Nizza e la sua Promenade des Anglais, patrimonio mondiale dell’UNESCO

(Nizza) Nizza e il suo incomparabile contesto urbano, plasmato da 200 anni di storia mondiale e dall’entusiasmo dei facoltosi visitatori invernali attratti dai vantaggi del suo clima ai margini del Mediterraneo, sono stati designati martedì dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.


Claudine Renaud
Agenzia di media Francia

Conosciuta come la “Riviera Winter Resort” per il suo patrimonio architettonico, paesaggistico e urbanistico, la quinta città più grande della Francia unisce una quarantina di siti in Francia, come le rive della Senna a Parigi, la cattedrale di Amiens o Mont Saint-Michel.

L’area classificata copre poco più di 500 ettari e comprende in particolare la Promenade des Anglais, in riva al mare.

Il sindaco Christian Estrosi ha salutato: “La storia di Nizza, sia radicata che aperta, mediterranea e alpina, europea e cosmopolita, ha prodotto un’architettura e un paesaggio unici, un modello per molte altre città del mondo”.

“Questa iscrizione stabilisce la città di Nizza come archetipo della località balneare invernale con la sua posizione eccezionale, tra mare e montagna, e le varie influenze che hanno plasmato il suo patrimonio”, ha accolto su Twitter il ministro della Cultura Roslyn Bachelot.

Fino agli albori dell’ottocento Nizza era un antico borgo italiano del Regno di Piemonte-Sardegna, adagiato su un colle con un castello in rovina, su una costa considerata inospitale e ostile. Il suo destino cambiò quando l’aristocrazia inglese, desiderosa di località di villeggiatura temperate per trascorrere l’inverno, mise gli occhi su di lei.

Poi una nuova città si sviluppò in una vera e propria “capitale invernale” per i ricchi disoccupati e gli aristocratici itineranti di tutta Europa per i quali furono disegnati strade, parchi e passeggiate per godersi la vita all’aria aperta, e furono piantate piante esotiche, palme o alberi di arancio, su terreno arido.

READ  Mama Roma, il primo hotel Mama Shelter in Italia, aprirà a luglio

Con la riconnessione di Nizza con la Francia nel 1860, il treno raddoppiò la portata e il numero di questi ricchi residenti in cerca di distrazioni e di un’atmosfera salubre, in un’epoca in cui la tubercolosi era ancora devastante.

Furono prima gli inglesi, poi i russi e sudditi degli imperi tedesco e austro-ungarico. La città di Nizza accoglie gradualmente visitatori da tutta Europa e persino dalle Americhe, il che la rende il primo rappresentante di questa località della Riviera.

Per loro furono costruite ville (le più antiche risalgono al 1787), alberghi (Le Regina per la regina d’Inghilterra e il suo padiglione) o edifici per il tempo libero chiamati “palazzi” che oggi costituiscono un magnifico edificio.Un insieme urbano circondato da un anfiteatro di colline tipiche della geografia di Nizza.

Clima bello e temperato

Nel 1900 il piacere di fare il bagno in mare non era ancora stato inventato, ancor meno di prendere il sole, ma la città accoglie già 150.000 abitanti all’anno, una presenza che non ha eguali in altre località di villeggiatura.

“Così le attrattive di quella che sarebbe diventata la Riviera nel senso tardo del termine furono scoperte per la prima volta a Nizza: il paesaggio pittoresco derivante dalla vicinanza della montagna e del mare, la tenerezza del clima invernale, l’esotismo della vegetazione e anche, in una certa misura, l’unicità dei modi di vita delle popolazioni indigene”, afferma la città. In una cartella stampa.

L’iscrizione nel patrimonio dell’UNESCO conferisce alla città un fortissimo standing internazionale che il comune si augura possa giovare alla già fiorente attività turistica e all’economia locale.

Ha anche lo scopo di promuovere la sensibilizzazione dell’opinione pubblica ma anche di proteggere dagli sviluppi distruttivi, grazie al regolamento urbanistico del patrimonio, in una città che ha subito assalti irreversibili come la distruzione del Palazzo Ruhl, Major Belle Epoque nel 1912, che è stato fatto esplodere con la dinamite negli anni ’70. Invece, costruisci un hotel con i vetri oscurati.

READ  UniCredit avvia "trattative esclusive" con la Roma per l'acquisizione di BMPS

Da quando ha lanciato la sua candidatura all’UNESCO, la città ha demolito più di 300 edifici, li ha protetti e restaurato decine di edifici, ville e giardini.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *