Sconfitta di Benito Mussolini

Riservato agli abbonati

Come finisce un dittatore? Nell’aprile del 1945, dopo tre giorni di disperata fuga, il Duce fu fucilato dai partigiani e il suo corpo fu appeso a testa in giù.





Di François Guillaume Lorraine


sopravvivere. Benito Mussolini, Alessandro Pavolini, dirigente del Partito Fascista (in cappello nero), e Francesco Baracco, Presidente del Consiglio della Repubblica di Salò (bendato), in provincia di Milano, 25 aprile 1945, tre giorni prima della loro morte.

Tempo di lettura: 11 minuti


YuUna colonna di automezzi si è fermata nei pressi di Moso, 50 chilometri a nord di Como, su una strada incuneata tra lago e montagne. Da una parte una decina di partigiani comunisti del 52e Brigata Garibaldi, comandata dal conte Bellini Delle Steele, sotto il nome di battaglia Pedro. Dall’altra, 200 soldati della Flak, l’unità aerea tedesca, più una trentina di SS al comando del tenente Berzer, che trasportava una ventina di comandanti fascisti. In testa al convoglio c’era un’auto blindata guidata da Pavolini, il leader del Partito Repubblicano Fascista. E su questo autobus, ripiegato su una panchina, c’era il corpo di Benito Mussolini, apatico e ancora ignaro che là fuori si giocasse il suo destino.

Dopo diverse sparatorie, Pedro e Valmayr, il comandante della Flak, decidono di andare ai colloqui…


Sostengo

Offerte esclusive: -50% nel primo anno

KEYSTONE FRANCE / GAMMA RAPHO – Farabola / Leemage via AFP – Leemage via AFP – Fototeca Ann Ronan / Photo12 via AFP

READ  Per sostituire il MiG-29, la Polonia potrebbe ottenere aerei da combattimento europei

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.