Pro D2 – Giocatore della settimana: “In Italia non si mangia pasta nei giorni delle partite”, Mathieu Guillomot (Valence-Romans) ripercorre la sua esperienza transalpina

Pro D2 – Giocatore della settimana: “In Italia non si mangia pasta nei giorni delle partite”, Mathieu Guillomot (Valence-Romans) ripercorre la sua esperienza transalpina

Francia-Italia è sempre una partita speciale per Mathieu Guillomot. E non a caso, il centro dei Valence-Romans è uno dei rari giocatori francesi ad aver giocato d'Oltralpe. Ripercorre un'esperienza a volte sorprendente ma soprattutto arricchente.

Che visione abbiamo, in Francia, del rugby in Italia? Oltre a, ingrandendone i lineamenti, quello di Sergio Parisse, Diego Dominguez e Ange Capuozzo,una selezione nazionale iscritta al cucchiaio di legno nel Torneo e club spesso schiaffeggiati in campionato e in Coppa dei Campioni? Dopo una stagione 2017 con nove partite in Pro D2 con il Carcassonne, Mathieu Guillomot ha deciso di varcare le Alpi. Un salto nell'ignoto, ovviamente. Soprattutto perché non ha firmato né per la Benetton Treviso né per le Zebre di Parma. Né dentro un club d'elite locale. Ha firmato in Seconda Divisione, in Serie A, Rugby Lione Piacenza. Trascorrerà tre stagioni nel club Plaisance (2017-2020), in versione francese, prima di tornare in Francia per un nuovo progetto sportivo, a Massy (2020-2023) poi a Valenza-Romani dall'ultima bassa stagione.

Leggi anche:
6 Nazioni 2024 – Esclusiva. Diego Dominguez: “La vittoria del 1997 contro il XV francese mi cambiò la vita”

È arrivato in un campionato di D2 al quale si qualifica eterogeneo. In alcune società erano dilettanti, studenti, professionisti in riconversione, mentre noi eravamo quasi tutti professionisti. Molto rapidamente, ha scoperto uno sport che non entusiasma le folle… “In qualsiasi divisione, la gente preferisce il calciolui dice. Quelli che vengono sono i vecchietti, le persone che sono lì da tanto tempo, che sono attaccate alla città e al club. Ma è comunque un po' confidenziale… Se ci fossero 500 o 1.000 persone sarebbe il massimo. È catastrofico!” Alcuni club attualmente nell'élite, come Mogliano o Venezia, non hanno nemmeno uno stadio da 1.000 posti. Così nell'anticamera della D1… Se i tifosi non sono numerosi, l'atmosfera resta calda e gli stranieri coccolati. “Ecco perché sono rimasto, l'accoglienza è stata incredibile! Quando la mia famiglia e i miei amici sono venuti a trovarmi, era stato programmato un pranzo al club! Mi hanno anche mostrato i posti da visitare al mio arrivo. Dato che il rugby non è molto sviluppato, gli italiani sono più orientati alle persone, ai valori di questo sport per differenziarsi dal calcio”dettagli al centro.

READ  Giro d'Italia - La 21a tappa, un cronometro per concludere questo 104 ° Giro

Due partite con le Zebre del Parma

Per Mathieu Guillomot il livello aumenta ogni anno nelle prime due divisioni italiane. Propone una regola per argomentare la sua tesi. È fissata una quota di quattro giocatori stranieri. Ma da oggi gli argentini con passaporto italiano non rientrano più in questa regola. Sono quindi in tanti ad aderire allo Stivale.

Dopo due stagioni, il francese e la sua squadra sono campioni della D2 italiana, con 19 punti nella finale dell'allora apertura. Nella prima divisione, lì c'erano solo club professionistici. Gli stadi, le infrastrutture, le palestre, era meglio. Questo è vicino al National o al Pro D2. C'erano parecchi ragazzi che venivano dal Super Rugby, dal campionato inglese. Spesso c'erano cinque o sei stranieri in posizioni chiave, anche se a referto ne sono consentiti quattro. C'è stato uno sforzo di fatto sugli stipendi degli stranieri”lui continua.

