‘Oumuamua Trail finalmente spiegato | Per informazioni

‘Oumuamua Trail finalmente spiegato |  Per informazioni

Scoperto nel 2017, ‘Oumuamua passerà alla storia come il primo oggetto del sistema extrasolare mai osservato. Per quattro mesi, gli astrofisici hanno monitorato continuamente questo “UFO” e raccolto un’enorme quantità di dati, finché non è scomparso nella periferia del sistema solare, fuori dalla portata degli strumenti. La sua traiettoria, o meglio la sua abnorme accelerazione, ha lasciato perplessi i ricercatori: non può essere spiegata dalla sola influenza gravitazionale del sistema solare! Molte teorie sono state avanzate, più o meno serie. Jennifer Bergner, dell’Università della California, Berkeley, e Daryl Seligman, della Cornell University, hanno indagato sulla questione e ora offrono uno scenario affidabile.

La spiegazione più semplice riguarda un classico fenomeno delle comete: il degassamento. Quando una cometa si avvicina al Sole, la sua superficie ghiacciata evapora e i gas vengono espulsi nello spazio, formando una coda. Questa espulsione esercita una piccola forza aggiuntiva che influenza la dinamica della cometa. Il problema: non è stata rilevata alcuna traccia di una coda o addirittura di un involucro di gas che si diffondeva intorno a ‘Oumuamua. L’oggetto sembrava un asteroide, soggetto esclusivamente alle forze gravitazionali. Pertanto, gli specialisti hanno offerto altre spiegazioni. Uno si riferisce al suo trucco e alla sua struttura, immaginando Oumuamua come un “coniglietto di polvere”. Media Avi Loeb, del Center for Astrophysics di Harvard e dello Smithsonian, ha persino affermato che potrebbe trattarsi di un’astronave extraterrestre, una specie di vela solare … Ma nessuno di questi argomenti stravaganti ha raggiunto il consenso.

Jennifer Bergner e Daryl Seligman ne offrono una nuova interpretazione meno eclettica. Hanno adottato l’idea del vuoto, ma utilizzando idrogeno molecolare invece di ghiaccio e vapore acqueo. Lo scenario è il seguente: ricco di ghiaccio d’acqua, come una cometa, ʻumuamua avrà lasciato il sistema di nascita delle stelle. Durante il suo viaggio interstellare, il poliide sarebbe stato bombardato da raggi cosmici ad alta energia, che avrebbero spezzato le molecole d’acqua e prodotto diidrogeno. Quest’ultimo sarebbe rimasto intrappolato sotto la superficie. Man mano che si avvicinava al sole, il gas ha cominciato a fuoriuscire, provocando questa ulteriore accelerazione. Grazie al loro modello, i ricercatori hanno dimostrato che una piccola quantità di diidrogeno, troppo piccola per essere rilevata, era sufficiente per spiegare la dinamica del visitatore dell’esopianeta.

READ  Il viaggio nel tempo è possibile, ma a una condizione

Ma perché questo effetto non si osserva sulle comete del sistema solare? Secondo Jennifer Bergner e Daryl Seligman, questo fenomeno appare solo in superficie, quindi diventa trascurabile per oggetti massicci. Tuttavia, Oumuamua, con i suoi 100 metri di diametro, è molto più piccola di una tipica cometa, che misura più di un chilometro.

Mentre ‘Oumuamua ritorna nelle profondità dello spazio interstellare, il mistero che si è lasciato alle spalle è stato finalmente risolto?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *