Protesi decorate per meglio accettare la disabilità

Protesi decorate per meglio accettare la disabilità

L’ortopedico ha deciso di offrire alle persone con apparecchi acustici di vestire le loro protesi in diversi modelli per “infrangere i codici”. Abbiamo seguito Leah, 2 anni e mezzo, perché era impaziente di scoprire la sua protesi.

Cecil Geary Riquet

ha scritto su

Progettare protesi per accettare meglio la disabilità.
Health Mag – Francia 5

Oggi, Leah ei suoi genitori stanno aspettando un appuntamento che non vedono l’ora. Leah ha due anni e mezzo ed è nata con a La mancanza di formazione del piede A sinistra, cioè, il suo piede non si è sviluppato durante la gravidanza. Per camminare serve una protesi che si rinnovi regolarmente.

“Lo facciamo circa ogni tre mesi perché la gamba di Leah sta crescendo e anche lo spazio tra il suolo e l’estremità della sua gamba sta crescendo. Prima era di 3 cm e ora ne abbiamo 4”spiega Marion Merlyn, ortopedico della Fondazione Hubal (62).

Catalogo di 300 modelli

Con ogni nuova protesi, un nuovo decoro. I motivi marini stupiscono la bambina. “Per noi ora è come un accessorio. All’inizio tendevamo a fare il tono della pelle in modo che non si vedesse e poi lo nascondessimo, ma ora perché non abbellirlo e assicurarci che piaccia a Lia?”dice Laura Michaud, la madre della ragazza.

Fu a Roubaix, nello studio dell’artista, che Simon Colin sviluppò questa idea originale. Ortodontista Formazione, ha voluto offrire un’alternativa alla tradizionale imitazione della pelle. Fornisce ai pazienti un indice di 300 campioni di riferimento. Tribale, robotico, grafico, divertente… ce n’è per tutti i gusti.

READ  Pensava che suo marito la stesse tradendo prima di apprendere una verità devastante

Sostegno alle persone con disabilità

“La protesi non è attraente, ha un lato oscuro, non è molto glamour, non è molto divertente. Per me era importante progettare qualcosa che facesse davvero parte della vita quotidiana di una persona”afferma Simon Cullen, fondatore di U-Exist.

Queste medicazioni personali consentono al paziente di assumere la propria disabilità e di rivendicarla agli occhi degli altri.

Modelli che attirano l’attenzione e la simpatia

“Ci siamo resi conto che mettendo davvero il colore, cattura l’attenzione e le persone erano più aperte, facendoci più domande. È magico, ogni volta che scopre la protesi, sorride e sorridiamo anche noi. La vedo felice.”E dice Alexandre Michaud, il padre di Leah.

La decorazione della protesi è gratuita quando fa parte del catalogo, e costa una cinquantina di euro quando è personalizzata.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *