No, il tuo dipendente non è lunatico, soffre di emicrania

No, il tuo dipendente non è lunatico, soffre di emicrania

“Per 15 anni ho visto chirurghi o giudici vomitare tra due casi, o persone che hanno dovuto cambiare lavoro o perdere il lavoro, ma tutti con scarso riconoscimento”, afferma la neurologa Elizabeth Leroux. (Immagine: 123RF)

RHéveil-matin è una rubrica quotidiana in cui forniamo ai manager e ai loro dipendenti soluzioni stimolanti per iniziare bene la giornata. Mentre sorseggi la tua bevanda preferita, scopri nuovi suggerimenti per rendere il tuo lavoro dalle 9 alle 5 produttivo e motivato.


Svegliarsi la mattina. L’emicrania è più di un semplice mal di testa, è una malattia neurologica a volte debilitante che può danneggiare in modo significativo la produttività e lo sviluppo della carriera delle persone che ne soffrono. Tuttavia, questa condizione viene raramente presa sul serio dalle aziende che hanno un ruolo cruciale da svolgere nel percorso di guarigione dei propri dipendenti.

“È riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come la principale causa di disabilità nelle persone sotto i 50 anni di età. […] “Poiché è invisibile, ci basiamo sulla descrizione della persona, e non c'è niente di più facile che presumere che non abbia nulla e voglia solo prendersi un giorno libero.”

Al contrario, i malati di emicrania che si rivolgono alla sua clinica fanno del loro meglio per continuare a lavorare nonostante i sintomi, dice la donna che parteciperà alla tavola rotonda “Emicrania, mal di testa e mal di testa: un affare da donne?” Organizzato dalla Federazione dei medici specialisti del Quebec l'8 marzo 2024.

“Nel corso di 15 anni, ho visto chirurghi o giudici vomitare tra due casi, o persone che hanno dovuto cambiare lavoro o perdere il lavoro, ma il tutto con scarso riconoscimento”, dice. Ho un paziente che una volta mi ha detto che gli mancava il cancro, perché almeno in quel momento si prendevano cura di lui.

READ  Qual è il trattamento per l'apnea notturna?

Avviare questo cambiamento di percezione, soprattutto tra la comunità imprenditoriale, è una delle principali preoccupazioni per coloro che sono preoccupati per questo problema che colpisce più di un canadese su 10 e tre volte più donne che uomini.

“Ogni giorno ascolto storie terribili di pazienti che aspettano da due anni di vedere i neurologi e spero semplicemente che vengano creduti”, aggiunge la fondatrice di Migraine Québec.

Ha lamentato che il sistema sanitario del Quebec rimane scarsamente controllato e che questo male invisibile ha gravi conseguenze economiche. Infatti, secondo uno studio canadese del 2022, ogni anno l’emicrania cronica costa 25.669 dollari a persona in trattamento e perdita di produttività.

Sintomi debilitanti

A differenza del semplice mal di testa, l'emicrania provoca mal di testa ricorrenti che sono accompagnati da sintomi neurologici come intolleranza sensoriale, nausea e vomito, o addirittura perdita della vista, spiega il medico che esercita presso la Clinica Neurologica di Montreal.

Si parla di emicrania cronica quando questi attacchi si verificano per più di 15 giorni al mese. Secondo uno studio del 2021 su 1.119 canadesi che soffrono di emicrania, più della metà dei partecipanti rientra in questa categoria.

“È un continuum di angoscia. Più sei colpito, più il tuo lavoro avrà un impatto sulla tua vita personale e professionale”, afferma Elizabeth Leroux.

Sul posto di lavoro, diversi fattori possono contribuire a innescare una tale crisi. L'illuminazione a LED, alcune tapparelle, ambienti visivamente affollati o caldi, o anche l'odore del profumo forte di un collega possono servire da scintilla per un'emicrania.

Lo stesso vale per ambienti di lavoro stressanti o emotivamente impegnativi.

“L'insegnante non può bere molta acqua, perché non può assentarsi e lasciare la classe da sola. La disidratazione provoca emicranie. Le persone che soffrono di emicrania sono talvolta viste come lunatiche. Tuttavia, non possiamo dire a un paziente asmatico che ha l'asma perché non può essere esposto al polline.

READ  Connettiti con la tua voce - Le Grand Plateau

Ecco perché il neurologo chiede più formazione all’interno delle organizzazioni e dei gestori delle risorse umane. Ciò non solo consentirà di riconoscere e comprendere questa malattia neurologica, ma fornirà anche le strutture necessarie per aumentare la produttività delle persone che ne soffrono.

Il datore di lavoro deve anche offrire piani assicurativi che coprano questi trattamenti per alleviare questo onere finanziario, ma anche fornire l’accesso a cure difficili da ottenere, soprattutto per i pazienti più giovani o comunque sani.

“Se hai dipendenti che soffrono di emicrania, dovresti incoraggiarli a consultarsi [ des professionnels de la santé …] Aggiunge che le risorse disponibili come Migraine Québec. Al di là dell’accomodamento, vogliamo che guariscano. Ho pazienti che ottengono risultati del trattamento dal 50% al 75% e ritornano nel mondo del lavoro o a tempo pieno.

Conferma che questo sostegno è chiaro alla luce della carenza di manodopera.

Lavorare da remoto o non lavorare da remoto, questa è la questione che mette in subbuglio molte aziende.

Condividi la tua opinione con i nostri lettori compilando questo modulo.


You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *