Pinot in Italia, Démare e Gaudu in prima linea: Groupama-FDJ rimescola le carte

“La Parigi-Nizza è una gara entusiasmante, ed è spesso il primo obiettivo dell’anno“, osserva Frédéric Guesdon, il cui Groupama-FDJ rende indubbiamente la corsa al sole un incontro importante … il che non gli impedisce di presentarsi domenica al via di Saint-Cyr-L’École senza la sua migliore risorsa per la tappa gare, Thibaut Pinot.

“Riusciamo ad avere capolista a Parigi-Nizza e Tirreno, cosa che non era necessariamente il caso di qualche anno fa”, preferisce osservare Guesdon, che da domenica dovrà guidare il duo formato da Arnaud Démare e David Gaudu verso il successo. È anche su di loro che a luglio riposeranno le ambizioni della squadra francese, Pinot preferendo curare i suoi infortuni lontano dalle gare della maglia gialla.

Parigi – Nizza

Itinerario, mappa, preferiti: tutto quello che c’è da sapere sull’edizione 2021 della Parigi-Nizza

15 ORE FA

Non è la prima volta che il Franc-Comtois privilegia la Tirreno-Adriatico e il Giro ai loro omologhi francesi, ma aveva debuttato sulla Parigi-Nizza nel 2020. Era solo un anno fa, in una sorta di tour esagonale prima the Great Loop, e ha preso il 5 ° posto mentre Démare ha vissuto un primo confino dopo la sua partecipazione all’UAE Tour. Da allora il mondo è cambiato. E anche il Groupama-FDJ, a suo modo.

David è in grado di volare con le sue ali

In un anno la traiettoria che doveva portare il Pinot sulle più belle vette di luglio è scivolata malamente sulla pista di pattinaggio di Nizza. Lontano dal Tour, Arnaud Démare si è affermato come il corridore che più spesso alza le braccia nei pelotoni professionisti. E David Gaudu si è guadagnato le sue strisce da leader con una Vuelta di grande successo (2 vittorie in montagna, 8 ° assoluto).

READ  solo tallone e punta. Lukaku ... "

Il piccolo bretone, a lungo covato dal Pinot, ha vinto anche lo scorso fine settimana, nella classica Faun-Ardèche. Ora è l’unico pilota Groupama-FDJ ad aver vinto nel 2021. E a giudicare dalla tranquillità che ha mostrato lunedì al microfono del Bistrot Vélo, non sono le sue nuove responsabilità a preoccuparlo.

Gaudu: “Con Pinot, non ci siamo mai sparati e funziona”

David è in grado di stare in piedi da solo“, sostiene Frédéric Guesdon. Si parte dalla Parigi-Nizza e sarà il caso del Tour, dove Gaudu spera di vincere una tappa di montagna e perché no di firmare una bella classifica generale. Per la sua quinta stagione professionistica le aspettative rimangono basse. sotto quelli che hanno accompagnato Pinot sin dai suoi punti di forza sui Pirenei nel 2019. E il giovane alpinista è molto circondato.

Sulla Parigi-Nizza Gaudu potrà contare sul compagno Bruno Armirail, che lo ha accompagnato in particolare nei bei tiri sulla Vuelta. Il resto della squadra lavorerà soprattutto in piano. Sono quattro i componenti del treno che ha portato Démare alle sue quattro vittorie in volata all’ultimo Giro: Jacopo Guarnieri, Ramon Sinkeldam, Miles Scotson e Ignatas Konovalovas.

Rudy Molard e Thibaut Pinot (Team Groupama – FDJ) durante il Tour Var e le Alpi Marittime 2021

Credito: Getty Images

La pressione torna all’inizio

Con le sue serie di successi e la sua vasta esperienza, Démare rimane il leader da cui ci aspettiamo le più serie garanzie di successo. Non ha ancora alzato le braccia quest’anno, ma “l’obiettivo è Parigi-Nizza“, assicura Frédéric Guesdon. “Faremo il punto sul traguardo e lui passerà a delle classiche molto buone. Sanremo, Gand, Roubaix, queste sono gare dove ha già ottenuto risultati. È ancora obbligato a fare alcune classiche”.

Dopo i successi dello scorso anno, la priorità resta data allo sprint di questa stagione. “Ci rendiamo conto che non dobbiamo diversificare troppo, essere davvero nel nostro campo”, giustifica Guesdon. Dopo aver domato Sagan al Giro, Démare ha testato questa strategia contro Sam Bennett e Pascal Ackermann, tra gli altri, alla Parigi-Nizza, prima di puntare alla terza vittoria di tappa del Tour quest’estate.

È più difficile riporre tali aspettative in Thibaut Pinot mentre si lamentava ancora del mal di schiena per il suo recupero. Il Franc-Comtois deve soprattutto trovare i mezzi per sfogare la sua rabbia per vincere. Vuole questo podio finale che gli è sfuggito crudelmente al Giro. Più avanti nella stagione, i suoi sogni olimpici potrebbero permettergli di stringere un nuovo rapporto con il pubblico francese, prima di tornare alla Grande Boucle.

“Guardando il tour in TV, ho capito che volevo tornarci al 100%“, ci ha spiegato nella primavera del 2019, prima di firmare un brillante ritorno pochi mesi dopo. A quasi 31 anni, sta riprendendo le distanze. Per tornare meglio? Intanto Groupama-FDJ conta su Arnaud Démare e David Gaudu.

Parigi – Nizza

Roglic, Geoghegan Hart, Gaudu, Démare … le sfide per gli headliner

03/04/2021 alle 22:49

Parigi – Nizza

Gaudu: “Vedermi vincere Parigi-Nizza è un po ‘troppo”

03/04/2021 alle 22:48

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *