L’esercito birmano mantiene saldamente il paese all’indomani del colpo di stato

(Yangon) L’esercito birmano sembra aver rafforzato il controllo del paese martedì dopo il colpo di stato bianco in cui è stata arrestata la leader Aung San Suu Kyi, e le molteplici condanne internazionali sono rimaste senza risposta dai generali.




France Media

In vista delle elezioni legislative a novembre, i militari hanno dichiarato lunedì lo stato di emergenza di un anno, ponendo bruscamente fine a un arco democratico di 10 anni.

Hanno arrestato Aung San Suu Kyi, 75 anni, e altri leader del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia, poco prima della prima sessione del Parlamento.

FOTO THET AUNG, ARCHIVI AFP

Aung San Suu Kyi

Il suo partito ha convocato martedì per l’immediato “rilascio” dell’ex leader e degli altri leader del movimento.

La National League for Democracy ha scritto sulla sua pagina Facebook: “Rilascia tutti i detenuti, compreso il presidente (Win Myint) e il consigliere di Stato (Suu Kyi)”. Questo colpo di stato è “una vergogna nella storia dello Stato e del Tatmadaw”, l’esercito birmano. Un membro della sua formazione ha riferito che Aung San Suu Kyi è agli arresti domiciliari nella capitale, Naypyidaw.

Molti paesi hanno condannato il colpo di stato, poiché Washington ha minacciato di imporre sanzioni e martedì si terrà una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Nessun segno di una presenza militare importante a Rangoon, la capitale economica, martedì mattina, prova della fiducia dell’esercito nel suo controllo del paese 24 ore dopo il colpo di stato, secondo gli osservatori.

READ  Birmania | Il consiglio militare rilascia più di 23.000 prigionieri

Le connessioni telefoniche e l’accesso a Internet, che erano stati gravemente interrotti il ​​giorno prima, sono tornati in attività, le banche hanno riaperto, ma l’aeroporto internazionale di Yangon è rimasto chiuso.

I giornalisti di Agence France-Presse hanno indicato che i mercati e le strade, che erano generalmente vivaci nonostante la pandemia di Coronavirus, erano più tranquilli del solito, sebbene pochi residenti si recassero al parco per l’esercizio mattutino.

FOTO THEIN ZAW, AP

Le lingue stavano lottando per allentare le catene per paura di vendette in un paese che ha vissuto dalla sua indipendenza nel 1948 sotto il giogo di una dittatura militare per quasi 50 anni.

“La gente ha paura di criticare pubblicamente, anche se non ci piace quello che sta succedendo”, ha detto all’Afp Mong Zhao, che gestisce una piccola bancarella di carne.

“Aung San Suu Kyi è nelle mani dei militari, non possiamo fare molto”, ha detto un tassista, che ha chiesto l’anonimato.

Arresti domiciliari a Suu Kyi?

L’esercito non ha rilasciato alcuna informazione su dove si trovasse l’ex leader, il presidente Win Myint, e altri funzionari della Nld, che sono stati arrestati.

Un membro del suo partito ha detto all’Agence France-Presse, che ha chiesto l’anonimato, che ci è stato detto che era “agli arresti domiciliari a Naypyidaw” nella capitale. “Ma siamo preoccupati”, aggiunge questo deputato, lui stesso agli arresti domiciliari nel palazzo dove risiedono i deputati.

Per giustificare il loro colpo di stato, i soldati hanno affermato che le elezioni legislative di novembre, vinte in modo schiacciante dalla Lega nazionale per la democrazia, sono state segnate da “massicce irregolarità”, che la commissione elettorale ha negato.

READ  Un cognac del 1777 all'asta

Percependo gli eventi, Aung San Suu Kyi ha preparato una lettera in anticipo, esortando i birmani a “non accettare un colpo di stato”.

L’esercito si è impegnato a tenere nuove elezioni “libere ed eque” dopo che lo stato di emergenza è stato revocato per un anno.

Ma i generali sono rimasti in silenzio di fronte a forti condanne dall’esterno.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha invitato la comunità internazionale a “parlare con una sola voce per chiedere che l’esercito birmano ceda immediatamente il potere”, mentre le Nazioni Unite e l’Unione europea hanno condannato all’unanimità il colpo di stato.

In cambio, Pechino si è rifiutata di criticare chiunque e ha semplicemente invitato tutte le parti a “risolvere le divergenze”.

Sembrava internazionale

Il capo dell’esercito Min Aung Hling, che ora concentra la maggior parte dei poteri, è ostracizzato dalle capitali occidentali a causa della sanguinosa repressione dell’esercito nei confronti della minoranza musulmana Rohingya, una tragedia che la Birmania merita ”. Essere accusato di “genocidio” dinanzi alla Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite.

Aung San Suu Kyi, criticata a livello internazionale per la sua passività nella crisi che ha spinto centinaia di migliaia di Rohingya a cercare rifugio in Bangladesh, rimane amata nel suo Paese.

A lungo in esilio, “Mother Soo” è tornata in Birmania nel 1988, diventando la figura dell’opposizione alla dittatura militare. Ha trascorso 15 anni agli arresti domiciliari prima che i militari la liberassero nel 2010.

Nel 2015, l’LNA ha ottenuto un’ampia maggioranza e l’ex dissidente è stato costretto a un’attenta condivisione del potere con l’esercito ancora molto potente.

READ  Power cuts plunge Pakistan into darkness

Derek Mitchell, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Birmania, ha affermato che nonostante la crisi dei Rohingya, l’Occidente “dovrebbe rispettare” l’esito delle elezioni legislative di novembre, che ha vinto. “Non la persona, è il processo democratico” è in gioco.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *