Perché la Torre di Pisa è pendente?

Perché la Torre di Pisa è pendente?
  • L'inclinazione della Torre di Pisa è dovuta alla subsidenza della Terra.
  • Sono stati fatti diversi tentativi per correggerlo nel corso della sua storia.
  • È stata registrata la prima vittoria negli ultimi 30 anni.

No, la Torre di Pisa non è l'immaginazione di un pazzo architetto del XII secolo: i suoi progettisti volevano che fosse diritta come la lettera “i”, ma il destino ha deciso diversamente. Una benedizione sotto mentite spoglie: questo incidente ha conferito all'edificio uno status internazionale a vantaggio del turismo. Ma attenzione a non cadere: la torre non deve crollare per sempre.

Difetto strutturale

Quando iniziarono i lavori, nell'anno del Signore 1113, l'architettura non era ancora arrivata all'avanguardia della sua arte: i progettisti della Torre di Pisa avevano dimenticato di tenere conto di un elemento essenziale del loro sistema: i pavimenti. Profondamente sommerso dall'acqua, non era in grado di fornire il supporto stabile necessario all'edificio alto 55 metri.

I problemi sono iniziati molto rapidamente

La costruzione non era ancora completata e l'edificio cominciava già ad inclinarsi. La costruzione dell'edificio richiese quasi due secoli, durante i quali continuò ad inclinarsi sempre di più. Possiamo ammirare la caparbietà degli architetti: invece di abbandonare tutto (letteralmente), hanno raddoppiato il loro ingegno nel tentativo di limitare i danni.

Recupero ritardato

Nel 1983 nel film Superuomo 3, l'Uomo d'Acciaio raddrizzò la Torre di Pisa con un semplice movimento del polso. Ci vorrebbe qualcosa in più per ottenere un risultato inferiore, ma tra il 1993 e il 2001 gli specialisti che lavorarono al progetto riuscirono ad aumentare di 41 cm rispetto all'asse verticale dell'edificio. Questo successo ha permesso di riaprire al pubblico il monumento, al quale non era più consentito mettervi piede dal 1990.

READ  "Sono più bello di Cristiano Ronaldo"

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *