Spagna sospesa al via, ritorno di Zlatan … Cosa ricordare dalla serata

♦ È iniziato male per la Spagna

Inizio sbagliato per La Ruga. Nella loro prima partita, i giocatori di Luis Enrique sono stati controllati in casa dalla Grecia (1-1). Nonostante un certo predominio nel match (77% di possesso palla) e il gol di apertura del 33 ‘per Morata, i compagni di squadra di Cook sono rimasti sorpresi nella ripresa commettendo un fallo in area di rigore contro Masoruse. Il calcio di rigore è stato cambiato da Bakasetas nel 57. Poi gli spagnoli non sono riusciti a sfondare la solida difesa della Grecia e tornare in prima linea. La zucca lascia l’amaro in bocca alla gente del posto, poiché i greci hanno messo un solo colpo durante l’intero incontro.

Zlatan per la bellezza del gesto

Più di 1.700 giorni senza una maglietta svedese. Per la sua 117esima scelta, i giganti svedesi sono tornati in nazionale giovedì 25 marzo contro la Georgia, Willie Sanyol. Aspettava con impazienza. Passaggio decisivo sul gol di Clison grazie a un gesto molto gentile (34), ha avuto pochissime occasioni chiare per metterlo in bocca ed è stato un po ‘conservatore. Quindi, il ritorno è senza scintille. Per la prima volta, il tecnico francese Willy Sagnol ei suoi giocatori, da parte loro, non sono stati indegni e hanno mostrato cose molto belle. Grazie a questa vittoria, la Svezia è in testa al Gruppo Due.

♦ Partita pazza in Ungheria

Senza dubbio, un incontro da non perdere! Alla fine di una partita totalmente folle, Ungheria e Polonia si neutralizzano a vicenda. Il futuro avversario dei Blues era troppo duro contro i compagni di squadra Robert Lewandowski. Nonostante tutte le aspettative, l’Ungheria è stata quella che ha aperto le marcature al sesto minuto, prima di aggiungere l’inizio del secondo tempo. Con un vantaggio di 2-0, i polacchi sono stati in grado di alzare la testa e segnare due gol in un solo minuto (61 e 62). Ma gli ungheresi non hanno rabbrividito e sono passati di nuovo davanti a 78. La vittoria sembrava essere nelle tasche dei locali … finché Lewandowski, a sua volta, ha deciso di partecipare! Come promemoria, nelle ultime nove partite con il club e la nazionale, il giocatore del Bayern Monaco ha segnato sistematicamente. Lewandowski ha anche segnato 45 gol in … 41 partite in questa stagione. Insomma, un mostro.

Germania, facile vincitore

L’umiliazione subita dalla Spagna lo scorso novembre (6-0) È già molto lontano dalle menti. Nonostante l’assenza di Toni Kroos, infortunato all’inguine, i futuri avversari della Francia a Euro hanno fatto una buona impressione contro l’Islanda, vincendo 3-0 e dimostrando grande precisione tecnica. Il trio di Monaco ha aperto le marcature al secondo minuto, Joshua Kimmich era in vantaggio e Serge Gnabry è passato al Lyon Goretzka. Cinque minuti dopo, è stato il turno di Kai Havertz a raddoppiare, poi Gündogan a triplicare la posta (56). Radioso, Kimmich si è dimostrato un vero leader. Mannschaft ha un futuro radioso davanti a sé.

Gli inglesi stanno facendo il lavoro molto bene

Nonostante l’assenza di Marcus Rashford per riposarsi dopo un infortunio, la bella nazionale inglese ha vinto in casa (5-0) contro San Marino. La squadra di San Marino, inferiore e spesso dilettantistica, non poteva fare nulla per fermarli. Calvert Lewin, in buone condizioni, ha segnato due gol (21 e 53). Per il suo grande ritorno, Jesse Lingard non riusciva ancora a segnare (non segnava gol dal 18 novembre 2018), ma era molto attivo e aveva grandi possibilità. Da notare anche la prima scelta, il debutto e il primo gol del giocatore dell’Aston Villa Olly Watkins. È difficile da battere.

L’Italia risponde senza splendore

Dopo un inizio di gara difficile, Berardi è arrivato a liberare i compagni con un potente tiro sotto la traversa (14). Ventiquattro minuti dopo, Immobile ha raddoppiato con un rasoterra sul primo palo. Gli italiani non sono riusciti a trovare la rete nel secondo tempo e hanno faticato molto. Ma il punteggio (2-0) è presente ei giocatori di Roberto Mancini iniziano seriamente il Mondiale 2022.

READ  Dopo il Barcellona, ​​il padre di Raiola e Erling Haaland sono arrivati ​​a Madrid

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *