Novak Djokovic mi ha portato in un’altra dimensione

Il numero uno del mondo Novak Djokovic ha ammesso che giocare contro Rafael Nadal sulla terra battuta è sempre qualcosa di speciale per lui. Il fenomeno serbo ricorda bene anche la finale del Monte Carlo Masters 2013 e questa impressionante vittoria sul 14 volte campione del record al Roland Garros.

Nel 2013 Nadal è arrivato a Monte Carlo determinato a vincere il suo nono titolo consecutivo, in questo torneo giocato sulla terra battuta. Dopo aver perso le finali di Monte Carlo nel 2009 e nel 2012, Djokovic era determinato ad andare avanti anche nel 2013.

Durante la sua ultima partita contro il campione di Spagna, Djokovic ha fatto una prestazione superba vincendo 6-2, 7-6 (1), alzando il suo primo trofeo a Monte Carlo.

“Sì, quelle partite contro Rafa in campo si sono sempre distinte dalle altre, penso che la finale del 2013, che ho vinto contro di lui in due set, sia stata una delle migliori partite giocate sulla terra battuta e contro di lui.

È chiaramente qualcuno che ha vinto tutti i tornei sulla terra battuta più di 10 volte. “Certo, è sempre difficile batterlo su questa superficie”, ha detto Djokovic, come riportato da Sportskieda.

Djokovic, che ha vinto il suo secondo e ultimo titolo finora a Montecarlo nel 2015, sperava di vincere lì il suo primo titolo quest’anno. “Il fango è la superficie su cui sono cresciuto in Serbia, e infatti ho giocato anche per molti anni solo su quella superficie.

Storicamente, questa non è la superficie su cui mi esprimo meglio, ma ho avuto un grande successo sulla terra battuta. La vittoria al Roland Garros 2021 è ancora fresca nella mia memoria, quindi cerco di prendere ispirazione da lui per iniziare la stagione sulla terra battuta nel miglior modo possibile”.

READ  Conte risponde alle critiche di Klopp sulla partita del Tottenham

“Capisco che probabilmente non sarò al meglio all’inizio della settimana. Sto ancora testando il mio motore, se posso dirlo, e costruendo il mio gioco, ovviamente ci vorrà del tempo, e ho anche bisogno di un po’ partite per poter tornare nel gioco competitivo di cui ho davvero bisogno”.

Yannick Sener su Djokovic

Durante un’intervista al quotidiano italiano La Gazzetta dello Sport, Jannik Sinner è tornato alla sua epica partita in 5 set contro Novak Djokovic. “Ci sto pensando, ovviamente, e dopo alcuni giorni ero di cattivo umore, ho cercato di vedere il lato positivo.

Nol ha dovuto alzare il livello al massimo, altrimenti sarebbe finita diversamente. Alla fine sembrava che fossi quasi crollato, ma no, è stato lui a portarmi in un’altra dimensione.

Ho ripensato a quella sconfitta contro Djokovic perché sembrava che fossi crollato, ma era semplicemente che era entrato in un’altra dimensione. Sono cresciuto. “A New York, voglio andare fino in fondo”, ha detto Yannick Sener.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.