Polemica sulla privacy, WhatsApp posticipa di 3 mesi le nuove regole

Per quanto riguarda la “confusione” che si è creata intorno al recente aggiornamento, WhatsApp afferma che c’è stata “molta disinformazione che ha causato preoccupazione” e afferma di voler “aiutare tutti a comprendere i nostri principi e fatti”.

WhatsApp: “Proteggeremo le conversazioni personali” “WhatsApp – continua – è stato costruito su un’idea semplice: ciò che condividi con i tuoi amici e la tua famiglia rimane tra di voi. Ciò significa che proteggeremo sempre le tue conversazioni personali con crittografia end-to-end, in modo che né WhatsApp né Facebook possano vedere questi messaggi privati. Ecco perché non conserviamo i registri delle persone che inviano messaggi di testo o chiamano. Inoltre, non possiamo vedere la tua posizione condivisa e non condividiamo i tuoi contatti con Facebook “.

“Con questi aggiornamenti, nulla di tutto ciò sta cambiando. Invece, l’aggiornamento include nuove opzioni che le persone dovranno inviare messaggi a un’azienda su WhatsApp e fornisce ulteriore trasparenza su come raccogliamo e utilizziamo i dati. Anche se non tutti oggi. Acquisti tramite WhatsApp, crediamo che più persone sceglieranno di farlo in futuro ed è importante che le persone siano consapevoli di questi servizi. Questo aggiornamento non espande la nostra capacità di condividere dati con Facebook “.

“WhatsApp ha contribuito a portare la crittografia end-to-end a persone in tutto il mondo e ci impegniamo a difendere questa tecnologia di sicurezza ora e in futuro”, spiega WhatsApp in un comunicato.

READ  Verona-Inter, conferenza stampa di Antonio Conte

Facebook ha acquistato WhatsApp nel febbraio 2014. Negli ultimi mesi, l’interazione tra le due app è finita sotto la lente di ingrandimento dei regolatori di tutto il mondo.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *