Natale, Zaia anticipa la stretta: ‘Stop alla circolazione tra i comuni dopo le 14 del 19’ – Politica

Verso la fine del Natale, si attendono le decisioni del governo ma per l’Italia sarà un Natale rosso.

Così come ci sono divisioni all’interno del governo tra “rigoristi” e “possibilisti”, la stessa decisione si ritrova tra i governatori, ovviamente a seconda dell’andamento epidemiologico della curva. Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha emesso una nuova ordinanza che anticipa la stretta del governo.

“Chiusura dei confini comunali dopo le 14 dal 19 dicembre al 6 gennaio” precisa il governatore.

‘Fuga avanti’ anche a San Marino dove il cenone di Capodanno sarà possibile fino all’una di notte. Il governo sammarinese emanerà un decreto che proroga al 31 dicembre l’orario di apertura di locali e ristoranti. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Salute, Roberto Ciavatta, intervistato da Luca Salvatori per la trasmissione Viceversa di Rtv San Marino. “Purtroppo non esistono misure che garantiscano scientificamente una diminuzione dei contagi – ha detto Ciavatta – gran parte del dibattito intorno alle misure viene utilizzato specificamente per fare polemiche, lo vediamo spesso in Italia, di natura politica“.” Noi – prosegue Ciavatta – abbiamo cercato di dare continuità ai provvedimenti, tanto che in questa seconda ondata ci sono stati pochissimi decreti e modifiche. Credo che tentare la riapertura per Natale non sia stata una buona mossa per l’Italia, ma siamo rimasti in linea con le nostre indicazioni. Oggi verrà emanato un decreto sul prolungamento dell’orario di apertura per il capodanno, perché abbiamo deciso, insieme alla struttura sanitaria che invece di chiudere a mezzanotte e lasciare che gli avventori facciano un brindisi fuori dal ristorante, è meglio che restino all’interno “con le necessarie misure di sicurezza, maschera e distanza.

READ  Calabria-Kalulu, test di personalità. Calha e Tatarusanu decisivi ai rigori

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA