Putin firma un decreto per facilitare il soggiorno degli ucraini

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che semplifica la residenza e il lavoro di centinaia di migliaia di persone che hanno lasciato l’Ucraina per la Russia dopo l’intervento militare del Cremlino.

• Leggi anche: Pericolo di “spruzzo di materiale radioattivo” presso la centrale elettrica di Zaporizhia

• Leggi anche: La Russia blocca l’adozione di un testo sul disarmo nucleare

Secondo queste nuove “misure temporanee”, pubblicate sabato, i titolari di passaporto ucraino, così come i residenti delle regioni separatiste filo-russe di Donetsk e Luhansk, nell’Ucraina sudorientale, potranno soggiornare in Russia “senza fissare scadenze” .

Finora, possono rimanere ufficialmente in Russia solo per 90 giorni in un periodo di 180 giorni. Per soggiorni lunghi era necessario ottenere un permesso di lavoro o un permesso speciale.

Gli interessati hanno ora il “diritto di svolgere attività professionale in Russia senza permesso di lavoro”, definisce il decreto.

Tuttavia, per trarre vantaggio da questa procedura, dovranno sottoporsi a impronte digitali, ID con foto e screening di farmaci e malattie infettive.

Il testo vieta anche l’espulsione dei cittadini ucraini dalla Russia, ad eccezione di coloro che sono stati scarcerati o che si ritiene minaccino la sicurezza della Russia.

Con un decreto separato, Vladimir Putin ha ordinato il pagamento dell’assistenza sociale alle persone vulnerabili (pensionati, disabili, donne incinte) che hanno dovuto lasciare l’Ucraina e i territori separatisti.

Secondo Mosca, 3,6 milioni di persone, inclusi 587.000 bambini, sono fuggite dall’Ucraina in Russia dall’attacco su larga scala del Cremlino a Kiev alla fine di febbraio. Le autorità russe incoraggiano questi viaggi e hanno aperto centri di accoglienza in tutto il paese.

READ  "Giugno" | Il Congresso degli Stati Uniti approva un giorno festivo per segnare la fine della schiavitù

Alcuni di questi rifugiati, spesso con l’aiuto di attivisti, sono riusciti a lasciare la Russia per l’Unione Europea.

A luglio, il Cremlino ha reso più facile per gli ucraini ottenere la cittadinanza russa, una misura denunciata da Kiev come un modo per affermare l’influenza di Mosca nei territori occupati.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.