scienza | I ricercatori di Montreal rivelano il segreto della memoria a lungo termine

Perché ricordi il compleanno di tua madre ma non ricordi dove hai parcheggiato la macchina? Un team di ricercatori guidati dalla McGill University ha appena rivelato uno dei misteri dell’apprendimento a lungo termine.


Alice Gerard Boss

Alice Gerard Boss
Giornalismo

La nostra nuova memoria è molto fragile e soggetta a interferenze e dimenticanze. Per diventare stabili e persistenti nel tempo, devono subire un fenomeno mnemonico che può protrarsi per diversi mesi. Questo consolidamento consiste in una graduale riorganizzazione dei circuiti neurali. Questo è ciò che ci permette di imparare a lungo termine.

Da anni si sa che la sintesi proteica gioca un ruolo importante nel consolidamento della memoria. Un team di ricercatori guidati dalla McGill University ha scoperto questa proteina. Questa svolta potrebbe contribuire allo sviluppo di trattamenti preventivi e post-diagnostici contro i disturbi che includono deficit di memoria come il morbo di Alzheimer e l’autismo. Secondo Vijendra Sharma, autore principale dell’articolo pubblicato sulla rivista natura,” Questo potrebbe portare a nuovi interventi terapeutici volti a migliorare la memoria”.

Sintesi proteica

Per studiare l’effetto della sintesi proteica sulla memoria, il team di ricercatori ha modificato geneticamente la via eIF2α dei topi transgenici (una via molecolare è una serie di azioni che possono portare all’assemblaggio di nuove molecole come una proteina). “La mutazione di questo percorso porta a una migliore sintesi proteica”, afferma Vijendra Sharma. Secondo studi precedenti, questo percorso sarà un componente determinante nelle malattie del neurosviluppo e neurodegenerative.

Nel processo di consolidamento della memoria sono coinvolte due reti: la rete dei neuroni eccitatori e la rete dei neuroni inibitori. “L’equilibrio tra eccitazione e inibizione regola la funzione cerebrale e la formazione dei ricordi”, spiega Vijendra Sharma.

READ  Watch: When the astronauts on the International Space Station celebrate Christmas in space and Santa visits them

I ricercatori hanno prima stimolato la sintesi proteica attraverso la via eIF2α nei neuroni eccitatori dell’ippocampo. Oltre a provocare un cambiamento nelle sinapsi, che è il punto in cui i neuroni si connettono tra loro, questa stimolazione ha migliorato la formazione della memoria.

Poi hanno riprodotto lo stesso processo con i neuroni inibitori. Hanno osservato che stimolando una specifica classe di neuroni inibitori, i neuroni della somatostatina endogena, si verificava un aumento della memoria a lungo termine modulando la plasticità delle connessioni neuronali.

neuroni inibitori promettenti

Secondo Vijendra Sharma, è fantastico poter dimostrare questo nuovo ruolo dei neuroni inibitori. Fino ad ora, i ricercatori hanno ipotizzato che il percorso eIF2α regola la memoria solo attraverso i neuroni eccitatori.

In molti modelli di autismo e disturbi del neurosviluppo, le mutazioni genetiche alterano l’attività delle vie molecolari [comme eIF2α], che può portare a inflessibilità comportamentale e deterioramento cognitivo.” Pertanto, questa scoperta sul percorso eIF2α può consentire di indirizzare meglio i seguenti interventi terapeutici per migliorare la memoria.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *