Supercoppa italiana: l’Inter corregge il Milan

Supercoppa italiana: l’Inter corregge il Milan

Axel Allag, Media365, pubblicato mercoledì 18 gennaio 2023 alle 22:04

Non c’è stata partita questo mercoledì sera nella finale di Supercoppa Italiana, al King Fahd International Stadium di Riyadh, quando l’Inter ha surclassato il Milan per aggiudicarsi il primo trofeo stagionale (3-0).

L’Inter è riuscita a mantenere il suo titolo senza tremare. Vincitori dopo il successo contro la Juventus la scorsa stagione (2-1 ai tempi supplementari), i nerazzurri si sono aggiudicati ancora una volta la Supercoppa italiana. Questo mercoledì sera, i ragazzi di Simone Inzaghi hanno dimostrato di non avere tempo da perdere aprendo le marcature anche prima del primo quarto d’ora dopo un superbo movimento collettivo concluso da Dimarco con un sinistro piatto davanti a un impotente Tatarusanu (0-1 , 10°). L’Inter ha continuato il suo slancio impressionante nei minuti successivi con il gol del riposo, segnato da Dzeko che ha giocato Tonali prima di essere cinico contro il gol (0-2, 21′). Ben al di sopra, l’Inter ha avuto altre occasioni grazie a Dzeko e Dimarco senza riuscire però a concludere.

In vantaggio nel contropiede, e in difficoltà come nelle ultime settimane, il Milan ha cercato di alzare il livello con diversi tentativi, tra cui un tiro fuori porta di Théo Hernandez (46°) o Leao (51°, 67°). L’Inter però non perde l’occasione per concludere come doveva. Campione del mondo con l’Argentina, Lautoro Martinez ha avuto la meglio su Tomori prima di crocifiggere Tatarusanu con un magnifico piede esterno (0-3, 87°). Mentre il Milan ha confermato la sua brutta corsa del momento – quarta partita senza successo, tutte le competizioni messe insieme – l’Inter ha mantenuto la sua Supercoppa Italiana vincendo la settima vittoria nella sua storia. Il 5 febbraio le due squadre si incontreranno in Serie A.

READ  Algeria, Tunisia e Italia: fino a martedì violenti temporali e alluvioni

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *