NSO e l’Arab Fund for Arts and Culture collaborano per lanciare il programma Book Room

NSO e l’Arab Fund for Arts and Culture collaborano per lanciare il programma Book Room

Marseille: Banter di Charlie Chaplin, Jazz di Django Reinhardt, interpretato anche da Alfreda Markowska, Who Saved Children from the Holocaust: A Marseille, una mostra di dimensioni senza precedenti in Francia presenta i contributi di Rom, Sinti e Rom alla storia politica e artistica europea .

“Forse persone razziste che discriminano, come Charlie Chaplin e non sanno che fa parte di questa minoranza”, spera Emmanuel Barreca, 28 anni, fumettista rumeno di Roma che vive in Germania, autore di una serie di immagini iconiche di Roma.

Mostra i volti di alcuni di quei manuchisti, zingari o zingari il cui lavoro e la cui lotta lo ispirano e che “potrebbero essere usati per combattere il pregiudizio”: Charlie Chaplin, Django Reinhart, che ha suonato con i più grandi jazzisti americani, Pierre-André Gignac, zingari . La calciatrice della nazionale francese, ovvero Alina Serban, la prima drammaturga romana a entrare nel repertorio del Teatro Nazionale in Romania, dopo la sua infanzia in uno slum, il cui trofeo viene assegnato alla migliore attrice tedesca nel 2020.

Sulla facciata del Museo delle Civiltà d’Europa e del Mediterraneo (Mucem), nel cuore della seconda città di Francia, è ampiamente esposto il titolo della mostra, inaugurata martedì sera e aperta fino al 4 settembre: “Barvalo: Roma, Sinti , schermagliatori, zingari, viaggiatori …”.

“Barvalo”, parola rumena, è una lingua franca parlata dagli indo-antenati di questi vari gruppi che oggi costituiscono la più grande minoranza in Europa, forte, secondo le stime, di circa 12 milioni di persone. “Barvalo significa + ricco + spirituale o materiale, come le culture rom, ma per estensione + orgoglioso +”, afferma Giulia Verloni, curatrice di Mucem.

Questo orgoglio, Cristian Badur, docente e ricercatore rumeno di Roma all’Università di Bucarest, l’ha sentito quando ha visto la facciata del Mucem e quando ha tradotto in lingua romanì l’intero catalogo della mostra che riunisce 200 opere e archivi dei musei europei e collezioni private o create appositamente da artisti romani contemporanei o zingari o viaggiatori.

READ  Karting: Un'inchiesta è stata aperta dalla FIA dopo il saluto nazista al pilota russo

“Qu’un musée national européen as le Mucem organizza une exposition d’une telle ampleur est une reconnaissance. It’s très emouvant”, témoigne le linguiste de Roumanie, pays où les Roms furent réduits en esclavage durant 500 ans, du XIVe au XIX secolo . Gli archivi rumeni mostrano, ad esempio, un annuncio che vende un “giovane zingaro” per 29 lotti.

“Questa mostra è unica perché è la prima volta che la storia, l’arte e la cultura rom sono presentate con tanta chiarezza, ma soprattutto perché le comunità rom l’hanno concepita, con i loro esperti, artisti e guide”, ha dichiarato Jona Steinberg, docente presso l’Università americana del Vermont, che ha avviato il progetto dopo aver osservato fino a che punto i musei ignorano i Rom.

La mostra ripercorre altre persecuzioni contro questa popolazione, come i quaderni antropometrici francesi, l’assimilazione dei viaggiatori – che si definiscono “viaggiatori” – come criminali attraverso la loro conservazione, e facilitando la loro deportazione durante la seconda guerra mondiale.

I nazisti ei loro alleati uccisero fino a 500.000 rom, secondo il Museo dell’Olocausto di Washington. Lo zingaro austriaco Sega Stoica (1933-2013), sopravvissuto a tre campi di concentramento, ha disegnato a lungo questa pagina oscura e silenziosa.

Progettato con Roma

Ma la mostra mostra anche la resistenza del viaggiatore francese Raymond Goreme, dello zingaro ceco Josef Serenek o della polacca Alfreda Markowska. Condannata ai lavori forzati sul treno per Auschwitz, salvò 50 bambini ebrei e zingari.

“Abbiamo anche antenati che hanno combattuto in tutte le guerre, viaggiatori che sono uomini e donne che servono il loro paese”, dichiara Sylvie Depart, un’artista Sinti francese il cui nonno, Marius Janel, era un combattente riconosciuto della resistenza.

READ  Perché la Torre di Pisa è pendente?

“Purtroppo, i viaggiatori vengono annunciati solo quando mettono la loro carovana ‘da qualche parte’, non quando prestano servizio in guerra”, si lamenta la persona che era una delle guide di Parvalo.

“Per una volta, siamo stati in grado di co-scrivere la storia che è stata raccontata su di noi”, si rallegra Anna Mirga-Kruszelnica, vicedirettore dell’Istituto europeo di arte e cultura rom (ERIAC), che ha partecipato a questo progetto con 18 personalità, molti rom.

“Barvalo può permettere ai giovani di Roma di ritrovare il rispetto di sé”, afferma Luna de Rosa, artista italiana che da tempo ha nascosto la sua identità di fronte agli “antizingari”. Un gruppo di adolescenti gitani che vivono o hanno vissuto nei bassifondi di Marsiglia ha visitato la mostra martedì sera con gli occhi lucidi.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *