Stati Uniti, Cina e Unione Europea firmano la prima dichiarazione globale sui rischi dell’intelligenza artificiale | TV5MONDE

Stati Uniti, Cina e Unione Europea firmano la prima dichiarazione globale sui rischi dell’intelligenza artificiale |  TV5MONDE

La Cina, gli Stati Uniti, l’Unione Europea e quasi una ventina di paesi hanno firmato mercoledì nel Regno Unito la Dichiarazione di Bletchley per lo sviluppo “sicuro” dell’intelligenza artificiale, durante il primo vertice internazionale dedicato a questa tecnologia in rapida crescita.

L’UE e 28 paesi riuniti a Bletchley Park, a nord di Londra, hanno concordato sull’”urgente necessità di comprendere e gestire collettivamente i potenziali rischi dell’intelligenza artificiale attraverso un nuovo sforzo globale volto a garantire che l’intelligenza artificiale sia sviluppata e utilizzata in una comunità globale in un contesto globale. modo sicuro e responsabile”.

“Questo storico annuncio segna l’inizio di un nuovo sforzo globale per costruire la fiducia del pubblico nell’intelligenza artificiale garantendone la sicurezza”, ha accolto con favore su X (ex Twitter) il primo ministro britannico Rishi Sunak.

E rispetto al potenziale di modelli più avanzati, come il chatbot ChatGPT, l’annuncio di Bletchley “dimostra che per la prima volta, il mondo si sta riunendo per definire il problema ed evidenziarne le opportunità”, ha confermato all’AFP il ministro britannico della Tecnologia Michelle Donelan. .

Ha spiegato che questo incontro “non mira a gettare le basi per una legislazione globale, ma piuttosto deve lavorare per tracciare una via da seguire”.

Dal centro simbolico per la decifrazione dei codici della seconda guerra mondiale, dove Alan Turing ha “smantellato” la macchina Enigma utilizzata dai nazisti, ha aggiunto che seguiranno due vertici internazionali sull’intelligenza artificiale, in Corea del Sud e poi in Francia.

“Arbitro indipendente”

Nel corso di due giorni leader politici, esperti di intelligenza artificiale e giganti della tecnologia si sono riuniti lì su iniziativa del Regno Unito, che vuole assumere un ruolo guida nella cooperazione globale in questa tecnologia.

READ  'La morte è certa': 9 mesi dopo Storm Alex, la strada di accesso a Castrino non è stata ripristinata

Il miliardario statunitense Elon Musk, co-fondatore della startup pionieristica OpenAI nel 2015, mercoledì ha chiesto un “arbitro indipendente” in grado di “suonare l’allarme se ha preoccupazioni” sugli sviluppi dell’intelligenza artificiale, una delle “più grandi minacce”. ” “Sto affrontando l’umanità”, ha detto alla stampa a Bletchley Park.

Il controverso capo di X (ex Twitter), che è anche a capo di Tesla e SpaceX, parlerà giovedì sera con il primo ministro britannico Rishi Sunak.

Anche la vicepresidente americana Kamala Harris, in un discorso presso l’ambasciata americana a Londra, ha messo in guardia dalle “minacce esistenziali” dell’intelligenza artificiale, che potrebbe “minacciare l’esistenza stessa dell’umanità” e delle democrazie a breve termine.

Kamala Harris, che sarà presente giovedì a Bletchley Park, ha anche annunciato la creazione di un istituto di sicurezza dell’intelligenza artificiale a Washington, simile al Regno Unito.

“Dietro porte chiuse”

L’intelligenza artificiale generativa, in grado di produrre testi, suoni o immagini su una semplice richiesta in pochi secondi, ha fatto enormi progressi negli ultimi anni e le prossime generazioni di tali modelli appariranno entro l’estate.

Il governo britannico ha avvertito che queste tecnologie suscitano grandi speranze nella medicina o nell’istruzione, ma potrebbero anche destabilizzare le società, o rendere possibile la fabbricazione di armi o sfuggire al controllo umano.

A pochi mesi da elezioni cruciali come le elezioni presidenziali americane o le elezioni legislative britanniche, l’intelligenza artificiale generativa fa temere un’ondata di contenuti falsi su Internet, con montaggi sofisticati (“deepfakes”) sempre più credibili.

Giovedì, nel secondo giorno del vertice, è prevista la partecipazione dei politici di alto livello.

Tra loro figurano la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e il primo ministro italiano Giorgia Meloni, l’unico capo di Stato o di governo del G7 a fare il viaggio.

READ  Le terrificanti scoperte di un ex giocatore della Fiorentina - Italia - Fiorentina (F)

Il Regno Unito spera di convincerli a creare un gruppo di esperti di intelligenza artificiale basato sul modello climatico dell’IPCC.

La sfida è riuscire a definire misure di salvaguardia senza ostacolare l’innovazione dei laboratori di intelligenza artificiale e dei giganti della tecnologia. L’Unione Europea e gli Stati Uniti, a differenza del Regno Unito, hanno scelto la via della regolamentazione.

La settimana scorsa, diverse aziende come OpenAI, Meta (Facebook) e DeepMind (Google) hanno accettato di rendere pubbliche alcune delle loro regole di sicurezza dell’IA su richiesta del Regno Unito.

In una lettera aperta indirizzata a Rishi Sunak, un centinaio di organizzazioni internazionali, esperti e attivisti hanno espresso la loro insoddisfazione per il vertice che si svolge “a porte chiuse”, dominato da giganti della tecnologia con accesso limitato alla società civile.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *