Terremoto in Turchia e Siria | Le Ong descrivono il “caos” dei primi tempi

Terremoto in Turchia e Siria |  Le Ong descrivono il “caos” dei primi tempi

(Parigi) Volontari bloccati dalle autorità, mancanza di aiuti esterni, condizioni meteorologiche complicate: a un mese dal terremoto che ha ucciso più di 50mila persone in Siria e Turchia, le Ong parlano delle prime condizioni “caotiche” nei giorni terreni del disastro .


Situata nel nord-ovest della Siria in guerra, Handicap International può contare solo, nelle ore successive al terremoto di magnitudo 7,8 del 6 febbraio, spiega Miriam Abord-Hogon, direttrice del Programma Siria della Ong, “su se stessa”.

Innanzitutto perché il suo team locale, composto da un centinaio di persone che vivono in Siria, ha sofferto il terremoto stesso e le sue numerose scosse di assestamento.

“Abbiamo passato le prime ore a fare più chiamate per contare la nostra forza lavoro. Quando abbiamo visto che mancava qualcuno e la loro casa era stata distrutta, è stato spaventoso”, dice Miriam Upward-Hugon, che è stata addolorata nel trovarla morta tra le macerie tre giorni dopo .

Tuttavia, gruppi di soccorritori schierati sul posto più di una volta si sono trovati nell’impossibilità di intervenire tra le macerie degli edifici sotto i quali vi erano vittime.

Per “l’entità del disastro” che, secondo le stime delle Nazioni Unite, ha generato nei due Paesi fino a 210 milioni di tonnellate di macerie, osserva l’ufficiale, oltre che per la mancanza di attrezzature, soprattutto ruspe.

L’impossibilità di ricevere rinforzi e attrezzature dall’esterno del Paese ha in gran parte “limitato le cose” alle squadre umanitarie in questa regione ribelle senza sbocco sul mare della Siria, compreso l’unico punto di confine aperto con la Turchia, Bab al-Hawa, che è stato danneggiato durante il terremoto. .

READ  Classifica Forbes dei miliardari nel 2023: l'Italia ha 64 miliardari, Giovanni Ferrero (Nutella) quest'anno è l'italiano più ricco del mondo

“Anche se gli ospedali erano abituati, con la guerra, a prendersi cura dei pazienti multitraumatizzati dopo un crollo, sono stati sopraffatti dal numero di persone ferite dal terremoto”, osserva Miriam Upord-Hugon.

In Turchia, dove gli aiuti internazionali hanno cominciato ad arrivare il giorno dopo il terremoto, alcuni volontari si sono trovati paralizzati dalle autorità locali.

Questo è stato particolarmente vero per dodici ore particolarmente cruciali all’aeroporto di Kahramanmaras, nel sud-est del Paese, afferma Ezgi Karakos, un volontario di una ONG presente sul posto.

Ritorno frettoloso

“Il nostro caposquadra ha dovuto chiamare l’autobus municipale per poter arrivare alla riparazione dopo ventiquattr’ore”, ricorda.

Il volontario si rammarica che le ONG siano state costrette ad operare solo nelle aree designate dall’AFAD, l’autorità di emergenza del governo turco.

Grazie ad Afad, il presidente di SOS Attitude John Dixa ha potuto distribuire attrezzature di emergenza (tende, sacchi a pelo e coperte) ai villaggi della regione di Al Bustan, vicino all’epicentro del secondo terremoto che ha colpito la Turchia il 6 febbraio.

Ma la sua squadra inizialmente ha dovuto affrontare condizioni meteorologiche difficili.

“La temperatura era tra i -15 ei -20 gradi di notte, e ci sono volute quasi cinque ore per percorrere cinque chilometri solo a causa della neve”, spiega il volontario.

Fu solo durante la sua seconda settimana sul campo, nel distretto agricolo di Pazardik, che “le cose si complicarono” per la situazione SOS, dopo che esercito, gendarmeria e polizia turchi si impossessarono improvvisamente del locale centro di distribuzione degli aiuti ed espulsero tutti i il suo personale. volontari.

Privata di una base operativa, nel bel mezzo delle trattative con la dogana per recuperare le attrezzature trattenute nel porto di Mersin, l’associazione ha dovuto affrettare il suo rientro in Francia a causa di un problema meccanico al suo veicolo, che ne ha impedito la prosecuzione dei lavori a terra. .

READ  La situazione economica: quando i paesi del sud dell'Unione Europea avanzano sui “falchi” del nord

A un mese dal disastro, Gün Dyksa si prepara a tornare in Turchia per continuare il suo impegno nell’aiutare i profughi, il loro “più grande bisogno attuale”, mentre Ezgi Karakos teme “grossi problemi igienici” causati dalla mancanza di acqua nelle zone colpite.

In Siria, dove le autorità hanno temporaneamente aperto i valichi al confine con la Turchia a metà febbraio, Handicap International sta ora concentrando i suoi sforzi sul sostegno psicologico e sulla riabilitazione fisica per i sopravvissuti.

Con un obiettivo chiaro, sottolinea Miriam Upward-Hugon: “Evitare che le loro ferite diventino disabilità permanenti”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *