Mondiali di basket: la Lettonia affronta l’Asia | TV5MONDE

Mondiali di basket: la Lettonia affronta l’Asia |  TV5MONDE

Dopo aver invaso Giakarta, la “tempesta” baltica si prepara a colpire Manila, dove la nazionale lettone di basket disputerà, mercoledì, i quarti di finale dei Mondiali contro la Germania alla sua prima partecipazione, scrivendo così una delle pagine più belle della Lettonia. gli sport.

“Tempesta lettone a Giakarta”, titola il quotidiano nazionale “Latvijas Avizi” dopo la qualificazione contro il Brasile nello stadio dell’Indonesia, bagnato da un’ondata granata, il colore di questo piccolo Paese che ha riconquistato l’indipendenza nel 1991 dopo oltre 45 anni anni sotto il dominio dell’Unione Sovietica. giogo.

“1,8 milioni di persone, qui è un villaggio!” Rudolfs Rose, uno dei 3.000 tifosi lettoni presenti a Giakarta, ride all’AFP.

Hanno illuminato la stanza al ritmo di “Lettonia, Lettonia!” e hanno catturato il cuore degli indonesiani mentre la loro squadra sfidava le probabilità, eliminando la Francia e poi la Spagna.

Queste imprese sono state seguite in tutto il paese davanti agli schermi televisivi o ai maxischermi installati nei parchi di Riga e hanno attirato ben oltre i tifosi del pallone arancione.

“Mentre il mondo cerca su Google ‘Cos’è la Lettonia?’, io digito ‘Cos’è i quarti di finale della Coppa del Mondo FIBA?’”, ha scritto Armands Vijobs, direttore di una startup di Facebook.

Banshee come allenatore

L’allenatore italiano della Lettonia Luca Banci con i suoi giocatori dopo la vittoria sul Brasile a Giakarta il 3 settembre 2023.

Agence France-Presse/Archivio

In Lettonia, la palla arancione non è considerata una religione come lo è nel paese vicino e gemello, la Lituania, dove ha rafforzato l’identità nazionale negli anni ’90.

“Dopo aver vinto la medaglia di bronzo alle Olimpiadi del 1992, tutti i lituani hanno iniziato a giocare a basket – ha detto all’AFP il giornalista televisivo lettone Renis Osinics – In Lettonia è diverso: il basket è sempre stato molto popolare, ma meno dell’hockey su ghiaccio”.

READ  Con otto tentativi sul cronometro, i Blues sono arrivati ​​ai quarti di finale senza tremori (60-7).

La nazionale lettone, rappresentata sulla scena sportiva internazionale anche da Jelena Ostapenko, vincitrice del Roland Garros nel 2017 o due volte campionessa olimpica di BMX (2008 e 2012), ha organizzato alla fine di maggio un ricevimento trionfale per i giocatori di hockey . È salito per la prima volta sul podio in Coppa del Mondo (terzo).

Sul fronte del basket, la Lettonia è stata il primo campione europeo (1935), ha prodotto un grande trequartista della nazionale sovietica degli anni ’80 (Valdis Valters), e Riga ha dominato il basket femminile europeo (18 primi posti tra il 1960 e il 1982).

Ma la brillantezza del Paese è diventata meno evidente dopo la sua indipendenza, e la selezione maschile non era nemmeno idonea per i Campionati Europei del 2022.

Dopo questo ostacolo, Caspars Cipros, segretario generale della Federazione, convinse l’esperto tecnico italiano Luca Banchi, suo allenatore a Trieste (Italia) all’inizio degli anni 2000, a farsi carico della selezione.

“Mi ricordavo di un allenatore molto difficile ma molto bravo. Questo è uno dei motivi per cui l’ho invitato: sviluppare il potenziale dei nostri giovani. In Europa ci sono tanti bravi allenatori ma pochi riescono a far giocare la propria squadra bene, le assenze non influiscono sulla partita. Senza i loro migliori giocatori. “Luca tira fuori sempre il meglio dal suo gruppo. Le assenze non influiscono sulla partita”.

Ego e assenza

Il lettone Arturs Zagars vs Brasile il 3 settembre 2023 a Giakarta

Agence France-Presse/Archivio

La Lettonia è stata infatti privata di quattro dei suoi cinque giocatori titolari per la Coppa del Mondo: Kristaps Porzingis (Boston Celtics), Janis Strelniks (AEK Atene) e Reihards Lomaz (Saragozza) si sono ritirati prima della Coppa del Mondo, mentre il capitano Deris Bertans si è ritirato per infortunio contro la Francia.

READ  Medvedev deraglia, Tim si avvicina alla squalifica ... cosa va ricordata dalla quarta giornata

Indipendentemente da ciò, Banshee ha fatto affidamento sulla giovane guardia, incluso l’impressionante leader 23enne Arturus Zagars, in un gruppo molto coeso che ha sviluppato un gioco di squadra raffinato.

“In ogni partita, chiunque può presentarsi, prendere fuoco, segnare o intraprendere un’azione decisiva, in attacco o in difesa”, afferma Zagars.

“Chi finirà come capocannoniere? Chi tirerà più tiri? Chi se ne frega”, aggiunge il playmaker Christers Zorex.

Per Ivar Ozolins, tifoso di Jakarta, il successo di Banshee sta nel “gestire l’ego, e ora siamo una vera squadra”.

“Ha cambiato la mentalità dei giocatori”, conferma Renis Osinex. “Era molto coinvolto nel basket lettone, invitando soprattutto gli allenatori dei club ad allenare la squadra”. Ora è pronta per continuare il suo fantastico viaggio in Asia.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *