Piano di recupero La situazione di stallo al Senato degli Stati Uniti è stata superata, ma i negoziati sono tutt’altro che conclusi

(Washington) Venerdì il Senato degli Stati Uniti si è impegnato in lunghi negoziati per approvare il pacchetto di stimoli da quasi 1900 miliardi di dollari che Joe Biden vuole, la prima priorità del nuovo presidente.




Julie Chabanas
France Media

Dopo nove ore di paralisi, i Democratici e la Casa Bianca hanno convinto il senatore moderato a votare un elemento chiave di questo gigantesco piano di aiuti, che dovrebbe salvare la prima economia mondiale duramente colpita dalla pandemia.

“Questo accordo ci permette di andare avanti con il piano di stimolo americano, di cui abbiamo un disperato bisogno”, ha stabilito la Casa Bianca dopo il suo annuncio, con la voce della sua portavoce, Jane Psaki.

Ma i negoziati non sono ancora finiti.

I senatori si stanno preparando per iniziare il “voto Rama”, un processo a maratona in cui possono proporre emendamenti e chiedere un voto su ciascuno. Un’opportunità per l’opposizione repubblicana, che ritiene queste misure troppo costose e non sufficientemente mirate, di sporgere denuncia.

Ma i Democratici hanno una maggioranza esigua al Senato e il loro leader Chuck Schumer giovedì era convinto che avrebbe potuto approvare il piano “questa settimana”, che include assegni per $ 1.400 a milioni di americani, oltre a $ 350 miliardi in aiuti a gli Stati. E le comunità locali.

Il testo tornerà quindi alla Camera dei rappresentanti democratica per il voto finale, prima che il presidente Biden possa ratificarlo.

Quest’ultimo ha ferito la necessità di adottarlo senza indugi, mitigando l’entusiasmo creato dai buoni numeri sull’occupazione negli Stati Uniti svelati venerdì, segno di una piccola ripresa economica in primavera.

READ  Sergei Mingut: A Spanish mountaineer died after falling from K2

Bar e ristoranti stanno assumendo

A febbraio sono stati creati 379.000 posti di lavoro, quasi il triplo di quelli di gennaio, ha annunciato in mattinata il ministero del Lavoro.

Ma ci vorrà del tempo per tornare ai livelli pre-pandemici: 18 milioni di americani stanno ancora ricevendo benefici, dopo aver perso il lavoro o visto il calo del loro reddito.

Senza l’accordo su un piano di stimolo, gli aiuti a milioni di loro potrebbero terminare a metà marzo.

Il presidente degli Stati Uniti ha avvertito che “di questo passo, ci vorranno due anni per rimettersi in sesto” e ripristinare il livello di febbraio 2020.

I bar e i ristoranti, che hanno sofferto particolarmente dall’inizio della crisi, sono più di quanto affittati nell’ultimo mese. In effetti, il divieto di servire cibo al coperto è stato allentato in alcune aree.

Anche altre attività legate alla ricreazione e all’alloggio, nonché ai servizi sanitari, al dettaglio e alla produzione, hanno creato nuovi posti di lavoro.

Le aziende del paese si stanno posizionando particolarmente sul campo di battaglia per il dichiarato mini-boom economico.

Dalla primavera, infatti, i consumi devono balzare, spinti dalle vaccinazioni effettuate a pieno ritmo, e dagli aiuti pubblici distribuiti dall’inizio della crisi che, insieme alla riduzione della spesa, hanno popolato i conti bancari degli americani, in particolare quelli dei più ricchi . .

Secondo Joe Biden, i buoni numeri di creazione di posti di lavoro sono sicuramente dovuti al piano di stimolo da 900 miliardi di dollari adottato alla fine di dicembre e firmato dal suo predecessore, Donald Trump.

Ha avvertito che senza nuovi aiuti tutto questo “rallenterebbe”, “non possiamo fare un passo avanti e due indietro”.

READ  Russia: Navalny afferma di essere stato "torturato" durante la detenzione per privazione del sonno

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *