Sanzioni USA | “Ci saranno altri a meno che non ci sia un cambiamento importante a Cuba”.

(Washington) Venerdì gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni alla polizia cubana e Joe Biden, sotto pressione su questo tema politico scottante, ha promesso ulteriori misure da seguire a meno che non ci fosse un cambiamento “significativo” a Cuba.




In risposta a una domanda sulle sanzioni aggiuntive, il presidente degli Stati Uniti ha risposto, a margine di un incontro alla Casa Bianca con rappresentanti statunitensi di origine cubana: “Ce ne saranno altri, a meno che non ci sia un grande cambiamento a Cuba, che io non aspettare.”

Il Tesoro cubano ha annunciato che venerdì gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni a due alti funzionari della polizia cubana, nonché all’intera Polizia nazionale rivoluzionaria, per la loro partecipazione alla repressione delle recenti proteste contro il governo cubano.

Il direttore del PNR Oscar Callejas Valcars e il vicedirettore Eddy Sierra Arias, accusati di “gravi violazioni dei diritti umani”, sono stati aggiunti alla lista nera degli Stati Uniti.

Le loro potenziali attività negli Stati Uniti saranno congelate e l’accesso al sistema finanziario statunitense sarà d’ora in poi bloccato.

“Il Tesoro continuerà a sanzionare e ad identificare per nome coloro che facilitano gravi violazioni dei diritti umani da parte del regime cubano”, ha osservato Andrea Jacqui, Direttore della principale unità di sanzioni del Tesoro.

“Le azioni di oggi mirano a ritenere responsabili i responsabili della repressione delle richieste di libertà e rispetto dei diritti umani del popolo cubano”, ha aggiunto.

Cuba, con la voce del suo ministro degli Esteri Bruno Rodriguez, nel processo ha rifiutato “fortemente” di includere il Registro nazionale e i suoi funzionari in elenchi ritenuti “falsi”.

READ  Trump ritiene Biden responsabile dei progressi dei talebani in Afghanistan

“Queste misure arbitrarie si aggiungono alla disinformazione e all’aggressione per giustificare un blocco disumano di Cuba”, ha scritto il ministro su Twitter, riferendosi all’embargo di Washington sull’isola dal 1962.

” Vergogna ”

L’11 e il 12 luglio migliaia di cubani hanno manifestato, cantando “Abbiamo fame” o “Abbasso la dittatura”.

A conclusione di queste manifestazioni, le più importanti dalla rivoluzione che portò Fidel Castro al potere nel 1959, furono arrestate circa 100 persone, secondo diverse organizzazioni di opposizione.

Washington ha immediatamente condannato questa repressione e ha sostenuto i manifestanti, promettendo di aiutare i cubani.

Ma Joe Biden si è trovato sotto crescente pressione da parte del Congresso e della grande comunità cubano-americana per intraprendere azioni più realistiche.

Così il 22 luglio il Tesoro ha annunciato una prima serie di sanzioni finanziarie contro il ministro della Difesa cubano Alvaro Lopez Meira e i “Berretti Neri”, unità speciale del ministero dell’Interno schierata durante le manifestazioni.

Ma l’impatto di queste sanzioni, oltre a quelle più generali, che hanno già preso di mira l’isola caraibica per decenni, è molto limitato, soprattutto perché il Dipartimento degli Interni nel suo insieme era già nella lista nera degli Stati Uniti.

“Sentiamo le vostre voci. Ascoltiamo gli appelli alla libertà”, ha detto venerdì il presidente degli Stati Uniti, denunciando ancora una volta il “regime comunista fallito (cubano)”.

Ha osservato che sono allo studio altre misure di sostegno. Gli Stati Uniti, in particolare, stanno studiando modalità per garantire l’accesso gratuito a Internet sull’isola.

Washington vuole anche assicurare che le rimesse inviate dalla comunità cubana all’estero, che, secondo gli americani, sono in parte rimesse dall’esercito cubano, giungano a destinazione.

READ  incendi boschivi | La Grecia si è trasformata in una "polveriera", e in Turchia la crisi continua

Ma il presidente democratico, che si schiera così volentieri, ha poche possibilità di radunare i repubblicani dietro di sé.

Quest’ultimo, a lungo associato a dure critiche al regime comunista, non ha mai smesso di ricordare a Joe Biden che Barack Obama, allora vicepresidente, aveva cercato di perseguire una politica di apertura con L’Avana.

I Democratici sono deboli nei confronti di Cuba, che diffonde le menzogne ​​della propaganda antiamericana del regime comunista. Venerdì, il Comitato nazionale repubblicano ha commentato in una dichiarazione: La mancanza di assertività di Biden è una vergogna.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *