Mandato d’arresto della Cpi contro Putin, decisione “molto importante” per Parigi

Mandato d’arresto della Cpi contro Putin, decisione “molto importante” per Parigi

Il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna ha dichiarato in un’intervista che sarà pubblicata domenica che l’emissione di venerdì da parte della Corte penale internazionale di un mandato di cattura per Vladimir Putin per crimini di guerra in Ucraina è stata una decisione “molto importante”.

• Leggi anche: La guerra in Ucraina: perché il mandato d’arresto contro Putin non cambierà nulla

• Leggi anche: Prima di Vladimir Putin, gli ex presidenti erano ricercati dalla Corte penale internazionale

• Leggi anche: Emissione di un mandato d’arresto contro il presidente russo Vladimir Putin

“Questa decisione è molto importante perché significa che chiunque sia responsabile di crimini di guerra o crimini contro l’umanità deve essere ritenuto responsabile, indipendentemente dal suo status o grado”, ha detto il capo della diplomazia francese in un’intervista al quotidiano Sunday Weekly. .

Ha continuato: “Non c’è nessun anello della catena che ora possa contemplare che sfuggiranno alla giustizia e questo dovrebbe far riflettere molti”, quindi è una decisione che potrebbe cambiare il corso degli eventi.

La decisione della Corte penale internazionale, con sede a L’Aia, riguarda la “deportazione” di migliaia di bambini ucraini in Russia dall’inizio del conflitto con l’Ucraina un anno fa, che costituisce un crimine di guerra.

E mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky lo ha descritto come “storico”, Mosca lo ha deriso e lo ha descritto come “nullo e non valido”, perché la Russia non è un membro della Corte penale internazionale, e quindi non riconosce la giurisdizione di questa corte, secondo al portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

“La Francia sostiene il tribunale, così come aiuta la giustizia ucraina inviando immediatamente squadre specializzate per documentare le violazioni o identificare le vittime”, ha commentato Catherine Colonna.

READ  Ucraina: il CICR ha recentemente ottenuto l'accesso ai prigionieri di guerra ucraini e russi

Alla domanda sulle spedizioni di 13 caccia MiG-29 dalla Slovacchia e altri 4 dalla Polonia, annunciate questa settimana, il ministro degli Esteri francese ha risposto che “tutto ciò che aiuta l’Ucraina è utile”.

I paesi con materiale sovietico che gli ucraini già conoscevano sono stati in grado di prendere questa decisione. (…) Per contrastare (l’attacco russo), l’Ucraina deve essere in grado di resistere con i mezzi ora disponibili”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda la futura consegna da parte della Francia di aerei da combattimento più avanzati, “in linea di principio, hanno detto il presidente della Repubblica e il ministro delle forze armate, non ci sono tabù”, ha ribadito il capo della diplomazia francese.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *