Niente paura per Rabiot, causa infortunio, prima della sua reunion con il PSG

Uscito per infortunio nell’ora di gioco contro la Roma, Adrien Rabiot ha riportato solo crampi. Nulla potrebbe mettere in discussione la sua presenza al Parc des Princes tra dieci giorni, in Champions League, il 6 settembre (su RMC Sport 1).

A dieci giorni dall’atteso incontro con il Paris Saint-Germain al Parc des Princes, in Champions League (6 settembre, su RMC Sport 1), l’uscita del francese Adrien Rabiot per infortunio ha fatto temere un possibile accordo con la Juventus. Siamo lontani dall’anticipo perché secondo i primi echi in Italia, il centrocampista della nazionale, sostituito per un fastidio alla coscia sinistra, ha sofferto di contratture solo prima dell’uscita. I crampi potrebbero essere legati alle voci sul suo futuro e alla sua possibile partenza per il Manchester United, secondo il suo allenatore.

>> Scopri le offerte di RMC Sport per seguire in diretta PSG-Juve

La sostituzione all’ora ha comunque coinciso con il calo della sua squadra tenuto in rete (1-1) contro la Roma. Autore di un’ottima prestazione di centrocampo, dentro la partita più del solito, Rabiot è stato particolarmente sanguinante nel primo periodo, raccogliendo il punteggio di 6 sulle colonne della Gazzetta dello Sport e sul sito Sky Sport Italia. Ha anche elogiato il suo allenatore, Massimiliano Allegri. Così, il tecnico italiano ha stimato che i francesi hanno giocato una “partita fantastica”.

Torna a Chachute Park?

Come è noto il sorteggio della Champions League, alcuni individui che si presentano come tifosi del Paris Saint-Germain evocano tra loro l’accoglienza dell’ex giocatore dell’ex club, che alcuni già immaginano sia particolarmente gradita. Altri hanno suggerito l’indifferenza generale. Un progetto che non durerà a lungo se, come vuole la tradizione, il centrocampista in questa occasione segnasse un gol contro la sua ex società.

READ  La prima recensione positiva di Roman Bardet

A meno che il suo ritorno al bunker del Paris Saint-Germain non sia coperto da un’accoglienza regale che potrebbe essere riservata all’angelo di Di Maria, se quest’ultimo può fare il viaggio. Perché è attualmente infetto (primo piano). Il confronto tra Juventus e Paris Saint-Germain sarà un ricongiungimento tra il club della capitale e molti dei suoi ex giocatori, tra cui Moise Kean e il nazionale argentino, il miglior giocatore nella storia del Paris Saint-Germain. Un gruppo a cui si può aggiungere Leandro Paredes in partenza.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.