice governatore repubblicano di lunga data della Georgia, criticando pubblicamente l’ex presidente. “È ora di andare avanti”.

Prima delle elezioni, il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell era preoccupato per la “qualità” dei candidati che Donald Trump aveva spinto in prima fila.

Così l’ex presidente avrebbe potuto perdere la sua aura di “creatore di re”. Il chirurgo stellare Mehmet Oz, soprannominato Donald Trump, in particolare non è riuscito a vincere il seggio di senatore chiave e molto contestato in Pennsylvania.

Nello stesso stato, il candidato ultraconservatore e anti-aborto Doug Mastriano, presente durante l’assalto al Campidoglio, è stato sconfitto a governatore.

Eccezione notevole: in Ohio, Colt Trump JD Vance ha vinto la carica di senatore. Più di cento candidati repubblicani che hanno contestato i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 sono stati eletti a varie cariche locali e nazionali, oggi, martedì, secondo le aspettative dei media.

READ  La diga di Kakhovka nella regione di Kherson "danneggiata" dallo sciopero ucraino

Percorso presidenziale

Mercoledì mattina, l’ex presidente era “arrabbiato” e “urlava con tutti”, secondo uno dei suoi consiglieri, citato dal famoso giornalista Jim Acosta, che non ha rivelato la sua identità. Sul suo social network Truth, è stato in silenzio tutta la mattina.

Donald Trump, che sembrava riluttante a dichiararsi candidato alla presidenza alla vigilia delle elezioni, dovrebbe continuare con il suo “grande annuncio” dalla sua residenza in Florida il 15 novembre.

“Se avessi fatto quello che ho detto, avrei fatto meglio, è colpa tua”, ha detto Peter Logie ai candidati che hanno fallito.

John Rogovsky ha predetto che se i repubblicani avessero davvero ottenuto la maggioranza alla Camera, l’ex presidente non avrebbe esitato a “prendersene il merito”.

Secondo l’esperto, con l’annuncio della sua candidatura alla presidenza due anni prima della scadenza, Donald Trump cercherà di tirare fuori il tappeto da sotto i piedi dei suoi rivali: “Se si sente in una posizione migliore, lo farà non ha bisogno di annunciarsi molto presto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.