Con il Lione di Piacenza, le tigri VRDR per Mathieu Guillomot

Anche al piano superiore, il rugby non attira più spettatori. Anche gli incontri di Squaddra Azzurra non sono eventi di rilievo. Le partite sono a Roma ma non c'è fervoredice il 30enne. Il rugby è una cosa importante nel nord. Ci sono due club a Roma e poi è finita. Il luogo di riproduzione è nel trevigiano. Insomma gli italiani stanno a guardare ma non c'è fervore, nessuna bandiera per strada. Guardavamo insieme le partite, ma niente di più”.

Giocatori di altre squadre della Pro D2 mi hanno già scritto per chiedere informazioni, per sapere come stanno le cose e per sapere se ho dei contatti.

Pochissimi francesi hanno vissuto, come Mathieu Guillomot, il campionato italiano, o anche un altro campionato straniero. Non è sorpreso: “Francia, rimaniamo il Paese in cui, in molti settori, si può fare bene a livello finanziario.” Consiglia comunque di lasciare la Francia per vivere l'esperienza del rugby. “Ho tanti compagni di squadra che mi hanno messo in discussionelui continua. Giocatori di altre squadre della Pro D2 mi hanno già scritto per chiedere informazioni, per sapere come stanno le cose e per sapere se ho dei contatti. Quelli che ho li regalo, conosco agenti italiani e qualche dirigente. Se posso aiutare a costruire questo ponte…” Perché questa esperienza gli ha quasi aperto una bellissima porta URC.

In Italia è affiliato ogni club di prima divisione una delle due province del paese. Il suo club è legato alle Zebre di Parma. “Ogni annogioca di nuovo, nel pre-campionato prendono i giocatori di questi club per i test. Dopo tre settimane l’allenatore mi disse che mi avrebbe fatto firmare con loro”. Ma il contratto di locazione tarda ad arrivare nelle sue mani. I due club italiani che militano nell'URC sono finanziati dalla federazione italiana, che emette i contratti. “Anche se l'allenatore e il presidente del Parma erano d'accordo, la federazione non ha voluto firmare il mio contratto perché potenzialmente avrei preso il posto di un italianolui spiega. Pensavano che ci fossero troppi stranieri nella squadra. Solo che non c'era un italiano pronto al mio posto! Le Zebre hanno aggirato la regola prendendomi in prestito”. Il centro VRDR gioca addirittura due amichevoli con il suo nuovo club, contro Benetton e Grenoble. “Ma prima della trasferta a Cardiff, nel campionato dove avrei dovuto giocare, la società mi annunciò che era morta… Quando la federazione se ne accorse, decise di cambiare il regolamento: solo i giocatori italiani adesso potranno essere convocati. prestato in provincia dai club”, lui spiega. In Italia, in un certo senso, è stata creata una legge Guillomot…

I ragazzi mangiano pasta in continuazione, alcuni a pranzo e a cena per quattro giorni di seguito

Nonostante questo intoppo, non rimpiange assolutamente l'esperienza di vita del licenziamento in un club straniero, dopo aver condotto per tre anni la dolce vita in Italia. E questo, nonostante una situazione inaspettata: “I ragazzi mangiano pasta in continuazione, alcuni a pranzo e a cena per quattro giorni di seguito. Ma il giorno della partita non è permesso mangiarla! In Francia c'è pasta e pollo. Lì, con il pollo, c'era riso o purè di patate, ho chiesto il motivo, non sapevano bene perché… visto che lo mangiano sempre, hanno deciso di cambiarlo nei giorni delle partite, ma io lo mangio solo nei giorni in cui gioco! Quindi all'inizio mi ha sconvolto”lui finisce.

Se gioca contro Brivequesto venerdì alle 19,30 ci assicura: mangerà tanta pasta prima dell'incontro!

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *