Scoperta di un buco nero stellare supersonico da parte della NASA

Scoperta di un buco nero stellare supersonico da parte della NASA

(Los Angeles) Un buco nero supermassiccio sta attraversando lo spazio a tutta velocità, lasciando dietro di sé una catena di stelle lunga 200.000 anni luce, secondo una scoperta pionieristica annunciata dalla NASA.


Questo enorme mostro, con una massa equivalente a 20 milioni di volte la massa del nostro sole, sfreccia attraverso il vuoto interstellare e si scontra con le nubi di gas sul suo cammino.

Date le enormi forze in gioco, questo gas si trasforma quindi in una serie di stelle, che sono state individuate dal telescopio spaziale Hubble della NASA.

“Pensiamo di vedere la veglia dietro il buco nero mentre il gas si raffredda e può formare stelle”, ha detto in una dichiarazione lo scienziato della Yale University Peter van Dokkum. “Ciò che vediamo sono gli effetti collaterali. Come la scia di una nave, vediamo le conseguenze di un buco nero”.

I ricercatori ritengono che il gas probabilmente si sia riscaldato a causa della collisione con il buco nero, e poi si sia raffreddato dopo essere passato, causando la comparsa di stelle sul suo percorso.

“Il gas di fronte ad esso viene colpito dall’impatto supersonico ad alta velocità del buco nero”, ha detto van Dokkum.

Gli scienziati ritengono che la bestia celeste provenga da un trio interstellare.

Secondo la loro teoria, due galassie potrebbero essersi fuse circa 50 milioni di anni fa, provocando l’orbita di due buchi neri supermassicci.

L’ho scoperto per caso

Ma una terza galassia, con il proprio buco nero, si scontrerà poi con questo ammasso. Abbastanza per creare un trio instabile e caotico, che finisce per espellere uno dei buchi neri a velocità vertiginosa: il mostro individuato da Hubble può percorrere la distanza tra la Terra e la Luna in soli 14 minuti.

READ  iOS 14.4: versione nominata rilasciata!

Per noi poveri mortali non c’è pericolo che venga inghiottito da questo enorme corpo celeste, secondo i ricercatori responsabili della scoperta. Tutto questo è accaduto nello spazio molto tempo fa, quando l’universo aveva la metà della sua età attuale.

Vediamo questo fenomeno oggi, perché ci è voluto così tanto tempo prima che la luce ci raggiungesse.

La scoperta è stata fatta per caso, secondo il signor Van Dokkum.

Usando il telescopio Hubble, lo scienziato lo ha notato […] Una piccola scia” di stelle, “così stupefacente, così luminosa, così straordinaria.” “Era come niente che avessimo visto prima. »

Mai visto prima, questo tipo di buco nero potrebbe non essere solo nell’universo, secondo la NASA.

Il nuovo Nancy Grace Roman Telescope, che dovrebbe essere lanciato in questo decennio, dovrebbe fornire una visione più ampia dello spazio e potrebbe scoprire più scie stellari che indicano la presenza di una di queste stelle giganti.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *