Le piante che mangiano la sabbia sono oggetto di un articolo su “Science”

Tra gli elementi essenziali della crescita delle piante, il silicio – o Si, il nome appreso della buona vecchia sabbia – è in fondo alla lista. “In generale, non si trova in abbondanza nei tessuti vegetali, tranne che in alcune specie che si accumulano nelle loro foglie per proteggersi dagli erbivori. Per questi ultimi, è come se stessero macinando la sabbia nella loro insalata”, spiega Etienne Laliberti, professore nel Dipartimento di Scienze Biologiche dell’Università di Montreal, pubblicato in Scienza, Questa settimana, un articolo fa luce su un lato sconosciuto di questa complessa relazione tra piante e silicio. Il primo autore è un dottorando dell’Università di Liegi, Belgio, Felix de Tombre, ei coautori provengono da Panama, Australia e Francia.

Rimane la vecchia controversia sul ruolo delle piante nel ciclo del silicio. Tradizionalmente, le piante non sono state considerate importanti nel riciclaggio di questo elemento. Tuttavia, i risultati dei ricercatori mostrano che “la ritenzione di silicio da parte della pianta durante il declino dell’ecosistema sostiene il suo ciclo terrestre”. In altre parole, le piante che sanno come mangiare la sabbia aiutano a preservare questo elemento nel terreno.

Sulla costa occidentale dell’Australia, vicino a Perth, le osservazioni sono state effettuate grazie al lavoro di Etienne Laliberté e del suo team sul sito per 10 anni. L’area ha una specificità geologica: non è stata esposta ai ghiacciai da milioni di anni e il clima è relativamente stabile. Il suolo che vediamo in superficie è tra i più antichi del pianeta ”, spiega.

Suolo povero e grande biodiversità

Parte della storia geologica e biologica del mondo si sta svolgendo sotto i piedi dei ricercatori qui. Anche suoli moderni sono stati depositati negli ultimi migliaia di anni, con suoli di “bambini”, “adolescenti”, “adulti” e “antichi ”Suoli a pochi chilometri nell’entroterra. In confronto, i suoli in Canada sono nella loro infanzia, sebbene il sottosuolo (chiamato Canadian Shield) sia tra i più antichi del mondo.

READ  Verso un nuovo vaccino personalizzabile

Ciò che cattura l’attenzione di un osservatore di questo ecosistema oceanico è la ricchezza della biodiversità vegetale. La maggior parte delle piante arboree assomiglia in qualche modo a una foresta pluviale in miniatura. Non c’è un’apparente contraddizione in un’area nota per il suo suolo sterile? “In effetti. La grande differenza è il tempo. In questo luogo, non ci sono state estinzioni massicce dovute alle glaciazioni durante l’era glaciale. In alcuni casi, la natura ha impiegato milioni di anni per evolversi in questo ambiente eccezionalmente stabile. Quindi, quello che abbiamo scoprire che c’è il risultato di un lungo periodo. “Di adattamento”.

Il silicio è l’elemento più abbondante nella crosta terrestre dopo l’ossigeno. Fa parte della formazione del plancton, che assorbe per formare il suo scheletro, ma pochi esseri viventi ne fanno la loro dieta principale. Tra le piante, una notevole eccezione è il campo di equiseto, che si trova in Quebec.

In Australia, Félix De Tombeur ha raccolto pazientemente campioni di foglie da cinque terreni di età diverse e ne ha analizzato la composizione chimica. Questo gli ha permesso di comprendere meglio un fenomeno straordinario. Mentre nei suoli giovani le piante non svolgono un ruolo importante nel riciclaggio del silicio, nei suoli vecchi e non fecondati le piante accumulano le foglie in forme solubili e quindi hanno una funzione importante nel ciclo. Lo studio mostra che i processi biologici sono importanti, a differenza della teoria abiotica, ma dipendono dall’età del suolo. “Senza chiudere il dibattito, il nostro articolo mostra che ci sono poche ipotesi nella spiegazione scientifica”, conclude Etienne Leibert.

READ  Friends of Science and Climate, una nuova associazione ambiziosa

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *