Mancini: “La frustrazione di Pirlo non può durare per sempre”

Thomas Siniecki: pubblicato martedì 23 marzo 2021 alle 1951

È il lavoro che entra in gioco … Da buon padre degli allenatori italiani, anche se è ben lungi dall’essere ancora il più anziano o esperto, Roberto Mancini ha voglia di temperare la tempesta attorno ad Andrea Pirlo alla Juventus.

Roberto Mancini non è preoccupato per Andrea Pirlo. L’allenatore dell’Italia sdrammatizza: “Tutti gli allenatori stanno attraversando momenti difficili, non è l’unico. Lo è adesso, ma fa parte del lavoro. Ci sono momenti in cui è difficile trasmettere le tue idee ai tuoi giocatori.. La frustrazione non può durare per sempre, è importante essere positivi e accettare che possa succedere. Non è possibile avere solo bei momenti in questo lavoro. Devi essere in grado di superare periodi. difficili. È giovane, sta iniziando in un grande club e questo fa parte di Il corso. “Pirlo è indebolito dai risultati deludenti della Juventus, eliminata dalla Champions League dal Porto due settimane fa e in via di perdere il titolo di campione d’Italia.

Sconfitta domenica in casa dal Benevento (0-1), la Juve ora conta a dieci punti dall’Inter a undici giorni dalla fine, e sarà quindi estremamente difficile per lui mettere insieme un decimo titolo nazionale di fila … Problema, è il primo anno in panchina per Pirlo, che inevitabilmente simboleggia questa fine del ciclo. “Sono preoccupato, non è andata come previsto, ha rimpianto l’interessato domenica, dopo la sconfitta della sua famiglia. Non parleremo di errori tecnici o tattici, ma piuttosto di un pessimo approccio con i dirigenti a fine partita. , come sempre. Abbiamo due settimane per analizzare tutto questo, ma dovremo metterci le spalle e lavorare per uscirne “. Roberto Mancini non avrebbe potuto dire di meglio.

READ  I PIATTI ESSENZIALI ITALIANI - Le Canada Français

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *